Costume e Società

Grandi novità sul fronte occidentale

Karl Wolfsgruber

Il sogno di ogni Re, Vassallo, Valvassore e Valvassino sta per avverarsi

Il 24 aprile, sulla rivista scientifica Nature Communications sono stati pubblicati i primi risultati di una ricerca californiana, finanziata da Facebook, per sperimentare un dispositivo che possa “leggere” il pensiero. Al momento è stato realizzato un “decoder” che traduce in tempo reale i segnali elettrici celebrali associati ad un determinato protocollo linguistico. Attraverso particolari elettrodi, è stata codificata l’attività cerebrale di alcuni pazienti sottoposti a vari test clinici, durante i quali ascoltavano una serie di domande predefinite e formulavano delle risposte. Utilizzando solo i segnali nervosi registrati, i ricercatori sono stati capaci di distinguere quelli associati all’ascolto rispetto agli impulsi elettrici legati alle risposte verbali. Il prof. Edward Chang, coordinatore dello studio, ha dichiarato che “Il nostro obiettivo è quello di comprendere e trattare alcune malattie neurologiche”.

Tre mesi dopo, il 16 luglio scorso, a San Francisco, presso l’Accademia delle Scienze della California, il veneratissimo Elon Musk (quello dei pannelli solari, delle auto elettriche Tesla, dei razzi turistici spaziali-SpaceX e l’inventore di PayPal, Hyperloop etc.) ha presentato ad un gruppo di potenziali investitori la sua nuova “idea”, la Neuralink. Una società di cui l’obiettivo principale è quello di arrivare a collegare il cervello umano con un computer esterno tramite un comune cavo USB-C per “caricare” files e “scaricare” ricordi sul nostro telefonino. A detta degli scienziati californiani, gli esperimenti sulle cavie e le scimmie avrebbero dato già risultati molto promettenti. Lo stesso Musk ha dichiarato, del resto, che “è ormai giunto il momento di compiere un altro balzo evolutivo e che tutto ciò sarà molto importante per curare le malattie e per evitare che l’umanità sia messa in difficoltà dalle macchine intelligenti”.

Se CI-PENSANO loro, possiamo stare tranquilli.

A tutti i posters (o followers, likers, etc.) l’ardua sentenza (o un semplice ragionamento su quanto tutto ciò possa essere veramente pericoloso per l’intera umanità) ed anche una perla di saggezza contadina: “chi troppo s’inchina mostra il sedere”. Forse nella sigla USB-C, la C sta per Cu..

 

 

 

Tags
Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.