RubricheToghe e Teglie

Toghe&Teglie: il risotto alla crema di pistacchio

Marianna de’ Giudici

Buona settimana a tutti gli appassionati di cucina! Sono Marianna de’ Giudici, avvocata veneziana di origini francesi del Gruppo Toghe & Teglie. Sono stata in vacanza in Sicilia ma non in vacanza dai fornelli e ho fatto buon uso – come vedrete – di alcuni prodotti del territorio per realizzare un risottino molto particolare.

Il risotto in agosto, a 40°, direte voi? Beh, cos’è, vietato? Ci vuole il green pass per farlo? …e allora provate anche voi nella stagione che preferite.

Dunque, iniziate con il preparare una crema sgusciando i pistacchi (se non sono di Bronte, pazienza, ma sarebbero quelli preferibili) e togliendo la pellicina dopo averli sbollentati.

Ora frullateli aggiungendo un po’ di olio di oliva; nel frattempo cominciate a far andare il risotto “bianco”: un leggero soffritto con un poco di scalogno, sfumando con un goccio di vino bianco: non usate brodo di carne nella preparazione, tutt’al più uno vegetale molto leggero ma – tutto sommato – la cosa migliore è semplice acqua come per il risotto alla parmigiana.

Mi raccomando di tenere il risotto un po’ indietro per procedere, in ultimo a mantecarlo con la crema di pistacchio e con un lemon curd salato facendo poi riposare a fuoco spento un paio di minuti prima di servire. Niente formaggio, preferibilmente, anzi è sconsigliato ma de gustibus…

Cos’è il lemon curd? Già, mi ero dimenticata di dirvelo prima: è una crema di origine inglese (qualcosa di buono si trova anche Oltremanica) tendenzialmente destinata al dessert nella versione dolce…E’ facilissimo da preparare: per la versione salata (che serve per il vostro risotto) procuratevi della fecola di patate, buccia e succo di limone in egual misura, burro e  tuorlo d’uova, un po’ di sale al posto dello zucchero –  ottimo il Maldon – e mescolate il tutto in un recipiente usando una frusta facendo andare a  bagno maria (o a fuoco bassissimo) per una decina di minuti finché addensa. Preparatelo in anticipo, insieme alla crema di pistacchio come le bucce di limone che serviranno per guarnire all’impiattamento dopo essere state sbollentate e passate in pochissimo zucchero.

Volendo si può aggiungere anche un pizzico di granella di pistacchio, senza esagerare per non perdere l’equilibrio dei sapori.

Un piatto insolito, dal sapore originale e, che non guasta, “di bella presenza”: sembra complicato ma non lo è.

Bon appètit!

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button