International

Natale a Cuba

Dopo anni di fervore ideologico le festività si stanno ristabilendo nell'isola

Quello che sembra un cinepanettone, “Natale a Cuba”, era fino a pochi anni fa un ossimoro. Racconta la dissidente cubana Yoani Sanchez che per molti anni, mentre il resto dell’Occidente celebrava le festività natalizie, a Cuba i bambini erano costretti sui banchi di scuola.

Vittime del fervore ideologico comunista e di un ateismo di facciata, i cubani hanno potuto celebrare il Natale per anni solo nell’intimità delle proprie case.
Da alcuni anni, complice anche l’ammorbidimento all’interno del paese, le celebrazioni si stanno diffondendo. Non in modo ufficiale, visto che non sono approvate dal parlamento, ma con gli studenti che hanno iniziato a stare a casa, tanto da costringere il Ministero dell’Istruzione a prenderne atto e a dover dichiarare una “pausa” di due settimane.

Il fervore ideologico, però, è duro a morire. Racconta la giornalista che un’anziana vicina l’ha guardata con disprezzo mentre montava delle lucine natalizie. “E’ una tradizione importata”, le ha detto. “Anche il marxismo”, le ha risposto piccata la Sanchez.

Tags
Mostra altro

Stefano Basilico

Stefano Basilico nasce nel 1990 a Busto Arsizio. Cresce a Misinto e dopo il liceo classico studia Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali all'Università Cattolica di Milano. A 19 anni esordisce su Ffwebmagazine, all'epoca punta di diamante della galassia culturale di centro destra, collabora con i magazine dell'area, come Libertiamo e Il Futurista. Tra le esperienze annovera la collaborazione con magazine politicamente diversificati, come Fareitaliamag e l'Espresso.

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.