diritti

  • Hong Kong’s largest pro-democracy paper Apple Daily has announced its closure, in a blow to media freedom in the city

    Hong Kong’s largest pro-democracy paper Apple Daily has announced its closure, in a blow to media freedom in the city.

    The tabloid’s offices were raided last week over allegations that several reports had breached a controversial national security law.

    Police detained the chief editor and five other executives, and company-linked assets were frozen.

    The publication had become a leading critic of the Hong Kong and Chinese leadership.

    The Apple Daily management said that “in view of staff members’ safety”, it had decided “to cease operation immediately after midnight” – making Thursday’s publication the final printed edition.

    UK Foreign Secretary Dominic Raab said the paper’s closure was a “chilling blow to freedom of expression in Hong Kong”.

    The digital version of the 26-year old paper will no longer be updated after midnight.

    A separate announcement by publisher Next Digital thanked the readers for their “loyal support” as well as its journalists, staff and advertisers.

    The tabloid has long been a beacon of media freedom in the Chinese-speaking world, and is a widely read and supported by political dissents in Hong Kong.

    Chinese officials have repeatedly said media freedoms in Hong Kong are respected, but are not absolute.

    Ronny Tong, a member of Hong Kong’s government, accused the paper of orchestrating a political stunt in its decision to shut down.

    “People around the world probably will accuse the Hong Kong government of forcing Apple Daily to close down. But the fact of the matter is, they don’t need to,” he told the BBC.

    ‘A knife over your head’

    The closure comes after sustained pressure on the paper from the authorities.

    Apple Daily founder Jimmy Lai, who has long been a critic of the Chinese Communist Party, is already in jail on a string of charges.

    Last Thursday, some 500 police officers raided the publication’s newsroom, saying its reports had breached the city’s new national security law, which makes undermining the government a criminal offence.

    The arrests struck fear in employees at the paper and a number quit the publication soon after.

    An editorial staff member at the paper described the feeling of unease as “having a knife over your head”. “If you don’t leave by yourself, you may be held criminally responsible,” she told BBC Chinese.

    A current affairs reporter for Apple Daily said after last week’s raid: “I had mixed feelings. On one hand, I was angry at the ruthlessness of the regime. I was also sad that Hong Kong might not have Apple Daily but I also felt fear.”

    Police had accused the newspaper of publishing more than 30 articles calling on countries to impose sanctions on Hong Kong and mainland China since 2019.

    They also arrested the editor-in-chief and four other executives at their homes and froze HK$18m ($2.3m; £1.64m) of assets owned by three companies linked to Apple Daily – Apple Daily Limited, Apple Daily Printing Limited and AD internet Limited.

    The paper then said it only had enough cash to continue normal operations for “several weeks”.

    On Wednesday, a 55-year-old man, identified as an Apple Daily columnist, was arrested on suspicion of conspiring to collude with a foreign country or foreign forces, local media reports said.

    What is the national security law?

    China introduced the national security law in Hong Kong last year in response to massive pro-democracy protests that swept through the administrative region.

    The law essentially reduced Hong Kong’s judicial autonomy and made it easier to punish demonstrators and activists. It criminalises secession, subversion and collusion with foreign forces with the maximum sentence life in prison.

    Since the law was enacted in June, more than 100 people have been arrested under its provisions.

  • Sudan’s prime minister warns of risk of chaos, civil war

    KHARTOUM, June 15 (Reuters) – Sudan’s prime minister warned on Tuesday of the risk of chaos and civil war fomented by loyalists of the previous regime as he sought to defend reforms meant to pull the country out of a deep economic crisis and stabilise a political transition.

    Abdalla Hamdok made the comments in a televised address days after young men carrying clubs and sticks blocked roads in the capital Khartoum following the removal of fuel subsidies.

    Hamdok’s government serves under a fragile military-civilian power-sharing deal struck after a popular uprising spurred the army to overthrow veteran leader Omar al-Bashir in April 2019.

    The transition is meant to last until the end of 2023, leading to elections.

    “The deterioration of the security situation is mainly linked to fragmentation between components of the revolution, which left a vacuum exploited by its enemies and elements of the former regime,” Hamdok said.

    He said that without reform of Sudan’s sprawling security sector, which expanded under Bashir as he fought multiple internal conflicts, Sudan will continue to face internal and external threats.

    “These fragmentations can lead us to a situation of chaos and control by gangs and criminal groups, just as it can lead to the spread of conflict among all civilian groups and might lead to civil war.”

    Though Sudan has won international praise for economic reforms since Bashir’s fall and has made progress towards debt relief, many Sudanese face food shortages or have struggled to make ends meet as prices have soared over the past year.

    Inflation hit 379% in May and electricity or water outages occur daily.

    While roadblocks have often been used in protests triggered by economic or political grievances since 2018, a Reuters witness saw more aggression around the barriers set up in recent days.

    The state government said police and prosecutors would deal with what it called the gangs involved in blocking the roads, but there appeared to be little police presence on the streets.

  • Alleanze, irresponsabilità e ipocrisia in sostegno dei dittatori

    I dittatori cavalcano avanti e indietro su tigri da cui non

    possano scendere. E le tigri diventano sempre più affamate.

    Wiston Churchill

    I dittatori non smentiscono mai se stessi. Quanto è accaduto otto giorni fa in Bielorussia ne è un’ulteriore e grave conferma. Era la mattina del 23 maggio scorso quando il pilota del volo Ryanair FR 4978, decollato da Atene e diretto a Vilnius, ha ricevuto un messaggio con il quale le autorità aeroportuali bielorusse notificavano una “potenziale minaccia alla sicurezza a bordo”. La “minaccia” sarebbe stata la presenza, a bordo dell’aereo, di una bomba. Subito dopo, l’aereo civile di linea è stato intercettato da un aereo dell’aeronautica militare bielorussa e costretto ad un atterraggio forzato all’aeroporto di Minsk. Quanto è accaduto dopo e reso pubblicamente noto ha dimostrato e testimoniato la falsità di tutta quella messinscena del regime bielorusso. Una messinscena solo per permettere alle autorità di attuare quanto era stato programmato con cura anticipatamente. Sì, perché si doveva arrestare un oppositore del regime e lo hanno fatto. Le autorità bielorusse, eseguendo gli ordini partiti da lì dove si decide tutto, hanno arrestato Roman Protasevich, un giornalista ventiseienne bielorusso e la sua compagna russa. Proprio così, un giornalista. Perché per i regimi e i dittatori i giornalisti che si oppongono a loro e li denunciano diventano fastidiosi, diventano pericolosi, perciò, diventano nemici da combattere e annientare. Così hanno fatto anche con Roman Protasevich. Lui da tempo è stato costretto a vivere in Polonia, essendo stato co-fondatore ed ex direttore del canale Telegram Nexta, con base in Polonia e colui che attualmente dirige un nuovo media, La Bielorussia del mal di testa, molto seguita dagli oppositori del regime bielorusso di Lukashenko. La misera messinscena del 23 maggio scorso all’aeroporto di Minsk non poteva non essere accompagnata da un “piccolo giallo”. Sì, perché dai 126 passeggeri partiti da Atene, a Vilnius sono arrivati soltanto 121. Cioè, oltre al giornalista e la sua compagna arrestati, mancavano all’appello altri tre, tutti “svaniti”, “evaporati” nell’aeroporto di Minsk. Le cattive lingue hanno parlato subito di agenti dei servizi segreti. Immediatamente dopo l’arresto del giornalista dissidente, la dirigente dell’opposizione bielorussa, costretta, purtroppo, anche lei all’esilio dopo le elezioni del 9 agosto 2020 e le proteste successive in Bielorussia, ha dichiarato che lui “rischia la pena di morte in Bielorussia”. Questo perché, secondo lei, Lukashenko sta trasformando la Bielorussia “…nella Corea del Nord d’Europa; non trasparente, imprevedibile e pericolosa”.

    Nel frattempo sono state immediate le reazioni delle cancellerie occidentali, di quella statunitense e delle istituzioni internazionali, Unione europea e NATO comprese. Lo scandalo del dirottamento forzato dell’aereo è stato considerato un “atto di pirateria” ed un “dirottamento di Stato”. Tutti, oltre a chiedere l’immediata liberazione del giornalista dissidente e della sua compagna, hanno proposto ed attuato anche delle sanzioni contro la Bielorussia e il regime di Aleksander Lukashenko. In attesa del prossimo vertice del Consiglio europeo, per decidere sulle sanzioni nei confronti della Bielorussia, ci sono le reazioni di tutti i massimi rappresentanti delle istituzioni dell’Unione europea. Subito dopo lo scandalo dell’atterraggio forzato dell’aereo e il successivo arresto del giornalista dissidente ha reagito la presidente della Commissione europea. Lei ha dichiarato che “…Serve una risposta molto forte contro questo dirottamento completamente inaccettabile. Lukashenko deve capire che questo atto non può essere senza conseguenze!”. Per poi ribadire che“…il pacchetto economico da 3 miliardi di investimenti pronto ad andare dall’Unione europea in Bielorussia resta congelato finché la Bielorussia non diventerà democratica”. Affermando anche che si stanno discutendo sanzioni dirette contro individui ed entità economiche che finanziano il regime. Mentre il presidente degli Stati Uniti d’America ha condannato duramente l’atterraggio forzato dell’aereo e l’arresto del giornalista dissidente, oppositore del regime di Lukashenko. In più lui ha appoggiato la richiesta di sanzioni economiche dell’Unione europea ad ha affermato di aver chiesto al suo team di studiare opzioni adeguate per i responsabili. Nel frattempo i Paesi membri dell’Unione europea hanno deciso di boicottare gli spazi aerei della Bielorussia. Mentre la compagnia di bandiera francese Air France ha annunciato che non volerà per il momento sulla Bielorussia. La stessa misura ha preso anche la compagnia tedesca Lufthansa, con la sospensione delle proprie attività nello spazio aereo bielorusso. La Russia invece si è schierata contro le cancellerie occidentali e le istituzioni internazionali. Il presidente russo e/o chi per lui ha pubblicamente dichiarato il suo appoggio al presidente Lukashenko, perché gli alleati non si abbandonano in simili difficili momenti, anzi!

