In attesa di GiustiziaRubriche

In attesa di Giustizia: Noi siamo ciò che siamo stati

Il 28 aprile del 1977 a Torino venne ucciso in un agguato delle Brigate Rosse il Presidente dell’Ordine degli Avvocati, Fulvio Croce. Cinque colpi di pistola, tre al torace e due alla testa a dimostrazione che la condanna a morte per tutti gli avvocati che avessero accettato di difenderli annunciata un anno prima dal brigatista Maurizio Ferrari non costituiva una minaccia vana.

Gli appartenenti alle Brigate Rosse si dichiaravano combattenti prigionieri politici di un regime di cui ripudiavano il sistema giustizia e con esso la difesa tecnica che – in assenza conseguente di nomine fiduciarie – veniva affidata ad avvocati di ufficio. Senonchè, dopo quel proclama nessuno di coloro che venivano incaricati accettò l’incarico; in alcune sedi di processi ai terroristi vennero stilate liste di volontari ma a Torino si dovette ricorrere al disposto dell’art. 130 del codice di procedura penale vigente che prevedeva la nomina del Presidente dell’Ordine laddove non fosse disponibile nessun altro difensore: e così fu che Croce – civilista, tra l’altro –  venne prescelto, accettò l’incarico mostrando coraggio ed alto senso delle istituzioni e fu seguito da altri Consiglieri del Foro nella difesa di 44 imputati, tra cui i vertici delle Brigate Rosse rinviati a giudizio avanti alla Corte d’Assise di Torino.

Ferrari, tra gli accusati alla sbarra, ribadì l’avvertimento rivolto agli avvocati sospettati di collusione con giudici strumenti di un sistema contro rivoluzionario.

Ma nessuno fece un passo indietro, nemmeno dopo quel 28 aprile, un giorno in cui su Torino pioveva a dirotto quasi che anche il cielo piangesse quella Toga martire.

Non tutti, partitamente i più giovani, ricorderanno questo passaggio della storia che non può essere dimenticato non solo per l’onore che deve rendersi a uomini come Fulvio Croce ma perché è simbolo di un periodo in cui l’Italia ha saputo resistere al più violento attacco alle istituzioni che la storia repubblicana ricordi. Resistere e uscire vincitrice.

Lodevole è dunque la recente iniziativa del Consiglio Nazionale Forense che ha istituito un premio, costituito da una Toga e una targa al merito intitolato a Fulvio Croce e destinato da quest’anno ogni anno a un difensore di ufficio che si sia distinto nel ruolo secondo parametri dettati dal regolamento.

L’iniziativa è volta a valorizzare la difesa di ufficio che è concreta rappresentazione sociale dell’avvocatura, strumento essenziale per il funzionamento della giurisdizione e garanzia del godimento dei diritti e attuazione dei principi costituzionali per i più deboli, vanto di civiltà giuridica di uno Stato di diritto.

Di questi valori, Fulvio Croce è stato ed è simbolo e stimolo ad onorare un ruolo, quello del difensore, che in base all’art. 24 ha rango costituzionale.

Noi siamo ciò che siamo stati e in ciò risiede il valore della memoria. E quella Toga intrisa di sangue sotto la pioggia di Torino aiuta a non dimenticare e ad essere sempre migliori nell’adempimento del sacro dovere della difesa degli uomini.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.