EuropaIn Evidenza

L’Italia parteciperà al pre-vertice del Consiglio europeo

Nel settore della migrazione, l’Italia ha fatto un gran lavoro e “ha ragione a chiedere un cambiamento”. Lo dice il commissario europeo alle Migrazioni, il greco Dimitris Avramopoulos, spiegando che la Commissione europea sta lavorando a una proposta per gestire gli sbarchi a livello regionale. Il presidente del Consiglio dei Ministri, Conte, che aveva minacciato di disertare il vertice di fine giugno, ha affermato che la cancelliera Merkel gli ha confermato che la bozza delle dichiarazione del vertice di domenica sarà accantonata e che si parlerà della proposta italiana. Per questa ragione Conte parteciperà alla riunione del pre-vertice di domenica. L’incontro non si concluderà con un testo scritto, ma solo con un rapporto delle questioni affrontate e sulle quali si continuerà a discutere al Consiglio europeo (cioè la conferenza al vertice dei capi di Stato o di governo dei Paesi dell’UE) della prossima settimana. Per il commissario, la bozza che era circolata e che aveva sollevato la viva contrarietà dell’Italia, è solo una documento per la discussione, ricordando che nel quadro dell’attuale regolamento di Dublino gli Stati possono concludere accordi amministrativi per accelerare il trasferimento dei richiedenti asilo al Paese responsabile. E’ questo il principio contenuto nella bozza della dichiarazione di domenica, ma è soltanto una bozza per preparare la discussione – ha confermato il commissario – perché le decisioni verranno prese al vertice dei leader europei della settimana prossima. La riunione di domenica ha carattere preparatorio e sarà informale, avendo solo uno scopo di consultazione. Il documento sarà riequilibrato prima del vertice – ha annunciato Avramopoulos – e “condividiamo la preoccupazione di Italia, Grecia e Malta” sulla proposta che riguarda i movimenti secondari dei migranti. “L’Italia ha ragione a chiedere un cambiamento, ha fatto un gran lavoro, condividiamo la preoccupazione dell’Italia, ecc.”. Sono soltanto chiacchiere per rasserenare l’atmosfera, o sono convinzioni? Nel primo caso, la riunione di domenica sarà burrascosa e non avrà l’unanimità. Nel secondo caso, come si spiegano i reiterati attacchi offensivi di Macron ai responsabili italiani? Forse per nascondere ancora una volta i numerosi scheletri che giacciono nell’armadio francese della migrazione? Aspettiamo domenica e ne sapremo qualcosa di più.

Tags
Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.