    Nel frattempo che tutti i Paesi membri dell’Unione europea hanno adoperato misure su voli e/o divieti di spazi aerei, “stranamente” però, un volo proveniente dalla Bielorussia, è atterrato all’aeroporto internazionale di Tirana nel pomeriggio del 26 maggio scorso. E cioè tre giorni dopo lo scandalo dell’atterraggio forzato e l’arresto del giornalista dissidente nell’aeroporto di Minsk. Un tempo più che sufficiente, quello, per il primo ministro albanese e i suoi “consiglieri’ per decidere da che parte stare. E la scelta è stata fatta! I simili scelgono i propri simili ci insegna la saggezza popolare. Perché chi si somiglia si piglia recita il proverbio. Anche perché lui, il primo ministro albanese, e il presidente bielorusso Lukashenko ne hanno di cose in comune. L’autore di queste righe ha trattato per il nostro lettore questo argomento (Un bue che dovrebbe dire cornuto ad un altro bue, 7 settembre 2020; Inquietanti dimostrazioni dittatoriali, 28 settembre 2020; Un inganno tira l’altro, 5 ottobre 2020). Così come ha trattato anche la “vittoria” elettorale del primo ministro albanese il 25 aprile scorso, molto simile alla “vittoria” elettorale di Lukashenko il 9 agosto 2020. Una “vittoria” quella del primo ministro albanese, che gli ha confermato il suo tanto ambito terzo mandato, mentre Lukashenko, con la “vittoria” elettorale del 9 agosto 2020, vinceva il suo sesto mandato. Chissà se questo potrà essere, però, un obiettivo raggiungibile per il suo “simile”, il primo ministro albanese?! Il quale, nel frattempo si sa, anzi è pubblicamente noto, che ha avuto un altro, forte, concreto e molto importante sostegno elettorale da parte di un altro loro “simile”.  Il primo ministro albanese ha avuto il pieno e dichiarato appoggio del presidente turco Erdogan. Sempre i simili cercano e sostengono i propri simili!

    Il 27 maggio scorso il ministro aggiunto per l’Europa presso il ministero degli Affari esteri in Germania è stato in Albania per una visita ufficiale. Dopo l’incontro ufficiale con il primo ministro albanese tutti e due hanno partecipato ad una conferenza con i rappresentanti dei media. Nessuno aveva dubbi sui contenuti delle dichiarazioni del primo ministro albanese. Soprattutto adesso, dopo la “vittoria” del suo terzo mandato. Ma anche il ministro [tedesco] aggiunto per l’Europa, con le sue dichiarazioni, non ha smentito le aspettative. E neanche se stesso. Si perché, lui è stato sempre “ottimista” per i risultati raggiunti dal governo albanese e convinto dei continui progressi fatti dall’Albania nel suo percorso europeo. Nonostante la realtà vissuta in Albania è stata da anni ben diversa da quella alla quale si riferiva il 27 maggio scorso il ministro tedesco e molto, ma molto preoccupante. Tanto preoccupante che ha costretto lo stesso Bundestag tedesco ad elencare nove condizioni e poi approvare quelle condizioni a fine settembre 2019. Si tratta di condizioni che dovevano essere tutte osservate e rispettate dal governo albanese prima che il rappresentante tedesco al Consiglio europeo, e cioè la cancelliera Merkel, potesse votare a favore della convocazione della prima conferenza intergovernativa tra l’Albania e l’Unione europea, che sarebbe il primo passo, per poi proseguire con tutte le altre procedure previste fino all’adesione definitiva all’Unione europea. A quelle nove condizioni tedesche, sono state aggiunte anche altre sei da altri Paesi membri dell’Unione europea, per diventare così quindici condizioni per l’Albania. A fine giugno 2020 il Parlamento europeo ha approvato quelle quindici condizioni con una risoluzione che ha avuto un largo e trasversale sostegno con 532 voti favorevoli, 70 voti contrari e 63 astensioni. Anche queste verità le dovrebbe aver saputo benissimo il ministro aggiunto per l’Europa presso il ministero degli Affari esteri in Germania, mentre faceva le sue dichiarazioni a fianco del primo ministro albanese e davanti i giornalisti il 27 maggio scorso. Ma le sue dichiarazioni erano “stranamente” tutto rose e fiori. Chissà perché?! Ma nessuno che conosce la realtà vissuta e sofferta in Albania può credere alle affermazioni del ministro tedesco. Perché è impossibile credere che “L’Albania ha esaudito tutte le condizioni per fare un passo avanti nel processo dell’integrazione europea”! Basterebbe prendere quelle quindici condizioni e verificarle una ad una se siano state esaudite veramente o meno! Molto semplice, ma chissà perché il ministro tedesco non lo ha fatto! E chissà perché anche sulle “ragioni” di alcune decisioni prese dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America sull’Albania in questi ultimi mesi. Il nostro lettore è stato informato anche la scorsa settimana su queste “strane” decisioni (Eclatanti e preoccupanti incoerenze istituzionali; 24 maggio 2021).

