AttualitàIn Evidenza

Biden e l’illusione progressista

Il Lichtenstein applica una aliquota del 12,5% sui redditi di impresa mentre l’Olanda impone una tassazione alle società del 20%. In Europa l’Olanda e il Lussemburgo (membri della Ue) ed il Liechtenstein vengono indicati come stati canaglia sotto il profilo fiscale in quanto offrono agevolazioni che permettono l’esterovestizione a molte aziende attratte dalla vantaggiosa legislazione fiscale. In questo senso, in seguito alla alla Brexit, la Gran Bretagna annunciato che ridurrà la tassazione al 18% per le società.

Il Delaware, e si passa nel continente statunitense, è per estensione il secondo stato più piccolo degli Stati Uniti. La sua centralità, tuttavia, nell’economia mondiale è giustificata grazie all’applicazione di un’aliquota dell’8,7% sulla tassazione di impresa.

Grazie a questa fiscalità fortemente attrattiva per l’impresa estera il Delaware conta registrate sul proprio territorio oltre 1.500.000 società (tra le quali molte europee) le quali hanno spostato la propria sede a fronte di una popolazione locale di 970.000 abitanti: 1,5 società per abitante.

Per la prima volta, quindi, un paradiso fiscale assolutamente legittimo ha espresso il proprio presidente degli Stati Uniti cioè Joe Biden.

Qualcuno tra i nostri democratici progressisti, illuminati politici e pensatori si dimostra ancora convinto che nei prossimi anni assisteremo ad una nuova centralità degli Stati Uniti, quindi abbandonando la posizione isolazionista. Una speranza che può arrivare fino ad una possibile armonizzazione delle fiscalità internazionali (*) magari proprio sulla spinta “progressista” della nuova amministrazione Biden.

Ancora una volta il nostro Paese, come l’Europa, ma soprattutto gli ambienti culturali che si definiscono progressisti interpretano attraverso la propria ideologica gli eventi esteri dei quali ignorano i connotati principali. Convinti nella propria visione oscurantista che sia sufficiente la nomina di un viceministro della sanità cross dresser per dimostrare l’applicazione della ideologia progressista. Oppure fermare la realizzazione del muro al confine con il Messico inaugurato da un democratico e progressista presidente degli Stati Uniti: Bill Clinton.

Giova ricordare quindi come anche per il nuovo presidente degli Stati Uniti la centralità dello sviluppo avrà come epicentro gli Usa (https://www.ilpattosociale.it/attualita/president-biden-1-2-3-7/). A differenza di quanto pensano gli illuminati politici europei e soprattutto italiani.

(*) intesa come isolamento politico degli stati che applicano politiche fiscali fortemente attrattive.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker