International

La grande e irresponsabilmente assente

Le bugie sono per natura così feconde,
che una ne suole partorir cento.

Carlo Goldoni

Dal 23 gennaio scorso in Venezuela tanti cittadini sono scesi nelle piazze per protestare contro il regime del presidente Nicolàs Maduro. Lui ha avuto un secondo mandato, dopo le molto contestate elezioni presidenziali del 20 maggio 2018. Elezioni boicottate dall’opposizione, come un’aperta protesta contro il regime del presidente. Erede politico di Hugo Chaves, dal 2013 Maduro ha scatenato il malcontento di tantissimi venezuelani. Malcontento scatenato di nuovo con forza dopo che il 9 gennaio 2019 ha ufficialmente avuto il suo secondo mandato. Il 23 gennaio scorso però, il capo dell’opposizione si è auto-proclamato presidente ad interim, durante una grande manifestazione. Lui, Juan Guaidó, che il 5 gennaio 2019 ha avuto il suo mandato come presidente del Parlamento, ha espresso la sua disponibilità ad assumere l’incarico di Presidente, considerando Maduro come “usurpatore illegittimo”. Sono note ormai anche le richieste dell’opposizione: dimissioni di Maduro, un periodo di transizione democratica, che porterà i venezuelani a nuove e libere elezioni.

Nel frattempo diversi Paesi hanno espresso la loro posizione, pro e contro la proposta per nuove elezioni in Venezuela. In supporto dell’opposizione si sono schierati Paesi come Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia, Australia, tutti i paesi sudamericani [tranne il Messico], nonché l’Unione europea. Un aperto appoggio per il presidente Maduro, lo hanno invece espresso Russia, Cina, Turchia, Siria, Iran, Cuba e Bolivia. Similes cum similibus congregantur (I simili si accompagnano con i loro simili) dicevano i saggi latini! Sono diventate emblematiche le parole del presidente turco Erdogan. Parole dette la scorsa settimana, durante una telefonata con Maduro: “Fratello Maduro, resisti, siamo al tuo fianco!”.

In attesa di ulteriori sviluppi, durante la settimana appena inziata, i venezuelani sono stati chiamati a partecipare numerosi a due nuove manifestazioni. La prima, di due ore, avrà luogo mercoledì a mezzogiorno. La seconda sabato prossimo, 2 febbraio, prevista come una manifestazione massiccia che si svolgerà “in ogni angolo del Venezuela e del mondo”. Gli opinionisti considerano come molto importante il ruolo dell’esercito venezuelano nei giorni a venire. L’opposizione ha promesso un’amnistia per tutti coloro, soldati e ufficiali, che non daranno più appoggio al regime di Maduro. Il quale però, continua a fare il gioco duro, apparendo in pubblico vestito con una tuta da lavoro, mentre avviava delle esercitazioni militari. La situazione in Venezuela è grave e seriamente preoccupante, con le parti schierate ben determinate l’una contro l’altra. Con dietro anche i sopracitati supporti internazionali. Intanto la maggior parte dei venezuelani stanno soffrendo da tempo le conseguenze di una povertà diffusa. Una situazione che peggiora ogni giorno che passa.

La situazione non è per niente buona e tranquilla neanche in Albania. Anzi! Ma per vari motivi, alcuni anche “di interesse geopolitico”, quanto accade lì non ha la stessa attenzione mediatica come, giustamente, la sta avendo il Venezuela. Dopo aver vinto le elezioni del 2013 con metodi e mezzi poco ortodossi, promettendo mari e monti, l’attuale primo ministro sta diventando, anche lui come Maduro, un autocrata. Convinto, però, che tali promesse erano soltanto parole al vento. Ma dal 2013 in poi la situazione in Albania cominciò a precipitare. Come in Venezuela. All’inizio però, la propaganda governativa riusciva e nascondere e/o giustificare la realtà. Con una regia centrale, capeggiata direttamente dal sempre più onnipotente primo ministro, il nuovo regime che si stava instaurando in Albania, ha nascosto i suoi legami e la sua connivenza con la criminalità organizzata. Per qualche tempo, però, perché ormai questa realtà è ben conosciuta sia in Albania che all’estero. Il regime, sempre con una regia centrale e la sua ben organizzata propaganda, ha nascosto all’inizio la coltivazione massiccia e diffusa, sul tutto il territorio, della cannabis, così come anche il suo traffico illecito. Traffico che continua tuttora. Per qualche tempo però, perché anche questi fatti sono ormai noti non soltanto in Albania, ma anche all’estero. Italia ,soprattutto, compresa. Allo stesso modo e con gli stessi mezzi, il regime, con la sua ridondante propaganda, ha cercato di nascondere la pericolosa propagazione della capilare corruzione in tutte le strutture governative e statali. Fortunatamente per qualche tempo però, perché ormai gli scandali corruttivi vengono fuori numerosissimi a galla. E di questa corruzione governativa adesso se ne sono accorti anche in diversi Paesi europei e oltreoceano. Con una regia centrale, capeggiata direttamente dal primo ministro, ma anche con il grande supporto di un miliardario speculatore di borsa statunitense, tramite le sue strutture ben radicate in Albania, finalmente il primo ministro controlla pienamente e in prima persona anche il sistema della giustizia. Tutto il sistema. Perciò è diventanto quello a cui secondo le cattive lingue mirava: uno che controlla tutto e tutti. Come il suo amico Erdogan. E come Maduro, salito anche lui al potere nel 2013, sta cercando adesso di far fronte al diffuso malcontento popolare. Malcontento che cresce di giorno in giorno. Perché dal 2013 ad oggi, il primo ministro albanese non ha fatto altro che governare non il paese, ma gli innumerevoli scandali che non riusciva più a controllare.

E come in Venezuela, anche in Albania i cittadini devono reagire. Tutti e uniti, contro il regime instaurato dal primo ministro. Ma diversamente dal Venezuala, l’opposizione politica in Albania purtoppo non convince. Ha smentito e tradito clamorosamente, a più riprese, la fiducia data dai cittadini. Ma anche in Albania, come in Venezuela, mentre il malcontento popolare, studenti compersi, sta dando seri grattacapi al primo ministro e al suo regime, la screditata, e “strana” opposizione politica, per l’ennesima volta ha chiamato i cittadini a protestare il 16 febbraio prossimo. Che non sia, però, anche l’ennesima bugia fatta ai cittadini! Come è successo da qualche anno a questa parte. Colmando con il vergognoso e mai spiegato abbandono della “Tenda della Liberta” il 18 maggio 2017. Abbandono, dopo un altrettanto vergognoso e mai spiegato accordo tra il capo dell’opposizione e il primo ministro, che ha garantito a quest’ultimo una facile vittoria elettorale il 25 giugno 2017 (Patto Sociale n.255; 262; 268; 280; 291; 296; 300; 324 ecc..). Sarà tutto da vedere perciò, quanto accadrà in Albania in queste settimane, fino al 16 febbraio prossimo. Giorno scelto dai vertici dell’opposizione per protestare contro il malgoverno.

A chi scrive queste righe vengono però naturali alcune domande. Vista la grave situazione in cui versa il paese, allora perché attendere fino al 16 febbraio? Perché non già subito, anzi, da ieri? Sarà forse perché i dirigenti dell’opposizione sanno che non hanno più l’appoggio della gente? Sarà perché i dirigenti dell’opposizione sono consapevoli che non sono più credibili, con le tante e ripetute bugie e delusioni che hanno generato tra la gente, calpestando clamorosamente la loro fiducia e le loro aspettative? Chissà! Rimane tutto da vedere. Nel frattempo e da qualche anno però, l’opposizione è la grande e irresponsabilmente assente nella scena politica albanese.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.