Flash

No alla quarantena per i passeggeri in arrivo: le compagnie aeree criticano la decisione di Londra

Le compagnie aeree condannano la decisione del Regno Unito di introdurre una quarantena di 14 giorni per i viaggiatori. Il mese scorso, infatti, il governo ha annunciato che, dall’8 giugno tutti i passeggerei in arrivo con voli internazionali, compresi i cittadini britannici di ritorno in patria, devono autoisolarsi e fornire dettagli sul luogo in cui alloggeranno. Le critiche al Governo di Londra partono dal fatto che la proposta di introdurre la quarantena sia arrivata troppo tardi e si rivelerebbe perciò inefficace. All’inizio di questa settimana, il CEO di Ryanair, Micheal O’Leary, ha affermato che la sua compagnia aerea non cancellerà i voli da e per il Regno Unito e ha accusato i ministri di aver elaborato il piano di quarantena mentre in gli inglesi continuano ad ignorarla. British Airways, EasyJet e Ryanair hanno scritto congiuntamente al governo chiedendo un controllo giurisdizionale, ritenendo sproporzionate le regole imposte. L’International Airlines Group ha lamentato inoltre il fatto che le compagnie aeree non sono state consultate in merito a tale mossa.  Il governo britannico è stato da più parti pesantemente criticato per la sua lenta risposta alla pandemia: non ha chiuso i confini, non ha controllato gli arrivi internazionali né testato i viaggiatori durante il periodo più critico della diffusione del Covi-19, insistendo invece fino a maggio che porre restrizioni al confine non avrebbe avuto un impatto significativo sulla diffusione del virus.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker