AttualitàIn Evidenza

Ancora sangue

Ancora due italiani uccisi mentre adempiono al loro dovere e compiono azioni di pace e speranza, rendiamo tutti onore alla loro memoria. L’Ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci sono vittime non solo della scellerata violenza delle bande armate, che da troppo tempo insanguinano l’Africa, ma anche di colpevoli disattenzioni alla sicurezza. Mentre il cordoglio di tutti non porterà sollievo alle famiglie distrutte né riporterà il padre alle bambine rimaste orfane ci chiediamo, ancora una volta, quale sia lo strumento più efficace per combattere la violenza che trascina tante popolazioni civili alla fame ed alla morte, visto che in troppi casi le bande armate ed il terrorismo sono allevati o tollerati anche da esponenti del potere ufficiale, e come  fare comprendere che, senza adeguata protezione ed organizzazione, non si può andare in molte aree del pianeta. Ci auguriamo che l’inchiesta per accertare i fatti sia celere e completa, purtroppo in troppi casi, nel passato, la verità non è mai stata appurata con chiarezza.

Ogni giorno continuano le uccisioni di donne da parte di mariti, ex mariti, fidanzati o compagni, una autentica catena di vittime e sempre più sono anche i bambini uccisi. Come è ben scritto nel libro denuncia La solitudine oltre la legge, di Carlo Sala, pubblicato da ‘Ulisse edizioni’, le leggi non bastano, neppure le ultime emanate, se le stesse non sono applicate tempestivamente, se non c’è prevenzione, individuazione dei casi a rischio ed un’immediata protezione delle donne e dei bambini. Occorre una più incisiva campagna di sensibilizzazione, inasprire al massimo le pene per chi commette femminicidio o comunque violenza, occorrono fondi subito per aiutare le donne che per salvarsi devono reinventarsi una vita, occorre un preciso e nuovo programma scolastico dalle primarie fino all’Università, occorre che i figli sappiano a chi rivolgersi per segnalare casi di violenza famigliare, occorre che le indagini sui casi siano immediate e celeri i processi. Su questi punti il governo deve intervenire subito.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button