RubricheToghe e Teglie

Toghe&Teglie: torta soffice di zucca

Angela de Cristofaro

Buona settimana a voi, lettori de Il Patto Sociale: sono Angela de Cristofaro del Gruppo Toghe & Teglie – ormai è superfluo specificarlo – abruzzese di nascita e brindisina di adozione nota con il nome di battaglia di “Muffin” per la abilità che i miei amici mi attribuiscono nel preparare questi deliziosi dolcetti. E proprio di un dolce voglio proporvi la preparazione anche se non si tratta di una delle infinite varianti in cui si possono realizzare i muffins.

Iniziate con il procurarvi 300 grammi di ottima zucca (quella mantovana è perfetta per la sua dolcezza), 280 grammi di farina per dolci, 80 grammi di mandorle in polvere, quattro uova, 100 grammi di olio di semi, 90 grammi di zucchero bianco, 90 grammi di zucchero di canna grezzo, cinque cucchiai di liquore all’arancia la buccia grattugiata di un’arancia, una bustina di lievito

La zucca si usa cruda, ripulita, tagliata a pezzetti e frullata finemente.

Fatta questa iniziale operazione, lavorare usando una frusta i tuorli d’uovo con gli zuccheri sino a renderli spumosi, aggiungete gradualmente al composto la zucca frullata, le mandorle in polvere, l’olio, la farina e il lievito, il liquore ed infine i bianchi a neve continuando a lavorare l’impasto. Aggiungere la scorza di arancia e lasciate riposare qualche minuto.

Ora versate il tutto in una teglia da torte e infornare per 45/50 minuti in forno statico preriscaldato a 175 gradi.

Ottima per colazione con il caffelatte, può essere servita anche a fine pasto, accompagnandola con un fiocco di panna montata e – perché no? – sorseggiando un bicchierino di Ben Rye Donnafugata.

Facile vero? Ed alla facilità di preparazione si accompagna un sapore delizioso, una consistenza morbida che si coniuga perfettamente con l’accenno di croccantezza delle mandorle tritate.

Ed ora, forza! Indossate i grembiuli ed andate a provare questo suggerimento.

A presto.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button