diritti

  • Insegnare diritti e doveri per riacquistare il senso di responsabilità individuale

    C’è un continuo, inesorabile, progressivo aumento delle morti per lavoro e dei delitti in famiglia. Per contrastare questo continuo, spaventoso, intollerabile aumento non occorrono solo leggi più idonee, tempestività nell’applicarle, controlli costanti, occorre anche modificare culturalmente i comportamenti.

    Se fin da piccoli non si impara il valore delle vita, i pericoli che in mille occasioni la possono stroncare, il rispetto degli altri, la necessità di seguire leggi e regole, se la scuola e la famiglia continueranno a non essere in sintonia e a non insegnare i valori e le norme che regolano la convivenza civile questi tragici fenomeni non cesseranno.

    I bambini di oggi sono gli adulti che domani saranno lavoratori, imprenditori, rappresentanti dei vari aspetti della società, dalla politica all’informazione, saranno mogli, mariti, compagni di vita e se oggi non si insegna loro il valore e la tutela della vita, propria  ed altrui, se oggi non imparano ad essere cittadini responsabili i fenomeni peggiori, dalle morti sul lavoro ai delitti in famiglia, non diminuiranno.

    I diritti ed i doveri non possono più essere disgiunti e devono essere insegnati perché ciascuno riacquisti il senso della responsabilità individuale.

  • “Too often, people with disabilities have no voice in this narrative…” An exclusive interview with Irene Sarpato

    Pubblichiamo di seguito l’intervista realizzata da L’Idea Magazine, giornale on-line della comunità italo-americana, alla Dott.ssa Irene Sarpato su disabilità, salute mentale, neurodivergenza ed inclusione.

    Irene Sarpato holds a Degree in Philosophy, specializing in morals, psychology, and human science. She is a Facilitator of the #IamRemarkable workshop, an initiative aimed at empowering women and people from underrepresented groups to celebrate their achievements in the workplace and beyond. She is also the founder and chair of the global disability-based ERG at the company she worked at.
    In January 2022, she joined the Global Board of Advisors of Billion Strong Foundation, based in Rockville (Virginia), an identity and empowerment organization designed to bring the billions of voices of persons with disabilities together.

    L’Idea MagazineHello Irene. Because of your International ties, although you are Italian and live in Italy, I am going to interview you in English, if that’s all right with you… You hold a Degree in Philosophy, specializing in morals, psychology, and human science. What was your dissertation about? 
    Irene Sarpato: Hello Tiziano, thanks for having me and giving me the opportunity to reach out to the Italian American community. Un caro saluto a tutti e tutte voi!
    Yes, my dissertation was on prejudice, discrimination, and social stigma around mental conditions.
    My research aimed to assess the effect that theoretical models of the psyche can have on the individual and collective behavior and judgment.
    Considering a certain personality paradigm as “normal” and healthy often results in the unacceptability and marginalization of anything that deviates from it. Examples are people with mental conditions or children with school learning peculiarities who, until a few years ago, were kept separate, even physically, from “normals.”
    Mental conditions have often been the subject of unjustified and mortifying fears and discrimination. Let us not forget, for example, the extermination program conducted by Hitler against the mentally ill or the harsh regime of segregation and violence that was perpetrated in asylums, of which we have important testimonies from patients such as our Italian poet Alda Merini. In common slang, terms such as “dissociated”, “psycho”, “OCD” are used in a pejorative sense and as an insult.
    Thus, history teaches us that the illusion that there is only one reality, and that one reality is better than another, has led to the justification of genocide, segregation, social and racial discrimination, always based on the desire to suppress differences from an absolute paradigm of homogeneity, acquired and shared by a group.
    Well, we can reconsider the implicit value judgment if we adopt a psychological model that recognizes the psyche as having a certain malleability, which is sustained by more recent clinical studies highlighting that benign dissociative episodes are, for example, observed even among the nonclinical population and are much more frequent than one might imagine, especially among young people and college students. These include experiences such as absorption (in reading or watching a movie), daydreaming, or having the ability to act in different contexts almost as if one had two different personalities.
    Given the frequency of these phenomena, the continuum model is gradually being adopted: dissociation is no longer conceived as an all-or-nothing pattern but as a spectrum.
    What is important, then, is to be available to understand the behavior of others and the discomfort it may signal, without any judgment. This disposure can enable us both to broaden our own experience and to be moral therapists for others, who care for their souls. This is also a safe environment to talk about how we feel, while stigma prevents people to seek help.

