Flash

Per Eurojust i combattenti dell’ISIS che tornano in Europa dovrebbero essere accusati di crimini di guerra

I combattenti dell’ISIS che tornano in Europa dai conflitti in Iraq e in Siria dovrebbero essere accusati di crimini di guerra e genocidio, è quanto afferma ‘Genocide Network’, un’agenzia sostenuta da Eurojust che indaga su crimini internazionali.

In un rapporto presentato il 23 maggio, ‘Genocide Network’ ha affermato che alcune organizzazioni terroristiche tra cui ISIS, Jabhat al-Nusra e le sue affiliate dovrebbero essere perseguite dalle autorità nazionali non solo per reati di terrorismo ma anche per crimini di guerra, crimini contro l’umanità e crimine di genocidio, considerati “principali crimini internazionali”.

Secondo ‘Genocide Network’  le accuse potrebbero fare aggravare condanne già pesanti e rendere maggiore giustizia alle vittime, poiché lo statuto per le limitazioni non si applica ai crimini internazionali principali e i combattenti terroristi stranieri (FTF) potrebbero essere perciò ritenuti responsabili di tali crimini nei decenni futuri.

La Germania, la Francia, l’Ungheria, la Finlandia e i Paesi Bassi hanno già avviato procedimenti contro gli FTF, o addirittura pronunciato sentenze in cui addebitano loro anche i crimini più gravi.

Tags
Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker