Food

  • Toghe&Teglie: uova alla scozzese

    Buona settimana e ben trovati, lettori gourmet di questa rubrica. Sono Sara Astorino, crotonese trapiantata in Toscana del Gruppo Toghe & Teglie, praticamente una novizia su queste colonne.

    Siamo ancora in periodo pasquale ed una mia ricetta a base di uova – seppure arricchita in modo poco penitenziale – è stata molto apprezzata dagli amici e colleghi tanto che sono stata prescelta per provocarvi l’acquolina in bocca.

    Per la preparazione ho usato le uova di quaglia – ma vanno benissimo anche quelle di gallina – salsiccia non troppo piccante (va un po’ a gusto personale), carne di maiale, sale, salsa worcester e per la panatura finale farina, rosso d’uovo di gallina e pan grattato in questo ordine esatto…quantità “a sentimento”, come al solito.

    Il primo passaggio consiste nel tritare la carne di maiale unitamente alla salsiccia, miscelandole per ottenere un composto molto liscio ed uniforme che andrà condito con due cucchiai di salsa worcester e un pizzico di sale.

    Successivamente le uova vanno messe in un contenitore con acqua gelata da portare poi sino ad ebollizione ed attendendo quattro minuti esatti prima di spegnere il fuoco.

    Ora bisogna far raffreddare le uova mettendo il contenitore sotto l’acqua fredda, così sostituendola gradualmente a quella calda. Dopo che le uova si saranno raffreddate e saranno state mondate del guscio, si arriva all’unico passaggio “lungo” della ricetta: preparate delle specie di polpette con il mix di carne di maiale e salsiccia facendo attenzione alla quantità: la particolare consistenza della carne e le dimensioni dell’uovo (soprattutto se viene usato quello di quaglia) consentono di usare solo pochissima carne che, di fatto, va spalmata intorno all’uovo, avvolgendolo.

    Terminata questa delicata operazione, ripassate nella farina, nel tuorlo d’uovo, nel pangrattato una prima volta e poi nuovamente in uovo e pangrattato.

    Il finale è la frittura con olio a 175 gradi (ed è opportuno munirsi di termometro digitale perché la temperatura è molto importante) ed, una volta dorato e ben cotto, se la dimensione dell’“involucro” di carne mista risultasse troppo sottile per prelevare le uova senza danneggiarle è bene usare una scolafrittura.

    Un’ ultima ultima nota: la migliore riuscita si lega ad una doratura molto forte, quindi grande attenzione nei passaggi finali della preparazione.

    Buon appetito e…alla prossima ghiottoneria!

  • Toghe&Teglie: mezzi ziti con broccoli in tegame e mollica tostata

    Buona settimana ai lettori affezionati di questa rubrica da Rossella Perricone della sezione “profondo Sud” di Toghe & Teglie. La ricetta che vi propongo questa settimana è stata tradotta in italiano per il titolo ma – non riesco a spiegarmi il motivo – viene più gustosa con il suo nome originale: mezzi siti cu u vrocculu arriminatu e muddica atturrata e per realizzarla, diciamo per tre quattro persone (in Sicilia anche solo due…), vi serviranno:

    50 grammi di uva passa, un cavolfiore bianco, 100 grammi di cipolla dorata, mollica di pane raffermo a volontà, olio  evo q.b., cinque  sarde sotto sale,  50 grammi di pinoli, una bustina di zafferano, sale e pepe q.b. e – ovviamente – ziti (o anche bucatini) spezzati in quantità “ad appetito”.

    Passiamo alla preparazione:

    fate ammorbidire l’uva passa in una bacinella di acqua tiepida ed intanto eliminate le foglie verdi del cavolfiore e la parte centrale più legnosa, poi dividetelo in cimette da lessare in acqua salata che conserverete dopo aver scolato.

    Tagliate la cipolla a fette sottili e rosolatela con l’olio e le sarde dissalate e private della lisca centrale. Una volta sciolte le sarde, alzate il fuoco, aggiungete i pinoli, l’uvetta scolata e fate andare a fuoco moderato per qualche minuto.