    L’Idea Magazine: You’ve been volunteering in Mental Health Associations as a moral consultant since the age of 18. What prompted this decision of yours?
    Irene Sarpato: Mental health is one of my earliest interests, actually. I felt strongly within me the need to support people who suffer from mental health conditions, sometimes abandoned by families, without friends, with great difficulties to lead everyday life, isolated and alone. I thought, “If I were to be in this situation, I would feel very sad and lonely. Let’s start taking care of others, and maybe, if one day I need help, someone will do the same for me.” I wanted to create a virtuous circle of non-specialist, non-therapeutic mutual help and support. I dreamed of a world in which human beings just help each other as one big family.

    L’Idea MagazineSo, you were concerned about the way society approached disabilities at a young age. Recently you discovered that you were “Asperger’, considered a kind of neural disability. Is that right? Did this discovery amplify your interest in the world of disability?
    Irene Sarpato: Precisely. The diagnosis was my aha moment of illumination! I was diagnosed with Asperger’s syndrome (which is in the Autism Spectrum Disorder and considered “high-functioning” autism) a year ago when I was 43 years old. It was not a surprise as much as it was the frame that allowed me to put the pieces of the puzzle in the right place and complete the image of myself, getting to finally know why certain things that for others are so easy and pleasant for me have always been difficult and tiring, and vice versa.
    I like my new and complete image very much, which is why I say that I do not experience my condition of a neuroatypical woman like a dis-turb or as a dis-discomfort. I also gladly talk about it in public and in the work environment, share my lived experiences, my achievements, my difficulties, and how I overcame them, putting the coping strategies I built for myself at the disposal of other people. In fact, throughout my life, I have been adding new and useful tools to the toolbox that has supported me in my studies, work, and social interactions, and that has also enabled me to achieve personal and professional goals. Even if, from a medical perspective, I’m not disabled, I identify with this group and my new awareness definitely contributed to amplifying my interest in disabilities and special abilities and my willingness to do something for others.

    L’Idea MagazineYou are a Facilitator of the #IamRemarkable workshop. What does that mean and entail?
    Irene Sarpato: #IamRemarkable is a global initiative by Google, empowering women, and other underrepresented groups to celebrate their achievements.
    During the workshop, people develop the confidence to promote themselves in the workplace and personal life, thereby breaking modesty norms and glass ceilings.
    During one of the #IamRemarkable workshops I facilitated, I decided to share the personal experience that brought me to #IaR and to let the Remarkable Ladies in the room really get what modesty norms are all about.
    When I was a young professional, my manager invited me to a meeting with other managers, all men. I was the specialist and I had to answer questions and provide technical guidance for a project, and that’s what I did, answering all the questions they asked me of which, perhaps by chance, I was sure of the answers.
    After the meeting, my manager came back to me and suggested me to “always avoid giving all the answers right away so as not to seem arrogant”. “Better rather pretend not to know or not to have understood the question” he said, and this was “for my own good” of course.
    I didn’t get the point at that moment; I was just feeling upset. I was feeling that there was something wrong in those words: why should I pretend not to know if I was the expert invited just to give answers?
    If I had attended a #IaR workshop at that time, I would have had the confidence and the right arguments to change that conversation and call out the microaggression. Now I have them, and I am happy to teach them to others who may need them. […]

    L’intervista continua su  http://lideamagazine.com/too-often-people-with-disabilities-have-no-voice-in-this-narrative-an-exclusive-interview-with-irene-sarpato/

  • La Commissione e le autorità per la tutela dei consumatori esortano WhatsApp a informare meglio i consumatori sulle sue politiche relative ai dati e sugli aggiornamenti delle condizioni di servizio

    La rete di cooperazione per la tutela dei consumatori (CPC) e la Commissione europea hanno inviato un’ulteriore lettera a WhatsApp, invitando l’azienda a prendere provvedimenti per rispondere alle questioni ancora irrisolte in merito agli aggiornamenti delle condizioni di servizio e alla politica sulla privacy e a informare chiaramente i consumatori sul suo modello commerciale.

    In particolare, WhatsApp è invitata a indicare in che modo intende comunicare eventuali aggiornamenti futuri delle condizioni di servizio e a farlo in modo tale che i consumatori possano facilmente comprendere le implicazioni di tali aggiornamenti e decidere liberamente se desiderano continuare a utilizzare WhatsApp dopo tali aggiornamenti. Si chiede inoltre di chiarire se l’azienda abbia entrate derivanti da politiche commerciali relative ai dati degli utenti.

    Una prima lettera era stata inviata nel gennaio 2022, in quanto diversi aggiornamenti delle condizioni di servizio effettuati nel 2021 erano risultati problematici per i consumatori. In risposta, WhatsApp ha dimostrato di aver fornito agli utenti le informazioni necessarie in merito a detti aggiornamenti, anche mediante le notifiche dell’applicazione o il suo centro di assistenza. Le informazioni sono tuttavia fornite da WhatsApp in modo insistente e sono considerate insufficienti e fonte di confusione per gli utenti. WhatsApp dispone ora di un mese per dimostrare alle autorità per la tutela dei consumatori che le sue pratiche sono conformi alla normativa UE in materia di protezione dei consumatori.

    La Commissione ha recentemente pubblicato una relazione che presenta una panoramica delle azioni passate della rete di cooperazione per la tutela dei consumatori; la relazione comprende un’analisi prospettica delle tendenze del mercato che incidono sui diritti dei consumatori e sulle quali la rete concentrerà le proprie attività nei prossimi due anni.

    Fonte: Commissione europea

  • La Turchia arresta il leader in carica dell’Isis ‘senza sparare un colpo’

    La Turchia ha arrestato l’uomo che in marzo era stato nominato nuovo leader dell’Isis, Abu al-Hasan al-Hashimi al-Qurashi, preso “senza sparare un solo colpo di pistola”:  lo ha rivelato il portale turco OdaTv, secondo cui l’operazione delle squadre anti terrorismo, in collaborazione con i servizi segreti di Ankara, è avvenuta nelle scorse settimane, dopo che l’abitazione del leader del ‘Califfato’ era stata tenuta d’occhio per giorni.

    Il presidente Recep Tayyip Erdogan è stato subito informato e, stando a quanto dice la stampa, dovrebbe commentare pubblicamente l’arresto, anche se non si sa esattamente quando.

    Secondo la ricostruzione, sarebbero state ottenute informazioni molto importanti in seguito all’interrogatorio. Abu al-Hasan al-Hashimi al-Qurashi è infatti finora l’unico leader dell’Isis ad essere stato catturato vivo e a non essersi fatto esplodere prima di essere preso, come il predecessore Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi e il primo storico leader dell’organizzazione, Abu Bakr al-Baghdadi. Entrambi morirono in seguito ad operazioni dirette dagli Usa, il primo nel 2019 e il secondo pochi mesi fa, a inizio febbraio. Al contrario dell’ultimo capo dell’Isis, il luogo dove i precedenti leader del califfato islamico si nascondevano, e dove si tolsero la vita, è lo stesso: la regione di Idlib, nel nordovest della Siria sul confine con la Turchia.

    L’area è da anni sotto il controllo di Ankara che nel 2016 ha iniziato una serie di operazioni militari oltre confine contro l’Isis ma anche per colpire le forze curde siriane dello Ypg, che a loro volta combattevano nella zona i militanti del sedicente Stato islamico con il sostegno degli Usa. Negli anni, le milizie curde hanno perso sempre più il controllo del territorio e pochi giorni fa Erdogan ha annunciato che presto l’esercito turco inizierà una nuova campagna militare contro di loro per completare il progetto di una zona di sicurezza sul confine con la Siria profonda 30 km.

    L’arresto del nuovo capo dell’Isis potrebbe gettare l’ombra del dubbio sulle accuse – frequenti in passato sia da parte di Mosca che dall’Occidente – secondo cui la Turchia avrebbe avuto presunti rapporti con il califfato islamico, o con gruppi ad esso legati. Sicuramente, il successo dell’operazione dell’antiterrorismo rafforza le recenti dichiarazioni del Segretario della Nato Jens Stoltenberg che, durante il forum di Davos, ha sottolineato “il ruolo chiave nella lotta all’Isis” da parte di Ankara. Nel suo discorso, il Segretario generale ha anche affermato che “nessun altro alleato Nato ha sofferto più attacchi terroristici della Turchia”.

