Flash

Servono volontari delle acque per prendersi cura dei fiumi

Mentre il problema inquinamento delle acque, pulizia dei fiumi e loro esondazioni rimane inevaso, in Italia come in Europa, come dimostra anche il recente servizio tv sull’inquinamento del Tevere, i cinesi sono già andati avanti. Infatti Pechino ha deciso di nominare centinaia di migliaia di capi-fiume che saranno responsabili delle pulizie dei corsi d’acqua, sia direttamente che organizzando un sistema di controllo e pulizia. Ovviamente per i cinesi l’incarico al momento non è pagato, è al servizio dello Stato, Stato che da noi purtroppo è latitante. E proprio perché da noi lo Stato è latitante, abbiamo fortunatamente centinaia di miglia di persone che lavorano nel volontariato per supplire alle inefficienze ed inettitudini dell’apparato pubblico. Forse prendendo spunto dall’esperimento cinese potremmo cominciare anche noi a immaginare i volontari delle acque così che finalmente eviteremmo di vedere i greti dei fiumi sommersi da immondizie e da tronchi d’albero, i quali, nel caso di piene, come spesso è successo, travolgono ponti e infrastrutture. I volontari delle acque inoltre potrebbero finalmente vigilare, nessun altro di fatto lo fa, su quelle attività estrattive o di trasformazione che insistono proprio sulle rive dei fiumi e che in più casi sono state responsabili di gravi inquinamenti.

Tags
Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.