International

La Costituzione come cartastraccia

Non c’è tirannia peggiore di quella esercitata all’ombra
della legge e sotto il calore della giustizia.

Montesquieu

Sì, in Albania la Costituzione sta diventando, ogni giorno che passa, proprio una cartastraccia, nonostante dovrebbe essere la legge fondamentale dello Stato. Ma purtroppo ormai niente dovrebbe più stupire di tutto ciò che sta accadendo, essendo semplicemente delle conseguenze dirette e/o derivate di una strategia ben ideata e altrettanto ben messa in atto dal primo ministro e dai massimi rappresentanti della sua maggioranza governativa.

Un’ulteriore e grave dimostrazione della palese e consapevole violazione della Costituzione è stata verificata la scorsa settimana. Lunedì 11 novembre, con la loro ubbidienza da sottomessi, i deputati hanno approvato tre nuovi giudici della Corte Costituzionale. Proprio di quella Corte che non funziona più da due anni, perché priva di giudici. Periodo quello durante il quale sono state approvate dal Parlamento diverse leggi “speciali”, clientelistiche e abusive, senza fare esistere più la possibilità di presentare ricorso presso l’unica istituzione custode della Costituzione: la Corte Costituzionale. Periodo che però è servito al primo ministro e ad alcuni raggruppamenti occulti, criminalità organizzata compresa, di portare avanti i loro progetti. Ma visto gli sviluppi politici degli ultimi mesi e le tante grandi difficoltà politiche e/o istituzionali, di fronte alle quali si trova ormai il primo ministro, il completamento con i giudici della Corte Costituzionale non si poteva posticipare ulteriormente. Non solo, ma questo attuale potrebbe essere risultato agli “strateghi” del primo ministro come il momento più opportuno per “scegliere” e poi “votare” in Parlamento tutti i giudici mancanti. Le cattive lingue dicono però che la fretta di completare e far funzionare adesso la Corte Costituzionale, violando consapevolmente e gravemente quanto previsto dalla Costituzione, dovrebbe avere dei seri ed importanti motivi. Soprattutto per gli anni a venire. Le cattive lingue dicono che i nuovi giudici potrebbero “ricambiare”, a tempo debito, la loro gratitudine al “benefattore”, il quale è tutt’altro che uno stinco di santo. E le cattive lingue non è che si sono sbagliate più di tanto in questi ultimi anni, anzi!

Tornando alla votazione in Parlamento di lunedì scorso, 11 novembre, bisogna che il lettore capisca anche le procedure previste dalla Costituzione e dalle leggi in vigore. Il Consiglio delle Nomine [nel sistema] della Giustizia, un organo amministrativo creato nell’ambito della Riforma della Giustizia, ha l’obbligo istituzionale di verificare, scegliere, preparare delle liste separate, in ordine graduatorio, dei pretendenti giudici. Il Consiglio dovrebbe preparare e mandare le graduatorie prima al Presidente della Repubblica poi al Parlamento e, infine, alla Corte Suprema. Anche questa Corte però purtroppo non funziona più in Albania! Perciò rimangono soltanto il Presidente della Repubblica e il Parlamento, le due istituzioni che devono decidere e scegliere le loro candidature per i nuovi giudici della Corte Costituzionale. Si doveva scegliere e decidere per quattro giudici. La Costituzione prevede che per ogni posto vacante si devono presentare tre candidature. Perciò le liste, quelle per il Presidente e per il Parlamento, dovrebbero avere avuto ognuna 12 nomi. Invece il capo del Consiglio delle Nomine [nel sistema] della Giustizia ha mandato, con ritardo, due liste con gli stessi nomi, composte soltanto di quattro candidature. Due violazioni della Costituzione allo stesso tempo. Le liste sono state consegnate senza rispettare la priorità di scelta, di decisione e dell’espressione della volontà da parte del Presidente della Repubblica. Soltanto dopo si dovevano mandare le candidature al Parlamento. In più, lunedì 11 novembre, il Parlamento, da quella lista, ha votato non una, ma ben due candidature. Un’altra violazione della Costituzione. E “approfittando” del fatto che il Presidente non si era espresso con una sua scelta, la candidata, prima in graduatoria, è stata “automaticamente promossa” dalla maggioranza governativa. Ovviamente i suoi “consiglieri giuridici” hanno trovato dei cavilli legali, arrampicandosi sugli specchi. Ma sempre di cavilli si tratta. In più la Costituzione prevede anche che ogni candidato, per diventare giudice della Corte Costituzionale, deve giurare, mano sulla Costituzione, di fronte al Presidente della Repubblica. Cosa che non ha fatto però quella candidata “automaticamente promossa”. Ha scelto invece di ufficializzare il suo nuovo ed ambito incarico con una sua dichiarazione di fronte ad un notaio! Nell’arco di pochissimi giorni diverse violazioni della Costituzione. Come mai e chissà perché?!

