Europa

Il Parlamento europeo propone un nuovo spazio economico comune con sei ex repubbliche sovietiche

Il Parlamento europeo intende chiedere la creazione di un nuovo spazio economico comune tra l’UE e i paesi del partenariato orientale (EaP), secondo un progetto di relazione riportato da Radio Free Europe/Radio Liberty il 15 aprile. La proposta mira alla “graduale integrazione” dei paesi del “Partenariato orientale” nel blocco e sarà discussa dalla commissione per gli affari esteri al Parlamento europeo nelle prossime settimane. I deputati dovrebbero sostenere l’integrazione dell’Armenia, dell’Azerbaigian, della Bielorussia, della Georgia, della Moldavia e dell’Ucraina nel mercato unico dell’UE per l’energia, i trasporti e il digitale  in più fasi. “Sebbene l’adesione non sia prevista nell’ambito del partenariato orientale, la politica del partenariato orientale può facilitare un processo di graduale integrazione nell’UE”, afferma il Parlamento europeo nel documento, come riferisce RFE/RL. Il progetto di relazione che denuncia le azioni “illegali” della Russia nella regione e le continue violazioni dei principi del diritto internazionale nei paesi del partenariato orientale, propone inoltre di istituire “una forza internazionale estesa di mantenimento della pace lungo il confine tra Ucraina e Russia”, facilitata da un missione guidata. Un vertice del partenariato orientale previsto per il 18 giugno riunirebbe i capi di Stato e di governo dei paesi dell’Est, tuttavia è probabile che venga rinviato per la seconda metà dell’anno, a causa della pandemia di Covid-19.

Tags
Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker