AttualitàIn Evidenza

Gli umani ed i mostri

Cosa differenzia un essere umano da un mostro?
Gli esseri umani provano sentimenti i mostri no, gli umani fanno le guerre, purtroppo, ma mediamente cercano di non uccidere appositamente i civili, i mostri distruggono scuole, ospedali, abitazioni, sparano sugli inermi, non hanno remore davanti a nulla, sono mostri.
I mostri non hanno etichette di destra o di sinistra perché sono convinti di essere loro l’assoluto, non apprendono nulla dagli errori o dalle tragedie del passato, non combattono per difendersi ma solo per conquistare e in alternativa distruggere.
I mostri si ritengono onnipotenti e tutti gli altri appartengono a una razza inferiore da annientare o da asservire perchè i mostri non hanno un popolo ma solo schiavi sotto di loro.

I mostri sono sempre terroristi perchè seminano il terrore per potere fiaccare ogni resistenza, col terrore cercano di impadronirsi del corpo e dell’anima e trovano sempre menti deboli che li fiancheggiano per sentirsi anch’esse forti.

I mostri si nutrono delle paure altrui, distruggono chi prova sentimenti o comprensione, dileggiano chi parla di pace e di dialogo, annientano tutto ciò che non è funzionale al raggiungimento del loro scopo: il potere assoluto.
La storia ci ha insegnato che periodicamente i mostri ritornano, prima o poi soccombono ma dopo aver portato morte e distruzione, soccombono senza lasciare altro che l’orrore del loro ricordo come Hitler ieri, come Putin oggi.

Annientare I mostri non è l’unico obiettivo :gli esseri  umani, le società civili, dovrebbero cominciare a pensare seriamente come si può evitare che risorgano o come si possano, si debba, stroncarli sul nascere.

Per combattere i mostri scesi in guerra occorrono le armi, e dopo averli resi inoffensivi, per impedire che altri mostri ritornino, occorre che sia resa sempre più forte,sempre più condivisa, partendo dalle nuove generazioni, la culture della libertà, della conoscenza del passato, della giustizia, della democrazia.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button