    Chi scrive queste righe valuta come molto irresponsabile e pericoloso “fermare gli occhi, le orecchie ed il cervello” di fronte a delle eclatanti realtà che testimoniano il consolidamento di un regime in Albania. Come quello di Lukashenko in Bielorussia. Oppure come quello di Erdogan in Turchia. Ma mentre per quei regimi, almeno formalmente, ci sono delle prese di posizione e di sanzioni da parte delle cancellerie occidentali e quella statunitense, nel caso dell’Albania, stranamente, c’è un sostegno al primo ministro. Lui che è, almeno, il rappresentante istituzionale di una nuova dittatura, espressione di una altrettanto pericolosa alleanza tra il potere politico, la criminalità organizzata e certi raggruppamenti occulti internazionali. Chi scrive queste righe non si stancherà mai di ripeterlo. Con simili ipocrisie delle cancellerie occidentali si aggravano e si appesantiscono ulteriormente le sofferenze degli albanesi. Sì, perché anche quelle ipocrisie servono da sostegno ai dittatori. Proprio quelli che cavalcano avanti e indietro su tigri da cui non possano scendere. Perché, secondo Wiston Churchill, quelle tigri diventano sempre più affamate.

  • Contro Minsk adesso azione forte e decisa dopo l’arresto di Protasevich

    Il dirottamento del volo Ryanair Atene-Vilnius con il chiaro intento di far arrestare dalla polizia bielorussa Roman Protasevich, giornalista e oppositore del presidente Alexandr Lukashenko, da tempo dissidente in Polonia, è un atto di estrema gravità che non ha precedenti. Con lui è stata fermata anche la fidanzata russa Sofia Sapega mentre si sa poco di altri quattro cittadini russi fatti scendere insieme alla coppia.

    Il gesto, condannato da tutta la comunità internazionale, compresa l’Unione europea che ha chiesto il blocco dei voli verso Minsk e il divieto di sorvolo dello spazio aereo comunitario per la compagnia Belavia, è ancor più deprecabile se si pensa alla motivazione addotta, ovvero bomba a bordo e minaccia terroristica che ha allarmato i tanti passeggeri che erano a bordo di quel volo.

    Servirà un’azione forte e decisa nei confronti del governo di Minsk perché le accuse contro Protasevich possono portare a 12 anni di carcere e poiché il giornalista è sulla lista nera del terrorismo se accusato di atti terroristici rischia la pena di morte, ancora attiva nel Paese.

  • In attesa di Giustizia: Italia violenta

    Ormai da settimane si discute del cosiddetto disegno di legge Zan, un progetto di modifica normativa che prende il nome dal suo primo firmatario, deputato del Partito Democratico; già approvata alla Camera, traccheggia in Senato in attesa di calendarizzazione, l’iniziativa introduce un presidio di natura penale a contrasto di comportamenti discriminatori nei confronti di omosessuali, donne e disabili.

    Il disegno di legge prevede – va detto – una clausola di salvaguardia che esclude la rimproverabilità della libera espressione di convincimenti ed opinioni: cioè a dire, non è punibile – per esempio – chi manifesti la sua contrarietà alle unioni gay diversamente da chi, invece, compia atti discriminatori determinati da orientamento sessuale o identità di genere: insomma si tratta di una ipotesi di reato a tutela  dell’uguaglianza che si riflette anche su chi istiga a commettere atti di violenza per motivi fondati sul sesso, l’orientamento sessuale, l’identità di genere o sulla disabilità.

    Vi è, dunque, un’Italia violenta ed intollerante al punto di suggerire che il controllo sia affidato ad un ampliamento del diritto punitivo? Nel nostro Paese sta sedimentando una subcultura espressiva di avversione soprattutto verso quelle che sono definite, con termine invalso, “diversità”?

    Forse sì, ed in ogni caso si assiste al susseguirsi pressochè incessante di episodi che – magari – non hanno direttamente a che vedere con le aree protette dal d.d.l. Zan ma sono indicativi di una verticale caduta etica cui corrisponde una tendenza alla incapacità di azionare freni inibitori soprattutto nei confronti di soggetti deboli, sempre più spesso manifestandosi con aggressioni di natura sessuale.

    A parte il caso del pargolo di casa Grillo (che è innocente per definizione ed ha animato il dibattito grazie anche alla coltissima intemerata del babbo a garantismo alternato) c’è quello molto recente di un esponente della cosiddetta “Milano da bere” che ha offerto il peggio di sè: un altro imprenditore (il secondo in poco tempo, dopo Genovese) con la inclinazione allo stupro preceduto dalla somministrazione di narcotici; si teme che la vittima non sia una sola e che l’uomo sia un predatore seriale.

    “Un Barbablù”, lo ha definito il giudice che ne ha ordinato l’arresto, che custodiva inopportunamente le foto delle sue prodezze sul cellulare. Se ci fosse un’attenuante per la idiozia, potrebbe assicurarsi una pena molto bassa tenendo conto anche di un’altra definizione che gli si addice: la milanesissima “Barlafus” perfettamente ritagliata sul personaggio che non si fa mancare – insieme al pataccone d’oro al polso – il macchinone con il lampeggiante abusivo e il tesserino farlocco dei servizi segreti.