    A questo punto inserite anche le cimette di cavolfiore e lo zafferano sciolto in un po’ di acqua di cottura, mescolando continuamente per far rompere le cimette. Se serve, aggiungete altra acqua di cottura, sale e pepe.

    Su un fuoco a parte saltate la mollica in padella con l’olio per renderla croccante, salatela leggermente e siete pronti per far bollire la pasta rigorosamente nell’acqua di cottura dei cavolfiori; scolatela al dente e mettetela in padella con il condimento mescolando bene il tutto.

    Completate, al servizio, aspergendo le porzioni con la mollica di pane croccante a mo’ di formaggio grattugiato, un filo di olio e del peperoncino frantumato per dare al piatto una leggera nota piccante che non guasta.

    Un caro saluto a tutti e buon appetito!

  • Toghe&Teglie: tartufini mimosa

    Buona settimana a tutti da Emilia De Biase della sezione lombardo-campana di Toghe & Teglie: quest’anno per la festa della donna mi sono dedicata a questa ricettina facilissima che vi propongo. L’8 marzo è passato, dite? Vabbè, ci sarà pure l’anno prossimo e, comunque, non è vietato fare questi tartufini in altri momenti.

    Per prima cosa, preparate una ganache al cioccolato bianco portando a bollore 80 grammi di panna fresca, cui aggiungere 8 grammi di burro, scorza di limone grattugiata e 200 grammi di cioccolato bianco sminuzzato (i quantitativi esatti, per una volta che vengono forniti, prevedono 100 grammi di panna, 10 di burro e 250 di cioccolato bianco, io ne avevo solo 200 grammi e pertanto ho dovuto ridurre e bilanciare diversamente le dosi).

    Ottenuta questa crema, mettetela a raffreddare e intanto preparate del pan di spagna con cinque uova portate a temperatura ambiente e 190 grammi di zucchero sbattuti a lungo ed energicamente con un pizzico di sale e vanillina.

    Ne risulterà una meravigliosa spuma chiara cui vanno aggiunti 190 grammi di farina 00 setacciata, un po’ per volta, incorporandola con una marisa, delicatamente dal basso in alto badando a non far smontare il gonfiore della spuma e aggiungete anche un po’ di colorante alimentare giallo. Infornate in una teglia imburrata e un po’ infarinata oppure su carta forno imburrata, al massimo a 180° e fino a doratura. Occorreranno una ventina di minuti circa. Sfornate e mettete a raffreddare.

    Fatto questo, ritagliate i bordi e le parti esterne sotto e sopra della torta di pandispagna ottenuta e ricavatene cubetti. Una metà dei cubetti impastatela con dello yogurt greco (quello avevo in frigo ma, secondo me, può andar bene anche del mascarpone), buccia di limone grattugiata e un po’ di limoncello e formate un impasto da cui ricavare delle palline che cospargerete una ad una con la ganache al cioccolato bianco e poi tuffate e fatte rotolare nella ciotola con l’altra metà dei cubetti lasciati per la guarnizione finale ed irrorati anche loro di limoncello.

    Tutto chiaro, non è difficile vero? E allora datevi da fare e divertitevi ai fornelli!

    Buona Pasqua a tutti, io vado a preparare casatiello e pastiera.

  • Toghe&Teglie: farfalle con filetto di luccio

    Cari lettori, buona settimana da Vittorio Pacchiarotti della Sezione Laziale del Gruppo Toghe & Teglie; apprezzata dai miei amici e colleghi, propongo anche a voi questa ricetta molto semplice ed altrettanto appetitosa… e l’apparenza non vi inganni, non è quella pasta in bianco da 26€ a porzione che sembra faccia fine mettere in tavola in taluni ristoranti milanesi.

    Qui parliamo di un primo che può considerarsi anche un piatto unico (dipende anche dalla quantità di pesce che verrà impiegato) realizzato tutto con prodotti del territorio e pescato del lago di Bolsena per il quale non servono particolari competenze se non, proprio, nella scelta delle materie prime.

    Olio buono, aglio pulito della camicia e sminuzzato, gambi di prezzemolo tritati e una spolverata di peperoncino: mettete tutto in padella a soffriggere con l’aggiunta di un’ombra di concentrato di pomodoro e sfumate con vino bianco, inserendo per una brevissima cottura a fuoco moderato dei filetti di luccio. Salate q.b..

    A parte preparate del porro, facendolo insaporire in un’altra padella con olio, poca acqua (non deve friggere o bruciare) e poco sale e non appena prende colore, togliete dal fuoco e frullate insieme ai filetti di pesce ottenendo una crema che metterete da parte.

    Nel frattempo avrete messo a bollire l’acqua immergendovi la pasta ed, a cottura quasi ultimata, scolate le farfalle (può andar bene un altro tipo di pasta, se gradito) ed unitele alla crema di porro e filetti di luccio in una delle padelle usate in precedenza e mantecate, sempre a fiamma moderata, per un paio di minuti.

    All’impiattamento, arricchite con delle olive taggiasche denocciolate e tagliate a pezzettini e con una grattatina di limone; se piace, può starci molto bene un po’ di pepe profumato macinato al momento.

    Et voilà, il piatto è pronto, perfetto anche per un pranzo pasquale.

    A proposito…auguri sin da ora e tutti voi, a presto!

  • Toghe&Teglie: la patacò

    Ben ritrovati a tutti, dopo breve tempo, da Saverio La Grua del Gruppo Toghe & Teglie e questa settimana ho il piacere di proporvi la patacò, una gustosa minestra che ha come ingrediente principale la farina di  cicerchia, uno dei più antichi legumi, coltivato nel territorio di Licodia Eublea. Temo che altrove sia complicato trovarla…se volete provarla o trovate un galantuomo sul posto che ve la spedisce oppure se passate da quelle parti fatene scorta.

    Una volta trasformata in farina, viene utilizzata nella Sicilia centro-orientale per preparare questo piatto molto nutriente e saporito che, con l’aggiunta di broccoletti siciliani e salsiccia, prende il nome di patacò.

    La realizzazione, che ben si addice al periodo invernale, è molto semplice e richiede tempi brevi.

    Gli ingredienti per un perfetto pataco’ per quattro persone sono i seguenti: 250 grammi di farina di cicerchia, 300 grammi di salsiccia, 400 grammi di broccoletti siciliani, aglio, olio evo, sale q.b. e, a piacimento, peperoncino rosso.

    Iniziate soffriggendo uno o due spicchi d’aglio finemente tritati, aggiungete la salsiccia sbriciolata e fate rosolare a fuoco moderato. Unite, poi, i broccoletti che nel frattempo avete fatto cuocere (ma non troppo, appena sbollentati) in acqua salata, mescolando per alcuni minuti e aggiungendo, se necessario, un po’ dell’acqua che avete usato per cuocere proprio i broccoli.

    In un tegame dai bordi alti versate, ora, due litri di acqua, salandola, e non appena sta per arrivare a bollore, versate a pioggia la farina di cicerchia, mescolando ripetutamente con una frusta per evitare la formazione di grumi.

    Appena il composto raggiunge la consistenza voluta, non dovrebbe essere né troppo liquida né troppo densa ma dipende dal gusto personale, mischiate una parte della salsiccia e dei broccoletti ed impiattate.

    Al servizio, distribuite sulla minestra il resto del condimento, aggiungete un filo di olio evo e corredate i piatti con dei crostoni di pane abbrustoliti.

    Dite la verità: peccato che la cicerchia non si trovi all’Esselunga…a me l’ha regalata qualche giorno fa il sindaco di Licodia Eublea dove si coltiva questo squisito legume: eventualmente provate a chiamare in Municipio…

    Buon proseguimento a tutti voi

  • Toghe&Teglie: tuorlo fritto su crema di patate

    Mancavo da un po’ di tempo e sono contento di tornare da voi, cari lettori, sono Enrico Ghezzi, avvocato milanese del Gruppo Toghe & Teglie e voglio ingolosirvi con questa mia preparazione che non è emula di quella di Cracco: modestia a parte va molto oltre.

