Flash

Solo 7 giovani italiani su 100 nel Metaverso

Il metaverso rende ancora più distanti giovani e over 55. Cresce la curiosità per il ‘non luogo’ virtuale, ma finora solo il 7% ha avuto un’esperienza immersiva, Sei intervistati su 10 la vorrebbero fare quanto prima, mentre il 16% vuole avere prima più informazioni. Un dato che denota una certa diffidenza verso uno spazio dove non ci sono ancora regole chiare, che non garantisce la riservatezza dei dati e la tutela della privacy. A dare queste indicazioni è l’indagine demoscopica “Giovani e innovazione nello scenario del metaverso”, a cura di Roberto Baldassari, direttore generale Lab21.01 e direttore del Comitato Scientifico Angi. La ricerca, effettuata tramite 1.200 interviste, è stata presentata al Festival del Metaverso, organizzato dall’Angi a Torino.

“Gli investimenti di grandi aziende Italiane e internazionali potrebbe contribuire in maniera forte a far diventare uno scenario ancora sfocato sempre più propositivo, tecnologicamente avanzato e, paradossalmente, macchiato di realtà” spiega Baldassari. “Grazie allo sviluppo e alla costante crescita della community dei giovani innovatori italiani, vogliamo vivere da protagonisti le sfide per il rilancio economico e sociale dell’Italia, mettendoci a disposizione delle istituzioni. Al nuovo governo chiediamo di mantenere il dicastero dell’Innovazione e di portare avanti le politiche digitali sia nell’ottica di attuazione del Pnrr sia di sostegno alle future generazioni” afferma Gabriele Ferrieri, presidente dell’Angi.

La ricerca prende in esame l’impatto del metaverso sulla società: il 31% dei giovani ritiene che le esperienze immersive nel metaverso non renderanno gli individui più pigri e asociali rispetto al 23% che nutre forti dubbi sulla pericolosità recondita nel metaverso. Il rischio di scollamento sociale c’è visto che 9 giovani su 10 sono molto interessati alla possibilità di effettuare viaggi senza muoversi dal loro luogo di appartenenza o di incontrare il personaggio famoso preferito. Per i giovani sarà l’ambito dei rapporti sociali e interpersonali (28%) quello che sarà rivoluzionato dal metaverso; 4 punti percentuali in meno per istruzione e formazione (24%), seguita da ‘mobilità, turismo e smart city’ (22%), ‘pubblica amministrazione e rapporti con il cittadino’ (19%), ‘ecommerce’ (7%). Tra le opportunità il 23% dei giovani indica favorire “gender and age equality”; il 22% occasioni di lavoro; il 21% la riduzione delle distanze spaziali.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button