    E non poteva mancare neppure questa settimana un magistrato dal comportamento quanto meno opinabile: Mario Fresa, Sostituto Procuratore Generale presso la Cassazione che, si scopre, tempo fa aveva preso a pugni la moglie durante un litigio provocandole “un vistoso ematoma con rigonfiamento dell’arcata sopraccigliare”: querelato in un primo momento per maltrattamenti dalla consorte è stato prosciolto perché il gesto non era inserito in un contesto di abitualità ma solo frutto di una scenata di gelosia. Il C.S.M. si è velocemente allineato ed anche il procedimento disciplinare si è concluso senza darsi luogo a nessuna sanzione e il Consigliere Fresa può continuare serenamente il suo lavoro senza neppure subire un trasferimento.

    La legge è uguale per tutti, la Giustizia – soprattutto quella “domestica” – dello sputtanatissimo Consiglio Superiore della Magistratura, no.

  • Il suprematismo “eversivo”

    In democrazia l’affermazione ed il sostegno ad un quadro valoriale e ad un semplice riferimento etico o politico ma anche economico non significa in automatico porsi contro i valori opposti ai propri e con forza sostenuti e tantomeno dovrebbe rappresentare l’intenzione di annullarli o quantomeno togliere ad essi legittimità.

    All’interno di un sistema democratico è perciò fondamentale avviare un confronto libero e paritetico per giungere ad una sintesi di posizioni, anche inizialmente distanti, in modo da conseguire l’obiettivo di riuscire a convergere il maggior numero di consensi possibile. Una soluzione decisamente più auspicabile ma soprattutto democratica rispetto alla semplice contrapposizione e conseguente applicazione del principio di maggioranza specialmente per quanto riguarda temi e problematiche di natura sociale ed etica.

    In altre parole, solo una dialettica democratica si pone, come proprio presupposto, l’accettazione di una posizione contraria alla propria, in quanto anch’essa espressione democratica, ed escludendo quindi una automatica negazione del valore proposto: semplicemente una rispettosa differenziazione senza venirne mai messa in dubbio la legittimità.

    L’articolo 4 della legge Zan risulta, invece, l’espressione di una volontà di supremazia per i valori e contenuti normativi espressi dalla parte politica che sostiene politicamente il ddl. Contemporaneamente si unisce anche un malcelato senso di disprezzo verso la controparte politica insieme ad una inconfessabile presunzione di superiorità finalizzata alla stessa negazione di legittimità delle posizioni avverse.

    L’articolo 4 della legge Zan diventa così il braccio “armato” a tutela di un nuovo e pericoloso desiderio di una supremazia etico/politica di uno schieramento politico (o peggio di una parte estremista e minoritaria dello stesso) all’interno di uno Stato non più quindi definibile come democratico ma semplicemente etico e massimalista. Il paradosso di questa iniziativa politica raggiunge l’apogeo nel rifiuto assoluto e perentorio di modificare questo articolo 4, peraltro giustamente contestato, con l’obiettivo di ritrovare una base di consenso maggiore alla legge e quindi ad una rinnovata tutela democratica in una ritrovata armonia sociale.

    In questo modo si dimostra, invece, ancora una volta, come i principi democratici quali il rispetto di posizioni e valori opposti ai propri non facciano più parte del bagaglio culturale di quella compagine espressione del “politicamente corretto” il cui obiettivo politico si avvicina sempre più ad un chiaro tentativo di imporre sic et nunc il proprio “suprematismo ideologico” ad uno Stato. Escludendo, così, ogni democratica mediazione finalizzata al raggiungimento di un consenso maggiore.

    Una volontà che si pone con il duplice obiettivo non solo di tutelare una categoria di persone ma anche di limitare la stessa libertà dei cittadini all’interno di un regime etico che nulla ha ormai in comune con uno Stato democratico. Un atteggiamento politico espressione di un volontà decisamente “eversiva”, cioè finalizzata a sovvertire gli stessi principi democratici assicurati dalla costituzione italiana. Gli stessi che poi, va ricordato, assicurano paradossalmente proprio la libertà a questi sostenitori della legge Zan i quali dimostrano, ogni giorno di più, di risultare deficitari di cultura democratica.

    Questo tentativo di “eversione” contro il sistema democratico non utilizza più le armi ma i medesimi strumenti assicurati e tutelati dalla democrazia stessa, con l’obiettivo inconfessabile ma reale di sovvertire passo dopo passo gli stessi principi democratici del nostro Paese con il fine di sostituirli con i propri di natura etica la cui introduzione determinerebbe la fine del sistema democratico.

  • Ethiopian troops ‘raided hospital looking for TPLF’

    Ethiopian soldiers raided a hospital on Sunday in the northern historic city of Aksum in Tigray, looking for members of the Tigray People Liberation Fighters (TPLF), the AFP news agency reports, quoting doctors at the hospital.

    The soldiers pointed guns at the doctors and nurses and questioned wounded patients, the health workers, who didn’t want to be identified, told AFP.