    Il Paese è stato duramente colpito dalla violenza dell’Isis che, tra il 2015 e il 2016, ha messo a segno e rivendicato una lunga serie di attentati con oltre 200 vittime in meno di due anni. La magistratura turca ha condannato vari militanti del sedicente Stato islamico, ad esempio, per la strage a una manifestazione di protesta ad Ankara nell’ottobre del 2015, che con oltre 100 vittime resta l’attentato con più morti nella storia della repubblica turca.

  • In attesa di Giustizia: de minimis non curat praetor

    Così recitava un brocardo degli antichi Romani, padri del diritto, a significare che la Giustizia non doveva occuparsi di questioni bagatellari e, infatti, la legge come la Giustizia praticavano un rigore estremo: basti pensare che per il debitore inadempiente era prevista la manus iniectio cioè a dire che il  creditore poteva soddisfarsi anche facendolo a pezzi  e liberarsi dei resti andando a venderli (mercato curioso, non si sa bene a chi…) purchè ciò avvenisse trans Tiberim. Non andava meglio ai sudditi delle colonie per i quali, come è ben noto, era prevista la crocifissione.

    …E noi siamo gli eredi di quella tradizione giuridica, con dei limiti – certo – ma la nostra giustizia sa essere altrettanto inflessibile: abbiamo, tra le altre regole, l’obbligo di esercitare l’azione penale, il che significa che nessuna ribalderia può restare impunita. Eccone un esempio.

    Accade ad una sventurata giornalista del TG1 di essere vittima di cinque crudeli dirigenti dai quali è stata demansionata e come non bastasse, per punirla ancor più severamente – e non è ben chiaro per quali motivi – costoro l’avrebbero assegnata ad un ufficio da condividere con altro collega molestamente affetto da meteorismo intestinale e gravi disturbi digestivi, genetici di frequenti eruttazioni.

    Un girone infernale per sottrarsi al quale la donna ha presentato una denuncia per stalking nei confronti dei cinque ritenuti responsabili di questa intollerabile situazione.

    La scelta operata fa pensare che sia  il Comitato di Redazione, che l’Ufficio Risorse Umane per non parlare dei Sindacati potessero essere conniventi con i torturatori.

    Parte un’indagine, vengono ascoltati diversi testimoni ed uno solo conferma il j’accuse;  tant’è, il Pubblico Ministero titolare dell’inchiesta decide di chiedere l’archiviazione e a questo punto accade una cosa che è piuttosto insolita, sebbene pienamente consentita dalla legge:  interviene la Procura Generale avocando a sé gli atti ed incriminando per atti persecutori i gaglioffi che stavano per farla franca,

    A pensarci bene, sono più di tre, quasi quasi ci starebbe pure l’associazione per delinquere e, magari, nei confronti di Risorse Umane, sindacalisti, componenti del Comitato di Redazione, un’imputazione di concorso esterno.

    Da noi, come si diceva all’inizio, la Giustizia è una cosa molto ma molto seria e lo stalking un reato grave: ve lo può confermare quel magistrato di Rovigo che ne è stato accusato avendo partecipato alle selezioni sexy per la partecipazione ai corsi del Giudice Bellomo e che il C.S.M. ha severamente punito trasferendolo non a Roma come chiedeva ma a Venezia, che è considerata “sede disagiata” (perché l’organico è sotto numero: sai che sorpresa) e il disagio viene comunque compensato con una maggiorazione dello stipendio.

    La Giustizia da noi è una cosa serissima: figuratevi che il Tribunale, per non essere condizionato dagli elementi indizianti raccolti dalla Procura, nulla sa delle vicende portate alla sua attenzione se non il nome degli imputati e delle vittime e le accuse genericamente descritte dal rinvio a giudizio. Proprio in giudizio si formerà eventualmente la prova della colpevolezza ovvero l’inquirente non riuscirà a dimostrare la fondatezza della sua pretesa punitiva.