Quanto è accaduto lunedì scorso e quello che poi è successo nei giorni seguenti non poteva non suscitare forti reazioni e aspri attriti. Uno dei quali è quello tra il presidente della Repubblica e il primo ministro. Durante alcune conferenze stampa e delle interviste, il Presidente ha evidenziato e commentato tutte le violazioni della Costituzione e delle leggi in vigore. Invece il primo ministro, in mancanza di convincenti argomenti giuridici, ha “scelto” di affrontare questa grave ed allarmante situazione, come delle battute. Come ha fatto sempre quando si trova in difficoltà e quando non può tacere. In più il presidente ha annunciato venerdì scorso che presenterà una denuncia penale contro il capo del Consiglio delle Nomine [nel sistema] della Giustizia per le sue evidenziate violazioni della Costituzione e delle leggi, derivanti conseguenze comprese. Lo dovrebbe presentare oggi. Da sottolineare che il capo del sopracitato Consiglio è un giudice, molto vicino alla maggioranza governativa, il quale mentre la dittatura comunista stava crollando in Albania, condannava con 15 anni di prigione, per atti terroristici, alcuni cittadini che avevano abbattuto la statua di Stalin!

Quanto è accaduto lunedì scorso in Parlamento è stato subito “salutato e applaudito” però dagli immancabili “rappresentanti internazionali”. Proprio quelli che ormai sono ben noti per la loro irresponsabilità istituzionale e professionale, per la loro “sottomissione” e il loro incondizionato e continuo appoggio al primo ministro, nonché per la loro avidità di approfittare da ogni occasione. Sono proprio quei “rappresentanti internazionali”, sia in Albania che a Bruxelles, i quali, calpestando palesemente i loro diritti e/o doveri istituzionali, hanno causato tanti danni e tante sofferenze agli albanesi. Sono gli stessi e/o loro simili, precedentemente molto attivi in Albania, i quali hanno sempre sostenuto il primo ministro nell’attuazione della sua diabolica strategia che niente ha a che fare con il bene dell’Albania e degli albanesi. Lo hanno fatto anche lunedì scorso, mentre il primo ministro e i suoi subordinati avevano calpestato la Costituzione senza scrupolo e come se niente fosse. Dando, per l’ennesima volta, la possibilità al primo ministro di usare come scudo le loro irresponsabili dichiarazioni. E così facendo, i soliti “rappresentanti internazionali” appoggiano anche la restaurazione della dittatura in Albania.

Chi scrive queste righe ricorda e valuta quanto ha detto Papa Francesco durante l’Angelus del 13 ottobre 2019, riferendosi all’ultimo conflitto tra l’esercito turco e i curdi della Siria del nord. Rivolgendosi a “tutti gli attori coinvolti e anche alla Comunità Internazionale” il Papa rinnovava ad essi l’appello “ad impegnarsi con sincerità, con onestà e trasparenza”. Cosa che non hanno fatto i “rappresentanti internazionali” in Albania. Permettendo così anche di far diventare la Costituzione simile ad una cartastraccia. E sostenendo una tirannia da esercitare all’ombra della legge e sotto il calore della giustizia.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.