    They also said the troops removed bandages and intravenous fluids from the sick and pointed their guns at doctors and nurses.

    Medical charity MSF, which supports the hospital, confirmed the incident, saying in a statement that the soldiers “went ward by ward intimidating caretakers and threatening health staff”.

    “[We] are very concerned about the frequent violations of the neutrality of the medical mission by armed groups,” MSF said in a statement.

    Prime Minister Abiy Ahmed ordered an offensive last year in Tigray after TPLF fighters attacked military bases hosting federal troops.

    The conflict – which is in its seventh month – has killed thousands and displaced many more.

    Rights groups gave documented horrific crimes against civilians from both sides, including by troops from neighbouring Eritrea who are backing federal troops.

  • Bisogna reagire

    Non c’è differenza tra uccidere personalmente e prendere decisioni

    che invieranno altri ad uccidere. È esattamente la stessa cosa.

    Golda Meir

    Da lunedì 10 maggio sono ripresi gli scontri nella Striscia di Gaza. Tutto iniziò alcuni giorni prima, dopo la decisione della Corte Suprema israeliana, il 6 maggio, relativa allo sgombero di alcuni edifici abitati da palestinesi a Sheikh Jarrah, un quartiere di Gerusalemme Est. Una zona quella che è sotto la giurisdizione israeliana dal 1980. Le proteste cominciate il 6 maggio si trasformarono in seguito in scontri veri e propri tra cittadini ebrei e palestinesi. Il 10 maggio scorso Hamas (organizzazione palestinese politica e paramilitare considerata come organizzazione terroristica da alcune nazioni nel mondo; n.d.a.) ha cominciato ad attaccare diverse città israeliane nella Striscia di Gaza con razzi e missili. In quegli attacchi Hamas è stata affiancata dalla Jijad islamica palestinese (gruppo militante palestinese, considerato come un’organizzazione sospetta di terrorismo; n.d.a.). Come immediata risposta Israele ha cominciato gli attacchi aerei contro obiettivi governativi e militari palestinesi nella Striscia di Gaza, ma anche su edifici civili, dove si sospettava fossero funzionanti degli uffici di Hamas. Gli scontri armati continuano incessanti dal 10 maggio e, ad oggi, secondo l’ultimo bilancio del ministero della Sanità palestinese, sono 218 le vittime palestinesi. Durante questi nove giorni di scontri armati, secondo fonti ufficiali israeliani, sono stati lanciati verso Israele circa 3150 razzi, precisando anche che circa il 90% dei razzi sono stati intercettati dal sistema israeliano di difesa missilistica. Sabato scorso è stata abbattuta anche la Torre dei Media a Gaza, l’edificio dove avevano sede sia l’Associated Press statunitense che l’emittente televisiva satellitare araba al-Jazeera. Nel frattempo gli scontri nella Striscia di Gaza continuano, nonostante le mediazioni diplomatiche di alcuni Paesi e/o organizzazioni internazionali. Domenica 16 maggio, papa Francesco, durante la preghiera della Regina Cæli, ha implorato e pregato per la pace in Terra Santa e in tutta la Striscia di Gaza.

    Il 1o febbraio scorso in Myanmar l’esercito. guidato dal capo delle forze armate birmane, ha preso il potere dopo un colpo di Stato. Sono stati arrestati tutti i massimi dirigenti della maggioranza governativa, compresa Aung San Suu Kyi, il premio Nobel per la Pace. Da allora in Myanmar continuano le proteste e gli scontri tra le forze armate e i cittadini. Domenica 16 maggio, papa Francesco ha celebrato la Santa messa per i cittadini birmani residenti a Roma. Il Santo Padre ha pregato per l’amato popolo birmano. Un popolo segnato e sofferente per la violenta repressione delle manifestazioni in Myanmar, dopo il golpe del primo febbraio scorso, che ha portato al potere la giunta militare. Durante la sopracitata messa un sacerdote birmano ha ricordato, tra l’altro, anche le parole dette da papa Francesco alcuni mesi fa, riferendosi a Suor Anne. La suora, le cui immagini, in ginocchio, davanti alle forze di sicurezza birmane, che scongiurava per la vita dei giovani, hanno commosso tutti. Allora papa Francesco disse: “…Anche io mi inginocchio sulle strade del Myanmar, stendo le braccia e dico cessi la violenza”. Ieri, durante la messa, il sacerdote birmano ha fatto riferimento anche di “certi interessi internazionali” di alcune grandi potenze, che appoggiano il regime dei militari in Myanmar.

