Attualità

Il piano di Mosca per ‘denazificare’ l’Occidente

Tgcom24 di Mediaset ha scovato il manifesto politico di Putin sulla denazificazione in un articolo di Ria Novosti: “Via il nome Ucraina e rieducazione per la popolazione”.

Sul sito dell’agenzia di stampa della Federazione russa, riferisce la testata italiana, è apparso un lungo editoriale del politologo e filosofo russo Timofey Sergeytsev sul piano del Cremlino: “Durerà una generazione». “L’operazione russa – sostiene Sergeytsev – ha rivelato che non solo la leadership politica in Ucraina è nazista, ma anche la maggioranza della popolazione. Tutti gli ucraini che hanno preso le armi devono essere eliminati, perché sono responsabili del genocidio del popolo russo». A detta dell’autore “la giusta punizione di questa parte della popolazione è possibile solo sopportando le inevitabili fatiche di una giusta guerra contro il sistema nazista, svolto con la massima cura e discrezione nei confronti dei civili. Un’ulteriore denazificazione di questa massa di popolazione consiste nella rieducazione, che si realizza attraverso la repressione ideologica degli atteggiamenti nazisti e una severa censura: non solo nell’ambito politico, ma anche necessariamente nell’ambito della cultura e dell’istruzione”. “Tutto ciò – argomenta Sergeytsev – significa che per raggiungere gli obiettivi della denazificazione è necessario il sostegno della popolazione, il suo passaggio dalla parte della Russia dopo la liberazione dal terrore, dalla violenza e dalla pressione ideologica del regime di Kiev, dopo il ritiro dall’isolamento informativo. Naturalmente, ci vorrà del tempo prima che le persone si riprendano dallo shock delle ostilità, per essere convinte delle intenzioni a lungo termine della Russia, che non saranno abbandonate». E anche “l’élite politica ucraina deve essere eliminata perché non può essere rieducata. Gli ucraini devono sperimentare tutti gli orrori della guerra e assorbire l’esperienza come lezione storica ed espiazione della loro colpa». «Gli ucraini mascherano il nazismo chiamandolo ‘desiderio di indipendenza’ e ‘modo di sviluppo europeo’. L’Ucraina non ha un partito nazista, un Führer, – continua l’esperto russo, – ma a causa della sua flessibilità, il nazismo ucraino è più pericoloso per il mondo di quello di Hitler».

«La storia dimostra che l’Ucraina, – si legge in un altro stralcio, – al contrario di Georgia e Stati baltici, non è uno Stato naturale, ma i tentativi di costruire uno Stato hanno naturalmente portato al nazismo. Gli ucraini sono un costrutto artificiale anti-russo. Non dovrebbero più avere un’identità nazionale. Un Paese denazificato non può essere sovrano. Denazificazione dell’Ucraina significa anche la sua inevitabile de-europeizzazione». Di conseguenza “il territorio liberato e denazificato dello Stato ucraino non dovrebbe più essere chiamato Ucraina. La denazificazione dovrebbe durare almeno una generazione, (25 anni), che deve nascere, crescere e raggiungere la maturità nelle condizioni della denazificazione. La nazificazione dell’Ucraina è continuata per più di 30 anni, almeno a partire dal 1989, quando il nazionalismo ucraino ha ricevuto forme legali e legittime di espressione politica e ha guidato il movimento per ‘l’indipendenza’ verso il nazismo”. Così, “iniziata con una fase militare, seguirà in tempo di pace la stessa logica a tappe di un’operazione militare” e “la Russia non avrà alleati nella denazificazione dell’Ucraina. Poichési tratta di un affare puramente russo». “La denazificazione come obiettivo di un’operazione militare speciale nell’ambito di questa stessa operazione è intesa come una vittoria militare sul regime di Kiev, la liberazione dei territori dai sostenitori armati dei nazisti, l’eliminazione degli implacabili nazisti, la cattura di criminali di guerra e la creazione di condizioni sistemiche per la successiva denazificazione in tempo di pace”.

“Per attuare il piano di denazificazione dell’Ucraina, la Russia stessa – ammette l’autore – dovrà finalmente rinunciare alle sue illusioni europeiste e filo-occidentali, per realizzarsi come ultima istanza di protezione e conservazione dei valori del Vecchio Mondo”.

Non solo l’Ucraina nel mirino del Cremlino, ma tutto l’Occidente, che è stato storicamente ingrato nei confronti della Russia, è l’accusa. “La Russia – scrive Sergeytsev – ha fatto tutto il possibile per salvare l’Occidente nel Ventesimo secolo. Ha realizzato il principale progetto occidentale, l’alternativa al capitalismo che ha sconfitto gli Stati nazionali, il progetto socialista. Valori che l’Occidente ha abbandonato, avendo perso nella lotta per se stesso. Questa lotta è andata avanti per tutto il Ventesimo secolo e si è manifestata nella guerra mondiale e nella rivoluzione russa, inestricabilmente legate l’una all’altra”. Senza dimenticare, inoltre, che la Russia “ha schiacciato il nazismo tedesco, la mostruosa progenie della crisi della civiltà occidentale. L’ultimo atto di altruismo russo è stata la mano tesa di amicizia della Russia, per la quale la Russia ha ricevuto un colpo mostruoso negli anni ’90”.

“Tutto quello che la Russia ha fatto per l’Occidente, – conclude Sergeytsev – l’ha fatto a proprie spese, facendo i più grandi sacrifici. Ma l’Occidente alla fine ha rifiutato tutti questi sacrifici, ha svalutato il contributo della Russia alla soluzione della crisi occidentale e ha deciso di vendicarsi della Russia per l’aiuto che ha disinteressatamente fornito”.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button