EuropaIn Evidenza

Terzo no del parlamento britannico alla Brexit del governo May

Dopo i due no del parlamento all’accordo del governo con l’UE riguardante la Brexit, ieri è arrivato il terzo, che rifiuta un’uscita dall’Unione europea senza un accordo. Il voto è avvenuto su una mozione modificata da un emendamento a cui il governo era contrario. La mozione del governo era contraria al “no deal”, ma in termini meno netti rispetto a quelli posti dall’emendamento. 321 parlamentari hanno votato a favore della mozione emendata e 274 contro. La mozione approvata, che non è vincolante, stabilisce che Londra non lasci in alcun caso l’UE senza un’intesa. Il voto che avrà luogo oggi, 14 marzo, dovrà decidere se chiedere una proroga della scadenza dell’articolo 50 che sancisce l’uscita dall’Unione Europea il 29 marzo. In caso affermativo, il 21 marzo l’UE si esprimerà sulla proroga. Nel caso in cui questa proroga non fosse concessa, il Regno Unito uscirebbe dall’Unione senza nessun accordo, nonostante il voto di ieri. E’ un bel rebus, per non dire un grande caos. Due scenari si presentano ora: o elezioni anticipate, oppure un secondo referendum. La prima opzione sembra quella preferita dalle due fazioni principali, Conservatori e Laburisti. La proroga della scadenza servirà dunque per indire nuove elezioni oppure per indire un secondo referendum? Non è esclusa tuttavia l’ipotesi di aprire nuovi negoziati. La mozione approvata fissa a mercoledì 20 marzo la scadenza per i parlamentari per approvare un’intesa sulla Brexit. Se l’accordo non passasse allora il governo avrà bisogno di una proroga più lunga, che imporrebbe al Regno Unito di prender parte alle elezioni europee di fine maggio. L’incertezza, tuttavia, allo stato attuale, è l’elemento predominante. Per uscire da questa situazione caotica la soluzione più democratica e diretta dovrebbe essere un secondo referendum, che taglierebbe di netto tutte le manovre tattiche usate fino ad ora, da una parte o dall’altra, per non dare soddisfazione all’avversario, più che per dare una risposta certa e concreta all’uscita. Ma dopo le fratture nei gruppi politici durante i voti di questi giorni e dopo i timori apparsi nell’opinione pubblica sulle conseguenze della Brexit, tanto tra i Tory che tra i laburisti si è affacciata l’idea delle elezioni politiche anticipate. I primi sarebbero confortati da alcuni sondaggi favorevoli, i secondi perché le hanno sempre chieste durante tutta questa diatriba, ritenendo la May responsabile del caos in cui naviga da tre mesi la politica britannica. Ma nel caso di elezioni anticipate, che ne sarebbe della Brexit? La proroga dovrebbe essere allungata di molto ed i problemi di oggi si ripresenterebbero tali e quali. Ci sarebbe uno sconquasso probabile nei partiti attuali ed i rapporti con l’UE rimarrebbero probabilmente conflittuali, forse con minore intensità, ma sempre viziati dalla questione della sovranità. La questione della permanenza nell’unione doganale si ripresenterà e in caso di vittoria dei laburisti essa potrebbe rappresentare il bandolo vincente della matassa. Con la vittoria dei Conservatori si potrebbe ripresentare l’ipotesi di un’uscita no deal, con tutte le conseguenze del caso. Ma non ci soffermiamo oltre sulle ipotesi. Il voto di oggi probabilmente non contribuirà ad uscire dall’incertezza, ma potrebbe fornire qualche ulteriore indicazione. Staremo a vedere.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.