    L’autore di queste righe pensa che, sia nel caso degli scontri degli ultimi giorni nella Striscia di Gaza, che nel caso degli scontri tra i cittadini e le forze armate, comprese le strutture paramilitari che appoggiano i golpisti in Myanmar, una parte della responsabilità è anche delle cancellerie occidentali e di quella statunitense. Egli pensa che certe preoccupanti e disumane realtà potevano essere state evitate se determinati atteggiamenti delle cancellerie occidentali sarebbero stati diversi. Purtroppo “certi interessi” economici e geostrategici delle grandi potenze internazionali spesso prevalgono sugli interessi delle popolazioni. Come nella Striscia di Gaza e in Myanmar.  Ed in Myanmar, ma non solo, la Cina, la Russia ed altri Paesi vendono le armi ed hanno diversi interessi. Ragion per cui “tollerano” i regimi! Interessi che hanno portato anche alla “chiusura degli occhi e delle orecchie” sia delle cancellerie occidentali che di certi “rappresentanti” delle istituzioni internazionali, comprese anche quelle dell’Unione europea, di fronte alla restaurazione dei regimi totalitari. Compreso quello in Albania. Hanno chiuso gli occhi e le orecchie di fronte alla galoppante corruzione, alle attività illecite, alla connivenza documentata del potere politico con la criminalità organizzata e tanto altro. Tutto questo perché venga “garantita” una specie di stabilità, a scapito dei cittadini. Ma per loro, chi se ne frega dei cittadini! Essi sono delle pecore, come quelle della Fattoria degli animali, maestosamente descritta da George Orwell. Purtroppo, non di rado, i rappresentanti delle cancellerie occidentali e/o delle istituzioni internazionali, tollerano i nuovi dittatori e poi, con una vergognosa e dannosa “ipocrisia”, parlano di “diritti” e di “democrazia”! Ragion per cui, spesso, loro hanno fatto e stanno facendo di tutto per mettere in piedi e mantenere funzionante la Stabilocrazia in diversi Paesi del mondo. Anche in Albania. L’autore di queste righe ha trattato per il nostro lettore questo argomento (Stabilocrazia e democratura; 25 febbraio 2019).

    Proprio un anno fa, il 17 maggio 2020, è stato barbaramente demolito l’edificio del Teatro Nazionale in Albania. Un edificio, in pienissimo centro di Tirana, dichiarato protetto anche da alcune rinomate istituzioni specializzate internazionali. Le immagini trasmesse dai media in quel 17 maggio 2020 sembravano e somigliavano a quelle che si vedono in questi giorni quando si trasmettono le cronache di guerra dalla Striscia di Gaza. Ma mentre, per esempio, l’abbattimento della Torre dei Media a Gaza tre giorni fa è stata causata dai bombardamenti, quello dell’edificio del Teatro Nazionale a Tirana, proprio un anno fa, è dovuto non a dei bombardamenti, ma da un atto vile e barbaro, voluto, ideato e programmato da anni nella diabolica e perversa mente dell’attuale primo ministro albanese.

    La scorsa settimana Cristiana Muscardini scriveva per il nostro lettore che “…In molti siamo stati inorriditi quando i talebani hanno distrutto i Buddha di Bamiyan o l’Isis ha frantumato il Tempio di Baalshamin a Palmira”. Trattando l’importanza della conservazione dei monumenti e di quanto sta accadendo in questi ultimi anni in varie parti del mondo, compresi anche dei Paesi evoluti, ella, giustamente, si chiedeva “…Di questo passo dovremmo radere al suolo le piramidi perché costruite da schiavi e forse anche gli acquedotti romani per non parlare dei templi non solo dell’Antica Grecia?” (Rimuovere la storia senza contestualizzarla; 12 maggio 2021).

    L’autore di queste righe oggi farà semplicemente riferimento ad alcuni passaggi di quello che ha scritto un anno fa sul vigliacco, scellerato e barbaro abbattimento, nelle primissime ore del 17 maggio 2020 dell’edificio del Teatro Nazionale. Un anno fa l’autore di queste righe informava il nostro lettore: “…Ebbene, da ieri, domenica 17 maggio, prima dell’alba, l’edificio del Teatro Nazionale a Tirana non esiste più. Lo hanno demolito, lo hanno distrutto in fretta e furia, dopo un barbaro e vigliacco assalto notturno di ingenti forze speciali della polizia di Stato ed altre strutture paramilitari. È stata veramente una barbarie, una malvagia opera ideata, programmata e messa in atto finalmente dagli individui delle tenebre”. E poi continuava, scrivendo “…Barbari, come i famigerati militanti fanatici dell’ISIS che, dal 2015 e fino al 2017, hanno distrutto moltissime preziose opere d’arte dell’antica città di Palmira, in Siria. E che avevano minato e fatto saltare in aria tra l’altro, anche il santuario di Baal-Shamin e la cella del tempio di Bell. Con la sola differenza però che hanno usato delle giganti ruspe, invece che della dinamite…” L’autore di queste righe informava il nostro lettore anche del perché di questo barbaro atto: ”…Comunque sia, documenti e fatti accaduti alla mano, la distruzione di quell’edificio è stata sempre motivata da ingenti e continui guadagni finanziari” (I vigliacchi della notte hanno distrutto il Teatro Nazionale; 18 maggio 2020).  Egli lo aveva ribadito già nel giugno 2018, che “Siamo davanti, perciò, ad un affare speculativo edilizio che comporterebbe profitti finanziari elevatissimi. Dei profitti derivati dal riciclaggio di denaro sporco proveniente dai traffici illeciti, aumentati paurosamente in questi ultimi anni (Il tempo è dei farabutti ma….; 18 giugno 2018)”. Egli ribadiva, molto preoccupato, anche che “…Con quell’atto è stato dimostrato pubblicamente che in Albania non esiste più lo Stato di diritto. E non esiste neanche lo Stato legale. In Albania la dittatura ha mostrato tutta la sua brutalità. Quanto è accaduto il 17 maggio scorso è stata un’eloquente dimostrazione e una inconfutabile testimonianza dell’arroganza di una consolidata e funzionante dittatura (Arroganza, abusi e canagliate di una dittatura; 25 maggio 2020).

