Flash

Tre ragioni all’origine dell’euroscetticismo dei Paesi orientali della Ue

Molte persone sono perplesse rispetto ala svolta euroscettica dell’Europa centrale: dopo tutto, la regione ha assistito a una crescita economica relativamente solida negli ultimi due decenni e Bruxelles ha contribuito a trasformare le infrastrutture.

Perché alcuni chiamano Bruxelles la “nuova Mosca»? Per tre ragioni.

Primo, l’Europa centrale è particolarmente vulnerabile al populismo e le conseguenze dell’ultima crisi economica sono state un’ondata di populismo, nazionalismo e tendenze isolazioniste negli stati occidentali che hanno accumulato ricchezza e memoria istituzionale per secoli. Se la Francia o la Germania non sono immuni da tale ondata perché la Slovacchia o la Repubblica Ceca dovrebbero essere diverse?

Democrazia e libero mercato sono stati introdotti nell’Europa centrale solo 25 anni fa, mentre lo stato sociale tende ad avere una minore capacità di redistribuire generosamente redditi e offrire opportunità ai poveri.

In secondo luogo, lo shock della transizione dal comunismo alla democrazia è maggiore di quanto chiunque avesse previsto: mentre le grandi città si sono rapidamente occidentalizzate, le province sono state spesso dimenticate nella spinta a deregolamentare le economie e adottare gli standard dell’Ue; il tutto mentre  Schengen ha permesso alle persone di viaggiare e vedere la prosperità in altri paesi dell’Ue. Per raggiungere i livelli tedeschi di prosperità, i polacchi o gli ungheresi dovranno lavorare per altri 30-40 anni, ma le persone diventano impazienti e cercano leader che offrano scorciatoie.

In terzo luogo, vi sono preoccupazioni sincere riguardo ai doppi standard. Le aziende vendono prodotti alimentari di qualità inferiore nelle regioni orientali dell’Ue; i servizi digitali sono meno accessibili, ad esempio, in Slovacchia rispetto all’Austria. Persistono stereotipi ingiusti verso gli orientali più poveri nell’ex Ue-15. Alcune decisioni a livello europeo riflettono le esigenze delle società postindustriali, postmoderne e sviluppate nell’Occidente piuttosto che quelle dell’Est del continente. La voce dell’Europa centrale è spesso inaudita, la regione è sottorappresentata in istituzioni come il Servizio europeo per l’azione esterna. Le sedi dell’UE si trovano principalmente in Europa occidentale.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.