Gualtieri

  • Seeds&Chips 2019: Africa protagonista e stop alla plastica in mare

    7,8 trilioni di dollari il valore dell’agrifood a livello mondiale, che occupa il 40% della popolazione. In innovazione tecnologica nel settore sono stati investiti nel 2018 16,9 miliardi di dollari, il 43% in più dell’anno precedente. Solo in Cina 3,52 miliardi di dollari, il 95% in più del 2017. Oltre a contribuire a ridurre il fenomeno della fame nel mondo, che affligge 800 milioni di persone, solo in Italia lo sviluppo sostenibile creerà 3 milioni di posti di lavoro. Questi i dati enunciati dal palco di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit che ha aperto i battenti oggi a Rho FieraMilano. L’evento internazionale, che durerà fino al 9 maggio, ha come protagonista l’Africa, una scelta non casuale visto che, nei prossimi trent’anni, nel Continente è previsto un aumento della popolazione.

    A dare il via alla prima giornata di lavori è stata la Opening Ceremony della mattina, coordinata dal fondatore e Presidente Marco Gualtieri che ha espresso tutta la sua soddisfazione per le tematiche che saranno affrontate e per la sempre più crescente partecipazione di giovani al Forum. “Siamo consapevoli che i grandi temi che affrontiamo, dal cibo alla salute, saranno al centro di un confronto globale, senza distinzioni anagrafiche o geografiche, di interesse per più di 7 miliardi di persone. I giovani e i leader da tutto il mondo – sottolinea Gualtieri – discutono del futuro del cibo e quindi del pianeta, in un format ormai consolidato, uniti dagli obiettivi posti dai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDGs). Non si può parlare del futuro del cibo senza avere l’Africa al tavolo della discussione. Le economie occidentali e quelle del continente africano devono interagire per valorizzare al meglio il potenziale umano dell’Africa, il continente più giovane del pianeta quanto a età anagrafica della popolazione”. Tanti i giovani sul palco a confronto con i leader internazionali e i rappresentanti delle istituzioni intervenuti: Kerry Kennedy, presidente Robert F. Kennedy Human Rights; Donald Kaberuka, già presidente dell’African Development Bank; Gian Marco Centinaio, Ministro dell’Agricoltura, Attilio Fontana, presidente Regione Lombardia; Albert-Laszlo Barabasi, professore presso la Northeastern University di Boston; Andrea Illy, imprenditore.

    La prima giornata del Summit ha visto anche la presentazione ufficiale di HOM Humans of Mediterranean, la generazione che ha curato il mare, il primo Manifesto per difendere il mare dalla minaccia della plastica, ideato e promosso da Seeds&Chips e Federpesca. Un’alleanza tra i pescatori dei 22 Paesi del bacino Mediterraneo per liberare il mare dalle plastiche e l’obiettivo di promuovere iniziative che portino ad una legislazione comune per i paesi del Mediterraneo, che possa coinvolgere i pescatori, gli enti e le associazioni per garantire la tutela dell’ecosistema marino e dell’ambiente. Il lancio si è tenuto alla presenza, tra gli altri, del Ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio e del presidente di Federpesca, Luigi Giannini. Un importante segnale che testimonia l’attenzione del governo verso la difesa dell’intero ecosistema marino, in primis coinvolgendo i pescatori ma anche associazioni di settore, enti di partenariato economico e sociale e dell’Unione Europea.

    Domani, tra le altre sessioni, uno sguardo al futuro dell’Italia con “Puglia is the place to be for precision agriculture”, con la partecipazione di Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia, Ettore Prandini, Presidente Coldiretti e Alessandra Pesce, Sottosegretario all’Agricoltura. Atteso il keynote speech del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in programma alle 17,15.

     

  • Futuro del cibo, sostenibilità e salute: a maggio la quinta edizione di Seeds&Chips

    Torna dal 6 al 9 maggio a Fiera Milano Rho, per la quinta edizione, Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit, il più importante evento internazionale dedicato alla Food Innovation, in concomitanza con TuttoFood e nell’ambito della rassegna Milano Food City.

    Il focus si questa edizione sarà sull’Africa, con un’area espositiva dedicata e la presenza di autorevoli rappresentanti, quali Sarah Mbi Enow Anyang Agbor, Commissaria per le risorse umane, la scienza e la tecnologia dell’Unione Africana, Olusegun Obasanjo, ex Presidente della Nigeria insieme ai rappresentanti del Forum dei Re, l’organizzazione che riunisce Principi, Sceicchi e leader dei paesi africani attorno ai temi della pace, dello sviluppo economico e della cooperazione socio-culturale. In tale contesto, verrà lanciato il progetto FIHNK (Food Innovation Hub Network) realizzato dalla neonata Seeds&Chips Foundation, che – attraverso una call pubblico/privato internazionale – ha l’obiettivo di creare, da qui al 2030, 10 Food Innovation Hub in altrettanti paesi africani. Gli hub saranno piattaforme per la connessione dei numerosi e vari attori che lavorano nel sistema alimentare (innovatori, agricoltori, investitori, fondazioni, aziende pubbliche e private, ONG, istituzioni), luoghi di ricerca in laboratorio e sul campo per la scoperta, la creazione e l’uso delle tecnologie più avanzate, spazi per sperimentare soluzioni e generare business sostenibili.