    Viene da domandarsi: nel caso della giornalista RAI, dunque, sarà anche necessario disporre una perizia sulla intensità degli odori, potrà essere necessario far spernacchiare in aula il compagno di stanza?

    E’ ben possibile, lo ripetiamo: da noi la giustizia è una cosa molto seria.

  • Al via il Festival della digitalizzazione

    Dal 5 all’8 maggio 2022 si svolgerà la seconda edizione del ‘Festival della Digitalizzazione’, evento nazionale, organizzato dall’Accademia Civica Digitale, Lo Sbuffo ed Elzevirus, che analizza il mondo digitale in tutti i suoi aspetti, dalla letteratura all’editoria, dall’imprenditoria al giornalismo, dalla divulgazione a mezzo social all’industria musicale.

    All’evento ed in particolare al focus specifico sui diritti nel mondo digitale, dal titolo “Diritti online”, che avrà inizio alle ore 16,00 del 7 maggio 2022, parteciperanno, in qualità di relatori, l’avv. Emilio Graziuso, Responsabile dell’Associazione Nazionale “Dalla Parte del Consumatore”, e la dott.ssa Irene Zapparata, Responsabile del dipartimento “Truffe online” istituito dall’Associazione Nazionale “Dalla Parte del Consumatore”, i quali tratteranno, rispettivamente, i temi diffamazione a mezzo social e truffe online e tutela del consumatore.

    “All’edizione 2022 del Festival della Digitalizzaizone faremo sentire in modo ancora più forte ed incisivo, rispetto allo scorso anno, la voce dei consumatori. Per noi è un grande onore poter partecipare, come relatori, per il secondo anno consecutivo a questo importante evento, unico nel suo genere nel panorama nazionale, di grande spessore culturale e rilevanza sociale – affermano l’avv. Emilio Graziuso e la dott.ssa Irene Zapparata –. Il Festival costituisce, infatti, oltre che un momento di informazione e formazione per i cittadini che vi assistono, un’occasione di confronto e dibattito tra operatori del settore dalla quale, così come è avvenuto lo scorso anno, possono scaturire idee e strategie comuni per rendere sempre più abitabile il mondo digitale”.

    La tutela del consumatore online è un fronte sul quale, nel corso dell’ultimo anno l’Associazione Nazionale Dalla Parte del Consumatore è stata particolarmente impegnata, non soltanto nel fornire informazione ai cittadini sui propri diritti e suggerimenti sul come evitare di essere vittima di truffe informatiche, ma anche fornendo consulenza ed assistenza ai cittadini che avevano, purtroppo, subito prelievi fraudolenti o addebiti non autorizzati.

    Proprio per fornire il migliore servizio possibile ai consumatori ed avere un osservatorio costante sul fenomeno, l’Associazione Nazionale Dalla Parte del Consumatore ha istituito al proprio interno uno specifico Dipartimento dedicato alla tutela del consumatore dalle truffe on line, responsabile del quale è stata nominata la dott.ssa Irene Zapparata.

    “Sulla base dei dati in nostro possesso nonché della notevole esperienza maturata sul campo, attraverso l’attività dell’Associazione Nazionale Dalla Parte del Consumatore – affermano l’avv. Emilio Graziuso e la dott.ssa Irene Zapparata –  daremo il nostro contributo al Festival della Digitalizzazione in termini di consigli pratici e l’esame delle possibili forme di tutela del consumatore. Analizzeremo, inoltre, le prospettive di interventi legislativi alla luce delle decisioni dell’Arbitro Bancario Finanziario e delle sentenze registratesi in sede giurisprudenziale”.

