International

Maduro rinomina la moneta ma non arresta l’emorragia di venezuelani alla fame

Cinque zeri in meno al bolivar, la moneta del Venezuela, non sembrano sufficienti a evitare che di cinque zeri, e forse anche più, si assottigli la popolazione del Venezuela, che grazie a Chavez prima e Maduro oggi vede l’inflazione galoppare (82,7% a luglio). Alle prese con prezzi di 14 milioni di vecchi bolivar per un pollo di 2,5 chili (prezzo equivalente a 2 dollari americani), di 2,5 milioni di bolivar per un rotolo di carta igienica, 3,5 per un pacco di assorbenti, 5 per un chilo di pomodori e 8 per un pacco di pannolini, i venezuelani si accalcano alle frontiere con Brasile e Colombia, tanto da aver indotto i Paesi confinanti a meditare di chiudere le frontiere. Secondo la polizia brasiliana sono 460 i venezuelani che ogni giorno continuano ad attraversare il confine nello stato brasiliano di Roraima e il candidato alle presidenziali del 7 ottobre Jair Bolsonaro – al secondo posto nelle preferenze dei brasiliani – ha proposto di creare un “campo per rifugiati”. Solo la settimana scorsa sono stati 1.200 cittadini del Venezuela espulsi dalla località di Pacaraima e l’Onu ha calcolato che la crisi economica ha spinto oltre due milioni di persone a fuggire dal Paese, 500mila solo quest’anno. Secondo una ricerca annuale condotta da varie università del Paese, il 90% dei venezuelani vive in povertà e oltre il 60% ammette di svegliarsi affamato perché non ha denaro per comprare cibo sufficiente a sfamarsi. Sabato scorso, i residenti hanno attaccato gli immigrati che sono stati costretti a fuggire in Venezuela, prima che il presidente Michel Temer ordinasse l’invio di truppe federali. Di fatto, Roraima ha chiesto la chiusura temporanea del confine con il Venezuela
Economisti e opposizione sono scettici in merito alla nuova moneta lanciata da Maduro. Per Henrique Capriles, noto leader dell’opposizione, “il governo ha deciso di gettarci nel disastro finale”. Andrés Velasquez, esponente dell’opposizione, ha parlato di “uno sciopero” che è “il primo passo di un’agenda di lotta che certamente prevederà altre interruzioni”. Ma Diodado Cabello, lealista di Maduro e presidente della Costituente, ha promesso una “contro-manifestazione”.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.