    Primo step: prendete un contenitore o un piatto fondo che possa andare in freezer e cospargete all’interno uno strato abbondante di pan grattato e separate i tuorli dagli albumi procedendo delicatamente: io metto il tuorlo sul palmo della mano e lascio che scivoli via tutto l’albume. Successivamente adagiate il tuorlo nel contenitore predisposto con il pan grattato e ricopritelo completamente con altro pan grattato.

    Ora posizionare in frigorifero per almeno tre ore i tuorli ricoperti di pan grattato e prima di procedere con la frittura anche 10/15 minuti in freezer.

    Secondo step: per la crema di patate mettete in una casseruola un giro di olio evo, del cipollotto tritato fine e fate soffriggere, poi aggiungete le patate tagliate a cubetti, sale, pepe q.b. e fate rosolare a fuoco basso per qualche minuto, poi coprite con del brodo vegetale e fate cuocere, sempre a fiamma moderata, per una mezz’ora circa. A cottura ultimata, inserite tutto in un bicchiere da minipimer (aggiungendo un goccio di latte intero o altro brodo per migliorare la consistenza se necessario) e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo.

    Terzo step: tagliate la focaccia, preferibilmente una non troppo alta e spugnosa, a listarelle e fatela tostare in una padella con un filo di olio evo.

    Siamo alle battute finali: prima di assemblare il piatto scaldate la crema di patate e, ovviamente, friggete i tuorli in olio di semi per un minuto o poco più: il tuorlo deve rimanere bello fondente. A questo punto mettete la crema di patate sul fondo del piatto (meglio una fondina, una cocotte o una scodella) e adagiatevi sopra il tuorlo fritto sulla crema, guarnite con i crostini di focaccia ed arricchite cospargendo l’uovo con scaglie di parmigiano o altro formaggio stagionato o semi stagionato a piacimento…avendo a disposizione del tartufo ancora meglio!

    Cracco, scansate! Davvero niente male…

    A presto.

  • Toghe&Teglie: gamberoni all’uovo infornati

    Cari lettori, spero che non vi siate stufati delle mie proposte: sono Massimiliano D’Alessandro avvocato, pescatore, cuoco e cinofilo della sezione tarantina di Toghe & Teglie e quella della settimana è una ricettina nata da un personale esperimento che, vi assicuro, è venuto benissimo e vi farà fare un’ottima figura…anche con voi stessi se non avete ospiti.

    Dunque, procuratevi i gamberoni (non è indispensabile andarli a pescare come faccio io!) con l’unico accorgimento di pulirli molto bene, sfilando anche lo sgradevole intestino dalle code, e metteteli in una coppetta con olio evo lasciandoli a macerare senza esagerazione mentre vi preparate per il resto.

    Scolate e inserite le code di gamberi con ancora un po’ di olio in appositi stampini da forno a fondo semisferico, due per ciascuno, uno all’incontrario dell’altro come a formare il numero 69. Ora posatevi un uovo intero sopra, spolverate con semi di sesamo e iniziate la cottura in forno caldo a 180 gradi sinché i bordi dell’uovo non si abbrustoliscono come si vede nella foto.

    Servite adagiando preferibilmente su una fetta di pane rigorosamente cafone, eventualmente abbrustolito lasciando croccante ma morbido l’interno, oppure nel piatto…con qualche scaglietta di tartufo – quando è stagione, che con l’uovo si sposa perfettamente – questi gamberoni sono imperdibili,

    Volendo, ho pensato che questo ben di Dio si potrebbe impiattare su delle scrocchiarelle…cosa sono? Prendete della carta forno e stendetevi sopra formaggio grattugiato non troppo sapido e stagionato e dei taralli sbriciolati, adagiatevi sopra delle cime di broccoli precedentemente lessati ed asciugati schiacciandoli con il fondo di un bicchiere. Un giro d’ olio e via , in forno a 220 gradi,  sinché non diventa croccante…Tutto qui, ovviamente le scrocchiarelle sono da preparare prima dei gamberoni all’uovo e da tenere al caldo, altrimenti rischiate di far nascere i pulcini.