  • Achtung, binational babies: il mercato dei diritti

    Nella maggior parte dei paesi europei sono previsti diritti naturali che vengono limitati o cancellati solo se il titolare di tale diritto ha commesso azioni che ne pregiudicano l’esercizio. Per esempio in una separazione si prevede che il bambino mantenga rapporti significativi con entrambi i rami genitoriali. Tutto ciò è considerato un diritto naturale e dunque non un diritto che debba prima essere acquisito. E’ un diritto che viene sempre riconosciuto e solo in presenza di fatti gravi viene limitato o tolto. In Germania, ancora una volta, la situazione è ribaltata. Il nonno non ha diritto ad un rapporto con il nipote per il semplice fatto di essere il nonno, deve invece dimostrare di essere una persona importante di riferimento per il bambino e soprattutto favorire il suo “bene” per poter acquisire tale diritto. A chiunque racconti che il diritto dei nonni ad avere contatti con i nipoti è fissato nel codice tedesco, chiedo di andarsi a rileggere il testo che presuntamente garantisce questo diritto, precisamente il §1685 del Codice civile tedesco che recita: “(1) I nonni e i fratelli hanno diritto al contatto con il bambino se questo corrisponde al bene del bambino [Wohl des Kindes].” Significativamente questo articolo si intitola “Contatto del bambino con altre persone di riferimento”. Non si parla dunque dei nonni in quanto tali, o in quanto persone facenti parte della stessa famiglia, ma solo di altre persone di riferimento. Tra queste potrebbero esserci anche i nonni, ma non necessariamente. Va poi ricordato che il concetto di bene del bambino [Wohl des Kindes, Kindeswohl] non è definito nei codici tedeschi e deve essere sempre interpretato. Di conseguenza, se già la presenza del genitore non-tedesco è nella quasi totalità dei casi considerata negativa o superflua nella vita e nell’educazione del figlio, a maggior ragione lo saranno i nonni non-tedeschi. Inoltre il fatto di vivere in un altro paese, per esempio in Italia, e di non parlare fluentemente la lingua tedesca costituisce un ulteriore fattore pregiudizievole. Tali nonni non sono “i nonni”, bensì “altre persone di riferimento” che non debbono avere nessun ruolo nella vita del nipote in quanto non favoriscono in nessun modo (lingua diversa dal tedesco e paese di residenza che non è la Germania) il suo bene, così come interpretato nei tribunali, nei codici e in una grande parte dell’opinione pubblica tedesca.

    Sarà utile ricordare che la parola famiglia non è praticamente mai evocata nei testi di legge, se non nei titoli delle varie sezioni del codice civile. I testi riportano espressioni come “altre persone di riferimento”, “comunità domestica”, ma non “famiglia”.

  • La Z di Zorro e la Z di Putin

    Per decenni, per molti, la lettera Z rappresentava la Z di Zorro, quella Z che il cavaliere mascherato tracciava, con il fioretto, sulle divise di coloro che avevano usurpato il potere, affamato il popolo, inculcato la libertà. I poveri dei villaggi, i contadini, i lavoratori forzati nelle miniere avevano trovato in Zorro, sul suo mitico cavallo nero, il loro difensore senza macchia e senza paura che compariva quando c’era qualcuno fa difendere dai soprusi.

    Molti siamo cresciuti con il mito, la leggenda di Zorro, e in tanti avremmo voluto essere come lui quando abbiamo assistito ad ingiustizie che non siamo stati in grado di impedire. Molte generazioni sono nate e cresciute nella convinzione di vivere in una società che, malgrado i tanti difetti e storture, era ormai libera dalle guerre e che la libertà, l’indipendenza, la democrazia, almeno per una larga parte del mondo, fossero acquisite per sempre.

    In questi anni, invece, troppi sono stati indifferenti ai richiami che, metodicamente, altri facevano, anche da questo nostro giornale, per ricordare che proprio libertà, pace, democrazia non sono valori acquisiti, o da enunciare pedissequamente senza comprenderne a fondo i contenuti e gli impegni che comportano per poterle preservare e tramandare. Troppi hanno sproloquiato sui valori senza mai identificarli fino in fondo, senza capire le responsabilità, politiche, economiche, sociali che ciascuno, nel suo vivere quotidiano, si deve assumere, specialmente se ha un ruolo pubblico.

    Troppi hanno preferito gli affari, hanno pensato al loro piccolo o grande orto personale o di gruppo, hanno lasciato che la finanza prevalesse sull’economia, che il guadagno di oggi fosse più importante della protezione del pianeta che, piaccia o non piaccia, risponde a precise, inderogabili leggi di natura.

    Troppi hanno voluto guidare nazioni e mercati ignorando la storia, le realtà geopolitiche, le conseguenze di un progresso che può comportare anche risvolti negativi quando mancano analisi e previsioni, dalla mondializzazione all’uso delle reti, ed hanno, anche da posizioni ideologiche diverse, consentito che si sviluppassero sistemi senza regole.

