Costume e Società

Doveroso e utile anche per l’uomo tutelare la salute animale

Da più parti e da tempo si levano voci che denunciano come sia necessario modificare e migliorare le norme per il trasporto di animali vivi. Martedì anche l’inserto Buone Notizie del Corriere della Sera, con un dettagliato articolo, si è occupato del problema riferendosi al dossier dell’eurogruppo per la tutela degli animali.

Sono più di un miliardo e mezzo gli animali che, in un anno, sono trasportati dagli allevamenti ai macelli e dagli allevamenti d’origine ad altri allevamenti spesso collocati in altri Stati europei o addirittura in paesi terzi. Il tragico viaggio di 2.600 bovini d’allevamento che a dicembre, su due navi cargo, dalla Spagna dovevano raggiungere la Turchia e la Libia e che sono rimasti in mare per giorni e giorni per poi essere condannati alla soppressione per il timore che, nel lungo viaggio senza condizioni adeguate, si fossero ammalati non è il primo caso. L’ultimo regolamento europeo, che dovrà al più presto essere rivisto, risale al 2005, ma oltre ai trasporti che rispettano l’attuale normativa che, ripetiamo è piena di pecche, vi sono centinaia di migliaia di trasporti illegali e vi sono trasporti illegali anche di animali da compagnia e di animali selvatici dei quali è vietata la vendita. Nel libro bianco dell’eurogruppo si sostiene la necessità di arrivare a vietare il trasporto di animali da carne vivi, in ogni caso la nuova normativa dovrà diminuire i tempi di percorrenza per evitare inutili e dannose sofferenze alle bestie, molte delle quali muoiono o si feriscono gravemente durante i lunghi viaggi e le attese alle frontiere, la nuova durata di percorrenza dovrà essere individuata specie per specie, inoltre dovrà essere istituito un sistema di monitoraggio che consenta oggettivi e tempestivi controlli.

Tutelare la salute animale è un dovere ma è anche utile per la tutela della salute umana, infatti animali destinati alla macellazione e che arrivano sotto violento stress alla meta finale portano conseguenze alla qualità delle carni. Il problema del trasporto si aggiunge a quello, più volte evidenziato, della pericolosità degli allevamenti intensivi dove gli animali vivono in condizioni gravemente antigieniche passandosi reciprocamente malattie e virus. La soluzione di questi problemi diventa particolarmente urgente da quando abbiamo compreso che i rischi pandemici continueranno a fare parte della nostra vita se non cambieremo sistema in molte attività che collegano uomo, animale, natura.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button