AttualitàIn Evidenza

Dall’Afghanistan all’Occidente alla ricerca di idee e di azioni mentre le donne soccombono

Sappiamo che una donna poliziotto, incinta di otto mesi, è stata trucidata dai talebani davanti ai suoi famigliari, sappiamo che i talebani hanno bastonate un gruppo di donne che volevano testimoniare il loro diritto allo studio e al lavoro, non sappiamo quante donne siano state uccise, rapite, picchiate, violentate in questi ultimi giorni. Sappiamo però con certezza che oggi ogni donna in Afghanistan è a rischio e che la comunità internazionale continua a preferire il dialogo con gli integralisti assassini lasciando senza armi ed aiuti le poche forze nazionaliste che combattono per la libertà sotto la guida del giovane Massoud. Come abbiamo già detto e ridetto, scritto e riscritto la storia si ripete come 20 anni fa.

Questo Occidente così pronto a fare guerre che partono già come sconfitte, ad esportare il proprio modello di democrazia senza conoscere la storia dei paesi nei quali arriva, questo Occidente straboccante di armi e di probabili buone intenzioni e che poi abbandona nel caos più totale popoli e paesi, cosa ha da dire di fronte a questa nuova tragedia? Questo Occidente le cui forze politiche e sociali manifestano per problemi superabili o inutili, per falsi pretesti per gli pseudo diritti di pochi che vogliono prevaricare i molti, questo Occidente confuso tra genitore uno e genitore due, più teso a confondere e dividere che ad unire cos’ha ora da dire e soprattutto cosa può, cosa vuole fare? Questo Occidente che parla molto e conclude poco così che l’Europa, dopo decenni, non è ancora unita politicamente, gli immigrati sono ancora abbandonati ai trafficanti di esseri umani, i produttori di armi da guerra, almeno in alcuni paesi come gli Stati Uniti, risultano in grado di decidere al posto dei governi, come sarà in grado di rispondere all’espansionismo cinese, al cinismo della Russia, al delirio egemone di Erdogan, alla fame dell’Africa, alla pochezza di visione geopolitica dei propri governanti, al predominio della finanza sull’economia, al dissesto ambientale che ha messo in crisi l’intero ecosistema?

Ci vogliono visioni, idee politiche ed economiche, ci vogliono scelte anche ideali e perciò occorrono conoscenze oggettive delle realtà che ci circondano, quelle realtà geopolitiche che, sappiamo bene, fanno ancora oggi troppo prevalere l’interesse per le materie prime rispetto al diritto, alla libertà ed alla giustizia che ogni popolo, ogni persona dovrebbe avere garantiti. Ci voglio fatti garantiti da idee e le idee, come ben sappiamo, camminano con le gambe degli uomini e delle donne perciò, visto che non possiamo, un po’ in tutto il mondo, dopo tante delusioni, contare sulle gambe di chi dovrebbe rappresentarci possiamo solo sperare che proprio dai popoli più oppressi, da coloro che hanno pagato e pagheranno col sangue la conquista dei più elementari diritti, arrivi anche a noi un guizzo di dignità che ci aiuti a risollevare noi stessi e ad accorgerci degli altri.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button