    Sono state scritte decine di migliaia di carte, trattari internazionali, professioni di pace e sviluppo senza però creare i presupposti per potere concretamente difendere i diritti dei popoli e dei singoli.

    Così siamo  arrivati ai giorni nostri, le certezze di decenni sono state spazzare via da qualche settimana di guerra, i diritti umani, la convenzione di Ginevra, la carta universale dei diritti e quanto altro, sono diventate  parole impotenti davanti ai missili ed alle bombe a grappolo e tutti gli affari che, negli anni, abbiamo fatto con paesi illiberali, violenti, totalitari ci hanno portato ad assistere, più o meno impotenti, al massacro del popolo ucraino e a subire una dipendenza energetica, alimentare, economica che ci mette a rischio tanto quanto il possibile uso delle  armi contro di noi.

    Non possiamo più sperare, come quando eravamo in un mondo dove era chiaro da che parte stava il bene ed il male, la giustizia e l’ingiustizia, nell’arrivo di un moderno Zorro, la Z è diventata il simbolo di una violenza bieca, barbara, efferata, il simbolo della guerra che un uomo, Putin, sta conducendo a tutto campo per inseguire il sogno, antistorico e nefasto, di rendere la  Russia un nuovo impero sempre più vasto per poi, da lì, cercare di cambiare il futuro anche dei paesi fuori dagli immensi confini che sogna.

    La Z di Putin è diventata simbolo del male, del sopruso, ma comincia con la Z anche il nome del presidente ucraino che, in questo momento, con tutti i suoi pregi e difetti, rappresenta il coraggio di un popolo che si batte, fino all’estremo sacrificio, per difendere la propria libertà ed indipendenza. E l’indipendenza dell’Ucraina può significare anche la nostra indipendenza. Questo è il momento per decidere con chi vogliamo stare, senza i troppi distinguo, senza i se e i ma che hanno impedito, fino ad ora iniziative più determinate ed immediate.

    Una parte dell’Ucraina sta cadendo in mano alle milizie di Putin, i morti ed i feriti non si riescono neppure a contare, in parte sono sepolti in fosse comuni o rimasti sotto le macerie delle città, completamente distrutte, ed i bambini, futuro di ogni popolo, sono traumatizzati ed in continuo pericolo mentre noi stiamo a discutere. Da giorni si parla di armi in arrivo ma i giorni passano e a Mariupol, come in altre città, da giorni e giorni mancano cibo ed acqua e ormai non ci sono più munizioni per difendersi. La città, i suoi abitanti, i coraggiosi difensori sono stati lasciati soli senza i mezzi per continuare a contrastare la efferata violenza degli uomini di Putin.

    Di fronte a questo attendismo viene spontaneo pensare che, una volta di più, l’Occidente aspetti gli eventi, prenda decisioni a metà per non precludersi gli affari di oggi e di domani, e quello che sta avvenendo in Germania, sia per l’invio di armi, promesse e in ritardo, che per il gas, ne è un chiaro esempio.

    Si parla di pace, di negoziati, di crimini di guerra e contro l’umanità ma se si vuole uscire veramente dall’ambiguità o tutti i leader europei vanno insieme, domani, da Putin per chiedergli conto di questa guerra e per dire, tutti insieme, che è il momento di fermarsi o, se non si sentono di fare insieme questa ultima, ferma, iniziativa di diplomazia attiva mantengono le promesse fatte e diano ora agli ucraini quel sostegno in armamenti necessario a fermare lo sterminio e la deportazione di un intero popolo. Abbiamo già visto come colpevoli ritardi ci abbiano poi costretto alla Seconda Guerra Mondiale, con milioni di morti che si sarebbero evitati intervenendo prima.

    Certo abbiamo bisogno dell’energia, certo abbiamo bisogno dei cereali e di materie prime ma quello che è più certo di tutto è che gli ucraini hanno bisogno di armi oggi non domani e che anche la nostra futura libertà ha un prezzo da pagare.

  • Afghanistan: Taliban backtrack on reopening high schools for girls

    The Taliban have reversed a decision to allow Afghan girls to return to high schools, saying a ruling is still to be made on the uniforms they must wear.

    Schools were set to open nationwide after months of restrictions since the Taliban seized power in August.

    But the education ministry abruptly announced girls’ secondary schools would stay shut, causing confusion.

    Some girls were in tears as parents and students reacted with anger and disappointment to the last-minute move.

    Many had earlier talked of how happy and excited they were to be back in the classroom.

    The decision came a week after the education ministry announced schools for all students, including girls, would open around the country on Wednesday.

    “We inform all girls’ high schools and those schools that [have] female students above class six that they are off until the next order,” the notice said.

    The notice added schools would reopen after a decision over the uniform of female students was made in accordance with “Sharia law and Afghan tradition”.

    A man who did not want to be identified told the BBC his daughter had been in shock and in tears since being refused entry by Taliban officials into the school this morning.

    “If anything happens to my daughter, I will not forgive the Taliban,” he said.

    Activist Mahouba Seraj, founder of the Afghan Women’s Network, was bemused by the U-turn.

    “The excuse they gave was ‘you don’t have the proper hijab on’. There was no ruling, they just decided this morning that the hijab was not proper, for whatever reason,” she told the BBC.

    She said girls’ “school uniforms in Afghanistan are pretty covered up, always”. Secondary schools in Afghanistan are already segregated by gender.

    One of the demands of the international community was for the Taliban to grant women and girls the right to education before being able to access foreign aid.

    Ms Seraj said: “What I want to hear from them and see from them is for them to stand fast and say ‘okay, this is what you decided to do? Well, this is what we have decided to do: no recognition, no money. Period!'”

    The United Nations mission in Afghanistan said it “deplores today’s reported announcement by the Taliban”.

    US diplomats said closing schools undermined confidence in Taliban commitments and assurances.

    It “further dashes the hopes of families for a better future for their daughters,” US special envoy Rina Amiri tweeted.

  • Achtung, binational babies: Kindeswohl, il bene del bambino, un film di Franco Angeli

    Questa rubrica si occupa da anni delle ingiustizie subite dai bambini binazionali in Germania e dai loro genitori. Il sistema familiare tedesco, controllato dallo Jugendamt e dai suoi collaboratori interni ed esterni (psicologi, controllore del procedimento, controllore delle viste, ecc…) arriva a cancellare il genitore non-tedesco dalla vita del bambino, privando quest’ultimo della sua parte di identità italiana, e non-tedesca in genere, e di ogni diritto fondamentale. Nel 2012 la casa editrice Rizzoli pubblicò un libro, Non vi lascerò soli, scritto da Marinella Colombo. Poiché la “giustizia” italiana non solo l’aveva arrestata e incarcerata su richiesta tedesca, ma le aveva anche comminato il divieto di comunicazione (ciò che non viene fatto nemmeno con i boss mafiosi), il libro non è arrivato come avrebbe dovuto al grande pubblico. Livia Bonifazi (attrice) e Franco Angeli (regista) lo hanno però letto e hanno contattato Marinella Colombo. E’ nata una collaborazione e un’amicizia che ha portato alla realizzazione prima di una pièce teatrale e poi di un film, quello di cui si vede qui il manifesto. Il film sarà presentato al Bifest di Bari il 28 marzo fuori concorso e speriamo di poterlo poi vedere in tutti i cinema d’Italia.

    A conclusione riportiamo le note di regia di Franco Angeli: “Kindeswohl, il bene del bambino vuole essere un film di impegno civile. Ma come mettere questo materiale in un film? Come per lo spettacolo teatrale, mi sono letteralmente aggrappato alle parole. Dovevamo raccontare, dovevo raccontare, affidandomi alle parole. È la vita di Marinella Colombo, quella che viene ricostruita, che prende forma, in questa stanza buia, chiusa e soffocante. È la spiegazione di un sistema che opprime, rinchiude e toglie il fiato. Al di là dell’incompatibilità delle diverse leggi riguardanti i diritti di famiglia degli Stati dell’Unione Europea, la domanda che mi sono sempre posto, e credo sia una parte drammaticamente interessante di questa storia, è: cosa sei disposto a fare, cosa sei disposto a rischiare, per riavere i tuoi figli?”

    Il trailer del film della Panama film è visibile cliccando su questo link: https://www.youtube.com/watch?v=twhFERaWV0w&ab_channel=FrancoAngeli

Back to top button