RubricheToghe e Teglie

Toghe&Teglie: la zuppa di barbabietole

Sara Astorino

Buongiorno a tutti, sono Sara Astorino, avvocata crotonese trasferita a Firenze del Gruppo Toghe & Teglie e son per la prima volta ospite di questa rubrica: lo faccio presentando una mia ricetta che è particolarmente piaciuta a Giuseppe Barreca, che nel Gruppo si occupa di scovare – tra quelle pubblicate sulla nostra pagina Facebook – le preparazioni più originale che, poi, quasi sempre, finiscono qui.

Il piatto che vi presento è una zuppa ideale con i primi freddi, e – spero che la cosa risulti di gradimento – facile da preparare e, come si vede dalla foto, di buon effetto scenico perché a tavola anche l’occhio vuole la sua parte.

Dunque, procuratevi delle barbabietole e pelatele dopo averle appena scottate nell’acqua bollente e tagliatele a tocchetti.

Intanto, in una casseruola versate un paio di cucchiai da minestra di olio evo e fate imbiondire del porro, insieme a una carota – anche lei tagliata fina –  e dello zenzero grattugiato o a scagliette.

Quando il porro avrà cominciato a cambiar colore, aggiungete una patata (a sua volta tagliuzzata), per dare sapore e densità, e la barbabietola che era in attesa del suo momento.

Infine, per completare la cottura e dare volume alla zuppa, aggiungete mezzo litro di acqua calda o – forse è ancora meglio – del brodo vegetale. E’ tollerato l’impiego di brodo già pronto anche se, già che ci siete, potreste mettere mano a un po’ di altre verdure: ci vuole poco per disporne ed avere un preparato fresco, più gustoso e sano.

Per finire, fate cuocere il tutto, rigorosamente col coperchio e a fuoco moderato, per circa mezz’ora, molto dipende, appunto, dalla fiamma.

Per ultimo, frullate il composto, aggiungete della frutta secca a scelta e ancora dei pezzettini di zenzero secondo il gusto personale.

I commensali apprezzeranno, o almeno lo spero!

Alla prossima.

 

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button