    Buon divertimento ai fornelli, a presto!

  • Toghe&Teglie: cotolette “alla marescialla”

    Buona settimana a tutti i lettori, sono Saverio La Grua, il “Senatore” del Gruppo Toghe & Teglie, così soprannominato un po’ per questioni anagrafiche e un po’ per i miei trascorsi da Parlamentare. Stiamo entrando nel periodo quaresimale ma non per questo deve farsi penitenza tutti i giorni: ecco allora un piatto saporito, una cotoletta farcita non di mia creazione, il cui nome sembra evocativo di qualche pellicola anni ’60 con Sofia Loren ma – in realtà – non è così e non so spiegarvi l’origine del nome…che, in fondo, conta poco! Badiamo, piuttosto alla realizzazione.

    Per preparare due cotolette alla marescialla prendete quattro fette di lacerto o di lonza un po‘ sottili, tre patate di formato medio, due uova, prezzemolo, quattro fette di provola – anche affumicata va bene, se piace il gusto più deciso – e quattro di prosciutto cotto, burro, sale e parmigiano grattugiato q.b.; per un numero maggiore di commensali basta raddoppiare le dosi.

    Bollite le patate e appena cotte schiacciatele in una ciotola nella quale avrete già messo dei pezzetti di burro. Aggiungete abbondante prezzemolo tritato, parmigiano, sale e, se volete, una macinata fresca di pepe nero.

    Ora mescolate alacremente fino a quando si sarà sciolto il burro e formate un purè: è vietato usare quello in busta anche perché il composto deve restare di una certa consistenza e non essere una sorta di budino.

    Stendete una fettina della carne, battetela un po’ e dopo averla salata ricopritela con il purè di patate lasciando liberi i margini e stendetevi sopra le fette del prosciutto e della provola per poi ricoprire con l’altra fetta di carne facendo in modo di farne combaciare i bordi, sigillandoli con le dita.

    Infarinate leggermente la cotoletta, passatela nell’uovo che avrete prima sbattuto e salato e quindi nel pangrattato che deve ricoprirne anche i lati.

    Friggetele cotolette in olio di semi di girasole, girandola piu’ volte fino ad ottenere una perfetta doratura e servite ben calde.

    Voi dite che assomiglia ad una valdostana? Macchè! Intanto nella valdostana non c’è il purè, il formaggio è – ovviamente – la fontina e poi…quanti sofisimi! Chiamatela come vi pare purchè sia realizzata a regola d’arte e soddisfi il palato.

    A presto.

  • Toghe&Teglie: il risotto ai mirtilli

    Buona settimana ai lettori gourmet de Il Patto Sociale: già mi avete conosciuto, sono Francesco Toschi Vespasiani, avvocato fiorentino del Gruppo Toghe & Teglie, e questa settimana cercherò di ingolosirvi con questa ricetta di un risotto che è da mangiarsi con gli occhi prima ancora che assaporandolo!

    Procuratevi de riso Carnaroli in dose adeguata per i commensali (a regola: due pugni per ciascuno più “uno per la pentola) dei mirtilli (io ne ho messi abbondanti, circa 250 grammi per tre persone), della fontina od altro formaggio morbido – ottimo anche qualche formaggio trentino alle erbe – dello speck, indicativamente tre/quattro fette a testa ma la quantità varia secondo i gusti badando a non eccedere per non mascherare il sapore del mirtillo.

    Preparate a parte del brodo vegetale con carota, sedano, prezzemolo e cipolla lasciandolo in ebollizione per la cottura del riso evitando che la rallenti o arresti se a temperatura inadeguata. Preparare i mirtilli schiacciandoli un poco da crudi e lasciarne alcuni interi per finale guarnizione.

