Flash

Pmi sempre più nel mirino del cybercrime

Negli ultimi anni gruppi APT (Advanced Persistent Threat) hanno cominciato a utilizzare le proprie capacità, affinate in anni di “servizio” agli ordini di Paesi come la Corea del Nord, per “vendersi” al miglior offerente e cominciare ad attaccare anche piccole e medie imprese. L’ultimo esempio è un recente attacco contro uno studio di architettura australiano con clienti in tutto il mondo.

Ci sono sempre stati criminal hacker “a pagamento” e Stati come la Cina e la Russia li reclutano per le loro operazioni di intelligence consentendo loro di imparare tecniche, tattiche e procedure sofisticate che possono poi essere utilizzate anche per il cybercrime e grazie alle quali possono costituire gruppi di mercenari a disposizione di privati che vogliano spiare i loro concorrenti o manipolare i mercati finanziari. Lo hanno confermato anche gli USA ad aprile con un rapporto sulle minacce nord coreane alla cyber security in cui si denunciava che attori di Pyongyang erano stati pagati per hackerare siti web per conto terzi. Nell’ultimo decennio, il numero di stati con capacità offensive a livello cyber è cresciuto da una mezza dozzina di paesi a oltre 30. Inoltre, la proliferazione di conoscenze e capacità continua a superare il modo in cui i singoli Paesi (e le organizzazioni) possono proteggersi efficacemente.

Le Pmi, da bersaglio secondario negli attacchi alla supply chain, stanno diventando il target primario e questo solleva un serio problema, in quanto spesso le Pmi non hanno i budget o il personale qualificato necessari per rilevare e rispondere a tali attacchi.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker