RubricheToghe e Teglie

Toghe&Teglie: i tarallini pugliesi

Tania Rizzo

Buongiorno ai lettori de Il Patto Sociale da Tania Rizzo, avvocata penalista leccese, naturalmente membro del Gruppo Toghe & Teglie. Leggendo le ricette presentate dai miei amici in questa rubrica mi sono detta: ma tutte queste bontà, in particolare antipasti e secondi piatti, si dovranno pur accompagnare con un tozzo di pane? E allora eccovi, facile facile, il mio suggerimento per realizzare dei gustosissimi taralli che possono essere anche il complemento di un aperitivo.

Servono: farina 0 (potete provare anche con quella di Kamut), vino bianco, 1 bicchiere ed olio extravergine d’oliva, sale q.b.

Le dosi…ah, già, voi pretendete sempre le dosi mentre io – come molti altri del Gruppo – vado a occhio: beh, mettiamola così: con un mezzo chilo di farina, 200 ml. di vino bianco secco (potete provare anche con un quantitativo uguale di birra), un mezzo bicchiere di olio evo, sale q.b. ricaverete almeno una cinquantina di tarallini.

Andiamo alla preparazione: impastate bene tutti gli ingredienti e poi fate riposare mezz’ora prima di impastare di nuovo realizzando un composto liscio e privo di grumi ed aggiungendo – se fa piacere –  peperoncino piuttosto che semi di finocchietto e preparate i taralli staccando dall’impasto piccoli pezzi che arrotolerete su se stessi dandovi la tipica forma ad anello.

A questo punto è opportuno disporre i taralli su una teglia ricoperta con carta da forno riponendoli in frigo una mezz’ora per far mantenere la forma prima di cuocerli.

Il tarallo, si badi, è a doppia cottura e dovrete prima buttarli in acqua bollente per pochi attimi, scolandoli con un mestolo quando vengono a galla (un po’ come si fa con gli gnocchi); poi fateli asciugare su un canovaccio e poi ancora metteteli in forno statico a 200 gradi fino a quando diventano del giusto colore dorato tenendo conto che, a seconda del formato, cambia un po’ la tempistica di cottura.

Questo è tutto e ora…ai fornelli!

Alla prossima.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button