Europa

La Commissione UE deferisce Belgio, Grecia, Paesi Bassi e Polonia in tribunale per pratiche fiscali

La Commissione europea ha deciso di deferire Belgio, Grecia, Paesi Bassi e Polonia alla Corte di giustizia europea (CGUE) per alcune pratiche fiscali che si ritiene violino le leggi dell’Unione.

L’azione legale intrapresa dall’esecutivo dell’UE mira a garantire che gli Stati membri rispettino i loro obblighi ai sensi del diritto dell’Unione, a beneficio dei cittadini e delle imprese.

Secondo la Commissione il Belgio penalizza i contribuenti non residenti attraverso la sua legislazione sulla deducibilità dei pagamenti degli alimenti dal reddito imponibile dei non residenti. La detrazione dei pagamenti degli alimenti, noti anche come pagamenti di matrimonio o di mantenimento, dal reddito imponibile dei non residenti che guadagnano meno del 75% del loro reddito nel paese viene rifiutata dal Belgio. Viene inoltre rifiutato nei casi in cui il contribuente non abbia un reddito imponibile significativo nello stato di residenza, rendendo impossibile la detrazione dei pagamenti di cui sopra dal reddito imponibile nello stato di residenza. La Commissione sostiene che i contribuenti non residenti hanno esercitato il diritto alla libera circolazione dei lavoratori, tuttavia il Belgio non consente la detrazione degli assegni alimentari né dal loro reddito imponibile nel loro stato di residenza, né in Belgio, che è considerato come lo stato di occupazione. La CGUE aveva già stabilito che tale legislazione è contraria alla libertà di circolazione dei lavoratori.

Per quanto riguarda la Grecia, la mossa della Commissione ha come obiettivo la legislazione fiscale del paese che differenzia il trattamento fiscale tra le perdite di affari subite a livello nazionale e le perdite in un altro stato dell’UE/SEE. Sebbene entrambe le imprese siano soggette a tassazione in Grecia, il trattamento delle perdite subite all’estero è limitato, con l’UE che sostiene che il trasferimento costituisce una restrizione al diritto di stabilimento. La Commissione ha intrapreso la prima fase della procedura di infrazione nel 2018, inviando una lettera di costituzione in mora alla Grecia, mentre un parere motivato è seguito un anno dopo.

Circa i Paesi Bassi, l’azione riguarda tre diverse norme olandesi relative al regime fiscale transfrontaliero delle pensioni. In particolare, i fornitori di servizi stranieri sono tenuti a fornire garanzie alle autorità olandesi se il capitale pensionistico viene trasferito dai Paesi Bassi a un fornitore straniero o se i fornitori stranieri vogliono fornire servizi sul mercato olandese. Lo stesso vale per gli ex dipendenti che trasferiscono il capitale pensionistico a un fornitore di servizi straniero o che cercano di acquistare servizi pensionistici da un fornitore straniero. Il terzo caso si riferisce ai lavoratori mobili impiegati fuori dal Paese. I trasferimenti del capitale pensione a fornitori stranieri sono esenti da imposta solo se i fornitori stranieri si assumono la responsabilità per eventuali crediti fiscali, o se sono gli stessi contribuenti a fornire una garanzia. Secondo la Commissione, le condizioni imposte dai Paesi Bassi limitano gravemente la libera circolazione dei cittadini e dei lavoratori, la libertà di stabilimento, la libera prestazione di servizi e la libera circolazione dei capitali.

Un altro stato membro da deferire alla CGUE è la Polonia, in quanto il paese viola le norme dell’UE sull’esenzione dell’alcol importato utilizzato nella produzione di medicinali. Le norme dell’UE prevedono un’esenzione obbligatoria dall’accisa per le importazioni di alcol etilico utilizzato nella produzione di medicinali, tuttavia la Polonia non concede questa esenzione quando gli importatori di alcol non scelgono di utilizzare un regime di sospensione dei dazi.

Nel caso della Polonia, la Commissione ha sostenuto che Varsavia viola le disposizioni dell’UE sull’armonizzazione delle strutture delle accise sull’alcole e sulle bevande alcoliche e il principio di proporzionalità, non rimborsando le accise pagate sull’importazione di alcol etilico utilizzato per produrre medicinali dopo che il dazio è stato pagato.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Vedi anche
Close
Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker