Europa

Stallo delle trattative tra Kosovo e Serbia e la porta della Ue rischia di chiudersi

Kosovo e Serbia sono avversari di vecchia data, con una storia di sanguinosi conflitti. Il profondo disaccordo tra i due non è qualcosa che appartiene al passato, esiste oggi e permea ogni aspetto e ogni persona su entrambi i lati del confine. Accettare un compromesso non si adatta alla narrativa nazionalista in nessuno dei due paesi e per questo l’accordo che le due nazioni stanno perseguendo non sarà favorito da porzioni considerevoli della popolazione.

L’Ue ha chiarito che né la Serbia né il Kosovo aderiranno all’Unione prima della completa normalizzazione delle relazioni e il veto russo nel Consiglio di sicurezza dell’Onu sta bloccando diversi importanti processi di sviluppo. Eppure le circostanze non sono mai state così favorevoli alla ricerca di un compromesso. Il potere della prospettiva europea rinnovata e rafforzata per i Balcani occidentali, annunciata dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker nel suo discorso sullo stato del sindacato del 2017, seguita poi dalla strategia della Commissione in febbraio e dalle conclusioni degli Stati membri dell’Ue, è un forte incentivo che ha già dato i suoi frutti sotto forma di accordo Skopje-Atene sulla questione del nome della Macedonia. Kosovo e Serbia potrebbero essere i prossimi.

Per il Kosovo, i progressi nel dialogo hanno contribuito alla conclusione dell’accordo di stabilizzazione e associazione UE-Kosovo, entrato in vigore nell’aprile 2016. Alla Serbia hanno fruttato l’apertura dei negoziati di adesione nel giugno 2013.

Ora l’accordo finale è una possibilità per risolvere tutte le questioni tra i due Stati una volta per tutte e sostituire le divisioni e gli ostacoli regionali con la cooperazione e l’apertura regionali.

Ma l’attuale mandato della Commissione si esaurisce alla fine dell’anno prossimo e la campagna elettorale del Parlamento europeo distoglierà l’attenzione dalla regione, mentre l’esito delle elezioni potrebbe portare a un’Unione europea più introversa e molto meno disponibile di quella attuale a fare progressi nell’agenda dell’allargamento.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.