In EvidenzaPolitica

Un po’ di chiarezza sulle scorte

Secondo i dati pubblicati, sabato 23 giugno, dal Corriere della Sera in Italia sarebbero 560 le persone che godono di una scorta e gli agenti addetti alla tutela sarebbero 2000. Non sono né troppi né pochi, dipende dalle motivazioni che hanno portato a dotare 560 italiani di una protezione e dall’uso effettivo della scorta. Come abbiamo chiesto il 21 giugno, per trasparenza e democrazia, sarebbe giusto conoscere i nomi almeno di coloro che rivestono un incarico pubblico, sarebbe giusto avere conferma che la scorta tutela la persona in pericolo durante le sue funzioni e non mentre eventualmente va a divertirsi in un locale notturno. La scelta di dare o confermare una scorta non può basarsi sulla simpatia o sull’appartenenza partitica o culturale e le polemiche nate intorno alla scorta di Saviano ci sembrano l’ulteriore utilizzo di notizie, battute, minacce per scopi propagandistici mentre un paese serio deve pensare a tutelare chi è in pericolo punto e basta così come chi è in pericolo non può utilizzare la scorta per andare a divertirsi.

Per troppo tempo in Italia la scorta ha rappresentato, per alcuni, una sorta di status symbol e si sono date scorte a chi non era in pericolo e tolte a coloro che, come Marco Biagi, erano nel mirino. Ci auguriamo che il ministro dell’Interno, esternando meno, effettui una verifica corretta sull’utilizzo delle scorte non facendosi guidare da emotività e pregiudizi: chiunque governi deve comprendere che non rappresenta più soltanto i propri elettori ma un intero Paese e che quanto può sembrare utile oggi ad ottenere qualche voto in più può trasformarsi un domani in un boomerang elettorale, e comunque il fine di chi governa deve essere il bene comune e non quello della propria parte politica. Gli esempi di questi anni hanno dimostrano quanto i proclami e le battute abbiano il fiato corto, Renzi docet.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.