RubricheToghe e Teglie

Toghe&Teglie: gamberi e polenta

Lucia Varalda

Buongiorno e buone feste a tutti i lettori: sono Lucia Varalda, avvocata torinese e per me questi  giorni sono di festa speciale perché una mia preparazione è stata scelta a rappresentare il Gruppo Toghe & Teglie – di cui faccio parte – in questa rubrica. Doppia festa, in quanto sono al mio esordio e spero che vi risulti gradita questa ricetta, come dire, “mari e monti” che propone il connubio tra code di gamberi e polenta taragna.

Non è complicata e, sicuramente, saprete migliorare l’impiattamento rispetto a quanto si vede in fotografia.

Cominciamo: procuratevi delle patate rosse e cuocetele al vapore, poi schiacciatele insieme a sale, pepe q.b., abbondante noce moscata e mezzo cucchiaino di curcuma.

Stiamo preparando il purèe di accompagnamento e, quindi,  aggiungete il latte (io non lo uso ma, volendo, si può aggiungere del burro). “Tirate” il purèe finché diventi liscio e omogeneo e mettetelo da parte in attesa di essere riscaldato al momento del servizio.

Ora occupiamoci dei gamberi: sgusciateli e puliteli bene anche dall’intestino e fate marinare le code crude con scorza di limone, sale e un pelino di paprika.

Terminata la marinatura, impanate le code con della polenta taragna – sì, dovrete preparare anche questa ma non ci vuole molto, oppure utilizzare dei residui – e metteteli in forno a 150 gradi per non più di 15/20 minuti per farli rimanere morbidi ma croccanti quanto basta all’esterno.

Dimenticavo! La guarnizione del piatto, con le code di gamberi adagiate sul purèe è completata da chips di zucca che dovrete preparare prima… tagliate la zucca a fettine sottili, condite con filo di olio, sale e un po’ di aglio in polvere e poi  in forno a 180 gradi finché non sono diventate croccanti.

E adesso, tocca a voi che saprete prendere spunto e far di meglio.

Auguri, auguri, auguri.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button