Flash

Aumento del 157% di immigrati nel Mediterraneo centrale nel primo quarto del 2021

Tra gennaio e aprile 2021 i migranti arrivati sulla rotta del Mediterraneo centrale sono più che raddoppiati (+157%) rispetto allo stesso periodo del 2020, toccando quota 11.600, ovvero l’aumento più consistente rispetto a tutte le altre rotte. Sono i dati di Frontex. Gli arrivi di aprile, 1.550, fanno registrare il doppio rispetto allo stesso mese del 2020.  Ad arrivare sono stati soprattutto tunisini e ivoriani.

In totale, nell’Ue, nei primi quattro mesi del 2021 sono stati registrati 36.100 arrivi, con un aumento di circa un terzo rispetto al 2020, quando le restrizioni per la pandemia avevano fatto segnare un calo. Ad aprile gli arrivi sono stati oltre 7.800, un numero quattro volte superiore rispetto al minimo storico di aprile 2020.

In aumento anche gli attraversamenti rilevati lungo la rotta balcanica, dove da gennaio ad aprile sono arrivati 11.606 migranti, principalmente siriani e afghani, con un aumento pari al 93% rispetto allo
stesso periodo del 2020.Più che raddoppiati gli arrivi nelle isole Canarie dove nei primi 4 mesi dell’anno ne sono stati rilevati circa 4.500 per lo più da Mali e Marocco. Il numero di migranti che hanno attraversato la rotta del Mediterraneo orientale da gennaio ad aprile, è invece diminuito del 58% rispetto allo stesso periodo del 2020. Nell’ultimo mese, tuttavia, gli arrivi sono stati 12 volte superiori a quelli rilevati ad aprile dello scorso anno.

In ripresa i flussi migratori lungo la rotta del Mediterraneo occidentale, dove sono stati segnalati circa 3.200 migranti illegali da inizio anno, un aumento del 5% rispetto allo stesso periodo del 2020, che raggiunge il 70% se si confrontano i dati di aprile 2021 e 2020.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button