libreria

  • Il coronavirus manda a picco il mercato dei libri

    “Una crisi epocale” come la ha definita il presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi,  ha travolto l’editoria italiana: nei primi quattro mesi del 2020 sono meno 8 milioni le copie vendute nella varia (saggistica e fiction) con circa 134 milioni di euro di fatturato persi, concentrati tutti tra marzo e aprile, in piena emergenza Coronavirus. E il timore è “che l’intero mercato del libro, fiction, saggistica, ma anche libri scolastici, universitari e professionali più la vendita dei diritti, possa chiudere il 2020 con un pesantissimo calo di fatturato quantificabile tra i 650 e i 900 milioni rispetto ai 3,2 miliardi complessivi del 2019” ha spiegato Levi alla presentazione, per la prima volta online, di una ricerca dell’Associazione Italiana Editori (AIE), in collaborazione con Nielsen e IE-Informazioni Editoriali, sull’impatto del Covid-19 sul mercato del libro. Ed è paralisi nei lanci dei nuovi titoli: dal 16 marzo al 3 maggio, gli editori distribuiti dai maggiori gruppi nazionali hanno congelato il 91,1% delle uscite. Secondo le stime Nielsen, il mercato dell’editoria di varia (fiction e non fiction) in librerie, store online e grande distribuzione organizzata (Gdo), dal primo gennaio al 3 maggio 2020, ha registrato una perdita netta di 90,3 milioni. Considerando anche le vendite fuori dai canali rilevati dagli istituti di ricerca (cartolibrerie, vendite dirette, fiere, librerie specialistiche e universitarie) la perdita arriva a circa 134 milioni di euro.

    Nel lockdown sono cambiate le abitudini di acquisto degli italiani e sono volati gli store online diventati il primo canale di acquisto dei libri con una quota pari al 47% delle vendite di varia (fiction e non fiction), nelle prime 16 settimane del 2020, contro il 26,7% del 2019. Stabile la Gdo-Grande Distribuzione Organizzata, al 7,3%, mentre le librerie calano dal 66,2% al 45%. Ma che cosa significa la crescita dell’e-commerce che ha visto in generale il 37% delle persone usare per la prima volta gli store online, anche per fare la spesa? Sapranno gli altri canali di vendita e le librerie reagire offrendo quei benefit che i canali online non sono in grado di offrire? Ci sono possibilità per le librerie di ripensarsi? Questa la vera sfida per Giovanni Peresson, responsabile dell’ufficio studi AIE. A un primo sguardo sembra di sì vista la rapidità nel ripensarsi, la resistenza e “la capacità di essere unito che ha dimostrato il mondo del libro” come ha sottolineato Levi annunciando la proposta di “un buono di 100 euro per 1 milione di famiglie. Il metodo potrebbe essere per quelle con un figlio di 5 o 6 anni. Con 100 euro si creerebbe una piccola bibliotechina di 8 libri da poco più di 10 euro, che potrebbe usare tutta la famiglia, non solo il bambino. E tutte le ricerche ci dicono quanto sia importante avere sin da bambini i libri in casa”.

    La perdita di reddito delle famiglie conseguente alla caduta del Pil, -8% annuo secondo le stime del governo, porterà a una riorganizzazione della spesa di cui vediamo già oggi i segnali e che, se non contrastata attraverso un forte sostegno alla domanda, potrebbe avere un impatto drammatico sul nostro settore con forti ricadute sull’occupazione. La partita non è chiusa: sia pure nelle difficoltà, le imprese stanno reagendo e un forte sostegno alla domanda, tramite bonus alle famiglie e acquisti delle biblioteche, può ancora avere significativi effetti. Se faremo presto” dice il presidente dell’AIE. Ma c’è anche qualche spiraglio di luce: le librerie hanno perso l’85% delle vendite nelle settimane di chiusura, dal 9 marzo al 12 aprile. Ma, come evidenzia l’indagine di Informazioni Editoriali questa percentuale è il risultato della media tra chi, chiuso completamente, ha perso il 100% del fatturato e chi, organizzandosi con le consegne a domicilio e grazie a una buona presenza sui social e alla fidelizzazione dei clienti, ha ridotto il suo calo al 71%. E  c’è anche il piccolo caso di 17 librerie che sono riuscite a vendere addirittura di più rispetto allo stesso periodo del 2019, come ha spiegato l’ad di IE, Simonetta Pillon.

    La rete è sempre più strategica: si è passati dal 59%, prima dell’emergenza Coronavirus, al 64% attuale dei lettori che dichiarano di acquistare sulla base di segnalazioni su blog, siti dedicati o social network.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker