Attualità

Un errore dismettere Poste italiane a fine legislatura

La decisione del ministero dell’Economia e delle Finanze di cedere ulteriori quote di Poste Italiane è assolutamente deprecabile per due motivi.
Anzitutto Poste Italiane continua, pur con tutte le modifiche e le problematiche degli ultimi anni, ad essere una presenza sul territorio particolarmente utile e necessaria nelle zone agricole e in quelle svantaggiate dal punto di vista geografico. Tuttora l’ufficio postale, con i vari nuovi servizi, consente anche alle persone che hanno una ridotta possibilità di movimento con mezzi privati o pubblici di poter usufruire di un sistema bancario, di un abbonamento telefonico, della consegna di pacchi, della ricezione di vaglia e via dicendo. L’ulteriore cessione di quote, che ovviamente potrebbero essere acquisite da investitori stranieri, rischierebbe di cancellare gran parte di questi servizi perché, è ovvio, nella logica del profitto, spesso fine a se stesso, potrebbero essere tagliate molte sedi proprio nei paesi più piccoli, nelle aree collinari e di montagna.
Il secondo motivo è strettamente contingente: non spetta infatti a un governo che fra due mesi sarà cambiato, probabilmente in modo radicale, dal voto del 4 marzo, il compito e il diritto di alienare una parte del patrimonio pubblico.

Su questo tema condividiamo le dichiarazioni dell’On. Giorgia Meloni di FdI.
In verità, nei programmi elettorali, se i partiti guardassero all’interesse del Paese e non al proprio, vi dovrebbe essere anche una proposta di legge per vietare ai governi, a fine mandato (e almeno a 6 mesi dalle elezioni), di prendere decisioni che portano ad alienare il patrimonio dello Stato e comunque a prendere decisioni che modificano in misura grave l’assetto del Paese.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.