In attesa di GiustiziaRubriche

Toghe&Teglie: il bordatino

Laura Antonelli

Buona settimana a tutti, sono Laura Antonelli, avvocata pisana del Gruppo Toghe & Teglie che sfido chiunque a non volere all’uscio per farla entrare ed accomodare ai fornelli: potrei preparare lì per lì qualche delizia della cucina toscana come quella che vado a spiegarvi oggi come si fa.

Il bordatino…o che sarà mai? E’ una zuppa tipica della mia città, cucina povera ma molto saporita: soprattutto se gli ingredienti sono quelli boni, verdure dell’orto per prime.

Dunque procuratevi dei fagioli borlotti (in mancanza si possono usare anche i cannellini ma non sono la scelta ottimale), del cavolo nero, aglio, peperoncino e concentrato di pomodoro, farina gialla e l’olio evo che non può mancare.

Ora fate cuocere i fagioli, tenendo da parte il loro brodo, e sbollentate il cavolo nero, strizzatelo e tenetelo a sua volta da parte.

Preparate, a questo punto, un soffritto olio, aglio e un pezzettino di peperoncino, aggiungete un poco di concentrato di pomodoro e poi un paio di ramaioli di fagioli, non tutti quelli che avete preparato. Con le quantità, come al solito, qui si va a occhio.

Lasciate cuocere a fuoco basso e, ogni tanto, allungate con l’acqua di cottura dei fagioli. Dopo una mezzoretta levate dal fuoco e frullate tutto. Rimettete sul fuoco aggiungendo il cavolo nero e i fagioli interi che avete conservato.

Allungate ancora con brodo di fagioli e, dopo venti minuti versare lentamente della farina gialla girando con una frusta sino a rendere il tutto simile a una crema e badando di far cuocere bene la farina gialla.

Al servizio ci sta bene un giretto d’olio a crudo e una macinata di pepe nero. Per esagerare, e io lo consiglio, aggiungere della pancetta croccante ad ogni porzione.

Con il freddo che è in arrivo, è un piatto assolutamente ideale, e poi è gran buono!

Alla prossima

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button