PE

  • Patrizia Toia: secondo Conte ‘attacchi scomposti all’Italia’? No, risposta stizzita a una presa in giro del Parlamento europeo

    Pubblichiamo, autorizzati dall’On. Patrizia Toia, il suo articolo apparso sul Corriere della Sera.

    Caro direttore,
    non sono stati “attacchi scomposti” all’Italia, ma una risposta stizzita a una presa in giro del Parlamento europeo. Il problema è che Conte è venuto a Strasburgo a fare retorica europeista e a spacciare per grandi “novità” delle misure che abbiamo proposto e approvato con il voto sempre contrario delle forze che lo sostengono
    Fa un certo effetto sentire Conte definire un “impulso prezioso” il Piano Juncker degli investimenti se sei un eurodeputato che ci ha lavorato per anni e sei già indignato per il voto sempre contrario degli eurodeputati grillini e leghisti.
    E fa effetto sentire Conte che rimprovera noi con tono da mestrino perché non ci sono abbastanza fondi per l’Africa quando abbiamo già approvato il piano di investimenti per l’Africa e ancora brucia la ferita del voto contrario dei leghisti, quelli che vogliono “aiutarli a casa loro”, e l’astensione dei grillini. E fa effetto quando dice che serve “un’Europa forte e coesa” e che bisogna “sfruttare tutte le opportunità di cooperazione” in materia di difesa comune, mentre nell’aula di Strasburgo sanno che è lo stesso governo Conte che non partecipa alla Forza di intervento rapida dell’Ue, avviata da nove Paesi. E che dire quando il capo del Governo, che ha affossato in Consiglio la riforma di Dublino, votata dal Parlamento europeo, rimprovera l’Europa di poca lungimiranza sull’immigrazione perché serve “una soluzione strutturale” fuori dalla logica dell’emergenza? Come non indignarsi quando il premier che rappresenta Lega e Movimento 5 Stelle invita gli eurodeputati a “non cedere a logiche nazionaliste o regionaliste?” O quando spiega che bisogna limitare le “conseguenze negative della Brexit” mentre nella stessa aula gli eurodeputati della sua maggioranza grillina siedono ancora oggi nel gruppo guidato dall’euroscettico Nigel Farage?

    Patrizia Toia
    Capodelegazione degli eurodeputati Pd

  • Nuove regole per Eurojust, la struttura antiterrorismo della Ue

    Via libera del Parlamento europeo al nuovo regolamento di Eurojust, l’Agenzia Ue che coordina la lotta contro la criminalità organizzata trasfrontaliera. Le nuove regole, approvate a Strasburgo con 515 voti a favore, 64 contrari e 26 astensioni, renderanno l’Agenzia più efficace e trasparente. Il regolamento introdurrà modifiche alla struttura di Eurojust, snellendo il processo decisionale per le questioni non operative e strategiche. Aumenterà anche la trasparenza, con la messa a punto di un meccanismo di valutazione da parte dell’Eurocamera e dei parlamenti nazionali sulle attività di Eurojust. La revisione delle norme dell’agenzia, che dovrà ora essere approvata dal Consiglio, si adegua infine all’istituzione della Procura europea e delle nuove regole sulla protezione dei dati nelle istituzioni comunitarie.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker