In attesa di GiustiziaRubriche

In attesa di Giustizia: i maratoneti

I protagonisti di questo numero della rubrica non sono propriamente atleti e neppure emuli del personaggio mirabilmente interpretato da Dustin Hoffman, bensì le centinaia di avvocati penalisti che dal 2 dicembre e per tutta la settimana si sono alternati dalle prime ore del mattino e fino a sera su un palco allestito di fronte alla Corte di Cassazione, impegnati nella “Maratona oratoria per la verità sulla prescrizione” organizzata dall’Unione delle Camere Penali  durante il periodo di astensione dalle udienze, che qualcuno lo chiama sciopero, proclamata per protesta contro l’inerzia di legislatore e governo nel riformare – come vanamente promesso un anno fa – il settore della giustizia penale in vista della entrata in vigore del nuovo regime della prescrizione che la elimina dopo il giudizio di primo grado.

Sul modello dello Speakers’ Corner di Hyde Park (che, tra l’altro, non è lontano dal luogo ove sorgeva il patibolo di Londra…ma ogni analogia con la prossimità alla Cassazione è puramente casuale), il palchetto dell’Unione ha offerto l’opportunità di offrire al pubblico un dibattito non stop su un argomento molto attuale ed oggetto di inaccettabili mistificazioni che non sono mancate neppure durante questo periodo di agitazione.

Ne sono di esempio le garbate e profonde considerazioni del giureconsulto Alessandro Di Battista secondo il quale la prescrizione “salva il culo ai potenti”, cui ha risposto seccamente il Presidente dell’Unione Giandomenico Caiazza o la dimostrazione inequivoca di voluta disinformazione (l’ignoranza, in questo caso, non è immaginabile) di un esponente dell’Associazione Nazionale Magistrati che nel corso della trasmissione RAI “Agorà” ha sostenuto per l’ennesima volta che la prescrizione è frutto di callidi stratagemmi degli avvocati venendo – peraltro – immediatamente sbugiardato da Piero Sansonetti presente in studio.

La raccogliticcia maggioranza di Governo sul tema della prescrizione e della riforma della Giustizia si è quantomeno incrinata ed il dibattito è tornato ad animare anche la politica: alcuni esponenti dei diversi partiti si sono persino affacciati al luogo della maratona per partecipare in qualche modo alla discussione, la manifestazione – nella sua singolarità – ha richiamato l’attenzione dei media contribuendo a far affluire pubblico incuriosito in Piazza Cavour.

Insomma, è stato un successo, frutto di una notevole e fantasiosa capacità comunicativa di cui si è dimostrata capace l’Unione sfruttando le armi migliori di cui dispongono i suoi iscritti: la parola, la competenza, l’onestà intellettuale, lo spirito di sacrificio. E la maratona non è stato il solo esempio di intelligente ed originale forma di protesta messa in campo: ridentem dicere verum, quid vietat? Osservava Orazio e il Prof. Giovanni Flora, già Ordinario di Diritto Penale a Firenze, ha realizzato un video clip nel quale – su parole e musica del celeberrimo “Senza fine” di Gin Paoli – canta, senza stonature né falsificazioni, le ragioni del processo senza fine.  Applausi, anzi, standing ovation.

Qualcosa, intanto, sembra muoversi a Montecitorio e dintorni a livello di ripensamenti sulla modifica della prescrizione e riforme possibili anche se è preferibile non pensare a cosa possa partorire l’ennesima normativa frutto di compromessi ed arditi equilibrismi politici ma, più difficilmente, di competenze effettive nella materia da trattare.

Resta però l’immagine di quella Piazza Cavour da qui l’Avvocatura esce vincitrice: una piazza che, come ha ricordato l’avvocata Cinzia Gauttieri, è stata una testimonianza di militanza vera contro l’ignoranza di coloro che non sanno di cosa parlano, il pregiudizio di chi ha deciso prima di conoscere e l’ottusità di chi non vuole ascoltare. Una vittoria di chi la Giustizia l’ha veramente a cuore e si batte perché la sua attesa non sia né indefinita né vana.

 

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker