In EvidenzaPolitica

Il Paese reale e l’assenza di cultura politica

Un’inchiesta pubblicata dal Corriere della Sera, il 20 gennaio, evidenzia come, a un anno e mezzo dal crollo del viadotto a Genova, in Italia vi sono ancora 3500 ponti fuori controllo, nel 2019 sono state eseguite solo il 28% delle ispezioni obbligatorie, 763 viadotti non sono stati controllati mentre il budget dell’Anas è salito a 29,9 miliardi.

Il prof Rainero Fassati, in un’intervista sullo stesso giornale e lo stesso giorno, dichiara come gli alcolici siano la prima causa di morte dai 16 ai 22 anni, dato in continuo aumento mentre, quasi ormai  ogni giorno, ubriachi e drogati lasciano sull’asfalto morti e feriti.

Sempre del 20 gennaio la notizia, per altro purtroppo nota, che la ricostruzione, dopo i terremoti nel centro Italia, è ferma così come il piano, autorizzato dall’Unione Europea come spesa eccezionale, per mettere in sicurezza il patrimonio edilizio ed architettonico è fallito. Sono stati spesi solo 15  milioni su un budget di 2 miliardi autorizzato dall’Europa, e ancora  nonostante i mille morti e gli ultimi tre terremoti, non esiste ancora una strategia per la prevenzione del rischio sismico né un piano di pronto intervento per la messa in sicurezza e la ricostruzione dopo il sisma. Lo stesso ovviamente vale anche per le catastrofi idrogeologiche.  Mentre queste notizie finiscono di togliere quel po’ di fiducia che ancora i cittadini avevano sulle istituzioni e rappresentanze politiche le stesse si accapigliano, giorno e notte, sui loro problemi interni e sulle rivalità elettorali come se non fosse, purtroppo, ormai chiaro che gli uni valgono gli altri per incapacità a risolvere i problemi, per ignoranza, spesso non sanno quali sono i problemi reali, per indifferenza verso la cosa pubblica e cioè verso il Paese, lo Stato, la Nazione, i cittadini che dovrebbero rappresentare.

I mezzi di informazioni sono zeppi di notizie sconfortanti, di problemi che dovrebbero vedere tutta la classe politica e culturale tesa a cercare di risolverli, non parliamo delle crisi internazionali ma di quello che avviene qui in Italia, di quei problemi che richiedono decisioni idonee anche a costo di scontentare qualche elettore come quelle, ad esempio, di chiudere prima i locali notturni, di intensificare i controlli all’interno degli stessi, di prendere iniziative educative nelle scuole per contrastare alcolismo, bullismo e l’uso di stupefacenti e droghe, di imporre a province e regioni il controllo di quel territorio e di quelle strutture che amministrano e che spesso non controllano, come risulta evidente dai tanti ponti e scuole a rischio crollo. Ma la cultura politica, il bene comune, l’interesse generale sono lontani dalle ‘intelligenze’cosi discuteremo per giorni sulla ridicola proposta del sindaco Sala di non far fumare alle fermate dei mezzi pubblici come mezzo per contrastare l’inquinamento…o sulla necessità o meno che i 5 Stelle abbiano un tesoriere diverso da Di Maio, osanneremo le Sardine e faremo un eroe di Salvini che vuole, legittimamente, essere giudicato e così continueremo nell’inesorabile declino.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.