In EvidenzaLettere

Ogni animale, come ogni persona, deve essere educata alla convivenza

Lettera al quotidiano 'La Libertà' di Piacenza

Dott. Stefano Carini
Direttore La Libertà
Via Benedettine, 68
29100 Piacenza

Milano, 19 novembre 2018

Egregio Direttore,
la lettera di Filippo Siciliano, giovane non vedente il cui cane guida è stato aggredito da 3 cani di grossa taglia che, in centro a Piacenza, i proprietari non erano riusciti a trattenere, pone in evidenza due problemi: la necessità di far seguire i propri cani, specie se di medio grandi dimensioni, da un istruttore cinofilo per imparare l’obbedienza e la convivenza con le persone e gli animali, e l’opportunità di utilizzare collari a scorrimento e non pettorine quando si tratti di animali esuberanti e di peso. La forza che esercita un animale di più di 20 kg, e che si triplica in certe situazioni, non è gestibile con pettorine che non creano la necessaria, immediata trasmissione tra il volere del conduttore e quello del cane. Sarebbe come si volesse andare a cavallo senza le redini collegate al morso. Molte disgrazie sarebbero evitate se chi detiene un animale volesse ascoltare i suggerimenti degli addestratori e accettasse perciò di affrontare una educazione cinofila. Ogni animale, come ogni persona, deve essere educata alla convivenza, i tanti episodi, anche di bullismo tra i giovanissimi, dimostrano come senza regole condivise, senza educazione, la violenza prevale negli uomini come negli animali. Proprio sabato a Milano il convegno organizzato da ATAAACI e Milano Sicura, con interventi di tecnici e veterinari, mostrando foto e filmati di animali morsicatori, ha dimostrato come gli stessi siano tornati  alla normale convivenza tramite i tradizionali metodi di educazione e addestramento, senza violenze e senza dannosi ed inutili psicofarmaci.

Ringraziandola per l’attenzione,

Cristiana Muscardini
già vicepresidente dell’Intergruppo
per la protezione degli animali
del Parlamento europeo

 

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.