Flash

Facebook brevetta la possibilità di registrare di nascosto i propri utenti

Non che si possa rimproverare mancata trasparenza a Facebook, ma la richiesta avanzata lo scorso 14 giugno per brevettare una tecnologia che le consenta di attivare da remoto i microfoni  degli smartphone degli utenti e iniziare a registrare su comando lascia quantomeno perplessi sulle intenzioni recondite che la società di Cupertino lascia trasparire.

Il comando in questione è un suono ad alta frequenza, impercettibile per l’udito umano che viaggia di nascosto all’interno di «contenuti trasmessi» e viene captato dal microfono del telefonino che inizia di conseguenza a registrare i «rumori ambientali», vale a dire tutti i suoni alla sua portata, conversazioni comprese, per poi inviare «una impronta digitale ambientale sonora» a Facebook così che il social network possa analizzarla.

Il sistema di analisi identifica quindi i contenuti che hanno attivato la registrazione (per esempio il prodotto pubblicizzato) e registra l’avvenuta “visualizzazione” (come accade per i banner online) da parte dell’utente.

Allen Lo, vicepresidente di Facebook, ha confermato che il social network ha ideato e vuole proteggere quella tecnologia, asserendo che «È pratica comune richiedere dei brevetti per prevenire gli attacchi da parte delle altre aziende. Per questo motivo, i brevetti tendono a riguardare tecnologie futuristiche spesso di natura ipotetica, e che potrebbero venir commercializzate da altre aziende». La mossa sarebbe dunque di carattere preventivo: tramite il brevetto, Facebook impedisce che quella tecnologia finisca legalmente in mano a chi, diversamente da quanto promette la stessa azienda californiana, potrebbe fare un cattivo uso.  «La tecnologia descritta in questo brevetto non è stata integrata in alcuno dei nostri prodotti, né lo sarà mai» ha precisato Lo. Una spiegazione forse anche davvero sincera, ma che non può fugare tutti i dubbi dopo quanto è emerso sui dati di utenti del social network utilizzati durante la campagna elettorale per le presidenziali Usa del 2016.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.