In EvidenzaPolitica

Lavori il governo perché lavorino gli italiani

Basta fuffa, il 2019 porti risultati

La maggior parte degli italiani lo dice chiaramente: il problema principale è il lavoro, senza lavoro le persone diventano ogni giorno più povere e disperate. Agli italiani, più saggi di chi li ha governati e governa, in questo momento non interessa la quota 100, il reddito di cittadinanza, l’ipotetica diminuzione dei parlamentari o la decurtazione della loro indennità, e anche il problema dell’immigrazione, importante nel quadro generale, non è tra le  emergenze. Il lavoro è l’emergenza da troppo tempo e per far ripartire il lavoro le strade rimangono sempre le stesse come, non solo noi, si è detto più volte: diminuire le tasse, snellire la burocrazia, riordinare le leggi in modo comprensibile eliminando quelle inutili, far ripartire subito i cantieri delle opere pubbliche, rendere giustizia alle decine di migliaia di cittadini che, come prestatori d’opera occasionali, sono pagati dopo tre mesi o spesso non pagati, colpire la corruzione, l’evasione, la contraffazione. Ritornare ad essere credibili sul piano internazionale consentirà di attirare maggiore interesse verso la nostra realtà sfaccettata, dalla produzione industriale a quella agricola, dall’artigianato al turismo.

Il lavoro passa anche da una maggiore e migliore capacita di accoglienza di coloro che in Italia vengono per lavoro o per turismo, dalla capacità di difendere i nostri prodotti senza grida proterve ma con una migliore presenza, una presenza culturalmente e tecnicamente preparata, nelle sedi europee ed internazionali. In buona sintesi nulla di quanto sta facendo questo governo che gode ancora della mancanza di una seria alternanza politica e che, forte di questo, si trastulla con boutade che nulla hanno a che vedere con un programma politico anche a breve termine.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.