    Fate soffriggere una cipolla oppure dello scalogno e poi tostate il riso per almeno tre minuti. Ora portatelo a cottura aggiungendo man mano il brodo vegetale, via via che si asciuga in modo da non fare attaccare il riso; aggiungete dopo 6/7 minuti i mirtilli in modo che cuociano assieme al riso e si disfino dando al tutto il colore viola e il loro sapore.

    Nel frattempo, in un padellino antiaderente e con un filo d’olio sul fondo, scaldate le fette di speck che avrete preventivamente ridotte a listelline per il senso della lunghezza e fatele arrostire fino a quando il grasso non si sarà sciolto e le listelline diventate delle chips croccanti.

    A questo punto aggiungete, se gradita, una piccola noce di burro ed alla fine, a riso quasi cotto aggiungete il formaggio prescelto per farlo sciogliere.

    Servite il riso nei piatti guarnendoli con mirtilli a crudo e le chips di speck, oltre a petali di fiori di montagna edibili essiccati per guarnizione.

    Buon appetito, a presto su questa pagina!

  • Toghe&Teglie: brocioloni alcamesi

    Cari lettori, sono Marco Siragusa, avvocato della sezione trapanese di Toghe & Teglie, il fortunato prescelto nel Gruppo per proporvi un piatto realizzato secondo la ricetta – tipica alcamese – che mia madre, dai suoi 74 anni, non voleva saperne di condividere neppure con me conservandola gelosamente: i brocioloni che allietano la tavola per il pranzo della domenica.

    Ingredienti: due fette di fesa di vitello da 300/400 grammi, mortadella, caciocavallo, uva passa, mollica (in Sicilia non ce la facciamo mancare mai), uova, pinoli, cipolla, marsala e qualcos’altro che vedremo strada facendo con dosaggi sempre “a sentimento”.

    Pensando al numero dei commensali, va da sé che due brocioloni, realizzati con altrettante fette di carne di quel peso e con il ripieno che scoprirete, possono sfamare più di un paio di persone…non ho detto questo ma tenete conto che dalle nostre parti tendiamo, generalmente, ad essere generosi nelle porzioni.

    Andiamo, allora, a realizzare questa delizia: tagliate la carne in due parti uguali e battetela in modo da ottenere fette larghe e dalla forma rettangolare, facendo attenzione che non si strappi. Ora preparate tre uova sode e dopo che si saranno raffreddate dividetele a dischetti.

    Salate la carne e adagiatevi sopra due fette di mortadella, l’uovo sodo affettato, il caciocavallo a cubetti dopo averlo sezionato a bastoncini ed un po’ di scalogno.

    Prima di chiudere ogni brociolone aggiungete la mollica (preparata come suggerito in seguito) e sigillate con del filo da cucina in modo che il ripieno non fuoriesca

    Ecco, parliamo della mollica e di come dovrà essere preparata, a parte ed in precedenza: grattate mezza cipolla e mettetela a rosolare in qualche cucchiaio d’olio buono in una capiente padella. Appena si sarà dorata aggiungete la mollica sbriciolata, l’uvetta e i pinoli e continuare a mescolare con un cucchiaio di legno su fuoco moderato fino ad ottenere un composto omogeneo, togliere dal fuoco e lasciate raffreddare prima di unirla al resto della imbottitura.

    Con i brocioloni pronti, fate imbiondire dell’altra cipolla con olio evo in un tegame ampio, adagiatevi la carne sfumando col marsala ed aggiungete salsa di pomodoro (la migliore è quella preparata in casa e conservata nelle bottiglie di vetro…) e 3/4 cucchiai di estratto di pomodoro con un po’ d’acqua, un pizzico di sale e fate cuocere a fuoco lento per un paio d’ore aggiungendo a metà cottura delle patate sbucciate e tagliate a spicchi, diluendo – se necessario – con integrazione di salsa e (poca) acqua: il sugo deve rimanere abbastanza denso.

    Come avrete notato serve un po’ di pazienza per la preparazione, uno dei motivi per cui è un “piatto della domenica” quando c’è più tempo da dedicarvi e non solo per la bontà.

    Saluti a tutti, a presto!

Pulsante per tornare all'inizio