    Chi scrive queste righe considera e, da tempo, ribadisce come molto significativo il simbolismo della vigliacca e barbara demolizione dell’edificio del Teatro Nazionale in pieno centro di Tirana il 17 maggio 2020, proprio un anno fa. Ma dopo le elezioni del 25 aprile scorso e visto anche quanto sta accadendo in questi ultimi giorni con l’opposizione in Albania, le ragioni per le quali i cittadini devono essere molto preoccupati sono ulteriormente aumentate. Spetta a loro scegliere tra essere pecore ubbidienti, oppure reagire contro il regime. Come in Myanmar.

  • Torna il WeWorld Festival 2021

    Il 21, 22 e 23 maggio torna il WeWorld Festival che per la sua 11^ edizione, si svolgerà in una doppia veste: in presenza allo spazio BASE di Milano, online sulla nostra pagina Facebook.  Un’occasione per riflettere, discutere, incontrare, ed ascoltare testimoni che parlano di diritti delle donne in Italia e nel mondo Quest’anno il tema sono gli stereotipi e le tante, troppe, forme nascoste di discriminazione.

    All’interno del Festival verrà presentata, il 21 maggio alle ore 11 in diretta sulla pagina Facebook di WeWorld, la seconda edizione del rapporto MAI PIU’ INVISIBILI, sulla condizione di donne, bambini/e ed adolescenti in Italia. Una fotografia della parte dimenticata del paese durante la Pandemia, dati e voci per capire insieme come un futuro migliore sia ancora possibile e ora più che mai necessario. Interverranno: Elena Bonetti, Ministra per la Famiglia e le Pari opportunità, Elly Schlein, Vice Presidente della Regione Emilia Romagna, Cristina Grieco, Consigliera del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, già assessora all’Istruzione Regione Toscana.

    Saranno tre giorni di talk, dibattiti, performance e mostre (tutti ad accesso libero e gratuito) per continuare a parlare di empowerment, di diritti e della condizione femminile.

  • Una protesta a Berlino per invitare il governo tedesco a riconoscere il genocidio degli uiguri

    Il 17 maggio la commissione per i diritti umani e gli aiuti umanitari del Bundestag tedesco terrà un’audizione pubblica sul tema “Valutazione giuridica internazionale delle violazioni dei diritti umani contro gli uiguri”. Lo stesso giorno, nel pomeriggio, il Congresso mondiale degli uiguri terrà una manifestazione davanti alla Paul-Löbe-Haus di Berlino per invitare il Bundestag tedesco a essere all’altezza delle sue responsabilità e riconoscere le violazioni dei diritti umani contro gli uiguri e altri popoli turchi come genocidio.

    L’udienza arriva in un momento cruciale, pochi mesi dopo che i parlamenti olandese, canadese e britannico, nonché il governo degli Stati Uniti, hanno stabilito che le violazioni dei diritti umani contro il popolo uiguro sono un genocidio. Poiché la Cina non ha ratificato lo Statuto di Roma e ha espresso riserve contro la giurisdizione della Corte internazionale di giustizia, i tradizionali meccanismi legali internazionali non possono essere applicati per ritenere la Cina responsabile. In quanto tali, i parlamenti nazionali e i governi sono l’unica opzione per ritenere il governo cinese responsabile delle sue politiche genocide contro il popolo uiguro.

    La situazione dei diritti umani nel Turkistan orientale è peggiorata drasticamente dal 2017, quando il governo cinese ha introdotto il suo perfido sistema di campi di internamento. La distruzione del patrimonio culturale, il lavoro forzato, la sterilizzazione forzata, lo stupro, la separazione dei bambini dalle loro famiglie e la tortura sono tra le tante violazioni dei diritti umani commesse dal governo cinese contro gli uiguri. Il rapporto della scorsa settimana dell’Australian Strategic Policy Institute mostra che i tassi di natalità sono diminuiti di quasi la metà tra il 2017 e il 2019 nel Turkistan orientale, proporzionalmente il calo più evidente dei tassi di natalità a livello globale dal 1950.

    Nel complesso, i crimini del governo cinese contro gli uiguri e altri popoli turchi soddisfano i criteri dei crimini contro l’umanità e il genocidio ai sensi degli articoli 6 e 7 dello Statuto di Roma e dell’articolo 2 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio, secondo gli avvocati dell’Essex Court Chamber e 50 esperti di diritti umani del Newlines Institute. Anche il Tribunale uiguro, guidato dall’avvocato per i diritti umani Sir Geoffrey Nice, affronterà la questione nella sua prima udienza pubblica dal 4 al 7 giugno.

Back to top button