Attualità

Indizi di un revival dell’estremismo stile anni ’70 in Italia

Negli anni ’70 l’Italia era talmente alla canna del gas da rivolgersi al Fondo monetario internazionale per ottenere aiuto, mentre nel Paese dilagava la violenza politica. Oggi non c’è alcun soccorso del Fmi ufficialmente richiesto o prestato, ma il Paese non se la passa particolarmente bene, non brilla per performance economiche, ed intanto si riaffaccia la violenza politica. Il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza ha inoltrato al Parlamento un rapporto nel quale evidenzia un riemergere dell’estremismo, anzitutto di destra (no, non siamo ancora tornati davvero agli anni ’70, con le ‘sedicenti’ Brigate rosse) ma non solo. Preoccupano Casa Pound e realtà più circoscritte ma date in crescita come ‘Roma ai Romani’ di Giuliano Castellino, preoccupano le ronde per la sicurezza in alcune città e paesi, come la capacità di fare gruppo attraverso i social network; ma preoccupano anche, sul versante sinistro, la saldatura fra movimenti antagonisti, centri sociali e universo anarchico (da cui sono stati inviati plichi esplosivi al direttore generale dell’amministrazione penitenziaria e a magistrati torinesi e da cui è partito attentato ai carabinieri di Roma). Scontri con le forze dell’ordine, come quello di qualche settimana fa di cui è rimasto vittima un carabinieri, lasciano temere che vi sia una certa concertazione di azioni di violenza, ispirata o fomentata dal ricordo dell’eversione armata di 40 anni fa.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.