    Al centro dei dibattiti le grandi sfide globali legate al cibo e al suo futuro, alla salute, alla tecnologia che sempre più interviene per migliorare l’agricoltura e la nostra alimentazione, al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) definiti dalle Nazioni Unite e alla salvaguardia del futuro dell’umanità e del Pianeta. E in questo contesto nascerà Sustain&Ability, la sister company di Seeds&Chips dedicata alla promozione, valorizzazione e realizzazione degli SDGs, attraverso una serie di iniziative, format e servizi, tra cui l’esordio del progetto ‘Goals on Tour’, una iniziativa innovativa che intende contribuire alla diffusione, sensibilizzazione e conoscenza degli SDGs. Seeds&Chips sarà la prima tappa di un tour mondiale di 16 container personalizzati con i colori dei singoli goal. In collaborazione con Bayer sarà lanciata una Open Call per ragazzi under 30 per promuovere idee e progetti legati alla tematica degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

    Particolarmente importante quest’anno la presenza dell’Australia perché Seeds&Chips debutterà con una edizione locale dal 3 al 5 settembre a Melbourne.

    Tra gli speaker di questa edizione l’attore Alec Baldwin, impegnato attivamente in campagne in favore dell’ambiente e della sostenibilità, il Ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, il Ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, Attilio Fontana, Presidente di Regione Lombardia, Michele Emiliano, Presidente di Regione Puglia, Enrico Giovannini, Direttore ASviS Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Kerry Kennedy Presidente del Robert F. Kennedy Human Rights, da sempre attiva nella difesa dei diritti umani, Maria Helena Semedo, Vice Direttore Generale Clima e Risorse Naturali della FAO, la Principessa Viktoria de Bourbon de Parme, promotrice e sostenitrice dei giovani agricoltori di Paesi in via di sviluppo, Kamel Chida, Vice Direttore della Fondazione Bill & Melinda Gates.

    Non mancheranno gli interventi di esperti del settore, investitori, imprenditori, associazioni, opinion leader e giornalisti impegnati in prima persona in cause ambientali e umanitarie. E, secondo una formula ormai consolidata e vincente, tanti giovanissimi innovatori: i Teenovator (teenager tra i 13 e i 19 anni) e gli Young Pioneer (ragazzi tra i 20 – 25 anni), chiamati dai 5 continenti che introdurranno le sezioni tematiche per portare le proprie idee rivoluzionarie all’attenzione di ospiti e pubblico. Ogni conferenza vedrà la partecipazione di uno speaker under 30. E ai giovani start upper, ancora una volta,sarà dedicato anche il format ‘Give Me 5!’ dove sarà offerta loro la possibilità di incontrare i top leader e presentare, in 5 minuti, il proprio progetto, fare domande, e trarne ispirazione per il futuro. “Siamo consapevoli che i grandi temi che affrontiamo saranno al centro di un confronto globale, senza distinzioni anagrafiche o geografiche, di interesse per più di 7 miliardi di persone”, commenta Marco Gualtieri, presidente e fondatore di Seed&Chips. “I giovani e i leader da tutto il mondo discuteranno del futuro del cibo e quindi del pianeta, in un format ormai consolidato, uniti dagli obiettivi posti dai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDGs). Inoltre, nel corso dell’anno abbiamo svolto un lavoro straordinario in Africa, un territorio magnifico che non può e non deve stare fuori dal dibattito sul futuro del cibo: le economie occidentali e quelle del continente africano devono interagire per valorizzare al meglio il potenziale umano dell’Africa, ovvero il continente più giovane del pianeta quanto a età anagrafica della popolazione. Non si può parlare del futuro del cibo senza avere l’Africa seduta al tavolo della discussione”.

     

  • Con il Give Me 5! Seeds&Chips va al Millennials Ambassadors Forum

    Giovani e giovanissimi sempre più protagonisti a Seeds&ChipsThe Global Food Innovation Summit, che, in attesa dell’edizione 2019 a Fiera MilanoRho (6 – 9 maggio), saranno ospiti  con il format Give me 5! al Millennials Ambassadors Forum #IdeasWork che si svolgerà il 7 novembre allo spazio Nuvola Lavazza di Torino.

    Il Millennials Ambassador Forum è il think tank ispirato ai Sustainable Development Goals (SDGs), nato come luogo d’incontro tra i principali stakeholder del mercato del lavoro. Il 2030 è la data che l’ONU ha fissato per il raggiungimento degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile e in quella data i Millennials di oggi saranno gli adulti di allora. Ed è proprio a loro che si rivolgono MAF #IdeasWork e Seeds&Chips.

    MAF #IdeasWork crea un momento di confronto intergenerazionale tra giovani e vertici aziendali sulle idee vincenti per migliorare il futuro del lavoro, e al contempo si propone come una Job Fair 4.0 che supera il paradigma dei career day tradizionali, riunendo il gotha delle istituzioni e dell’imprenditoria. Tantissimi i Millennials Ambassador presenti, con personalità istituzionali come Chiara Appendino Sindaco di Torino, Marco Bussetti Ministro, dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fontana, Ministro per la Famiglia e le Disabilità, Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo, Marco Podeschi, Segretario di Stato per l’Istruzione e Cultura e Università, Ricerca, Informazione, Sport, Innovazione tecnologica e Rapporti con l’A.A.S.S. della Repubblica di San Marino, e grandi nomi come Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel, Enrico Cereda, presidente e amministratore delegato di IBM, e Giampiero Massolo, presidente del consiglio di amministrazione di Fincantieri.

    Give Me 5! è il format ideato da Seeds&Chips che consente agli innovatori di incontrare alcuni top leader ai quali illustrare le proprie idee e strategie. Per cinque minuti un giovane millenial si confronta con un leader al quale espone la propria idea e il proprio progetto e dal quale cerca di trarre consigli e suggerimenti. Nelle scorse edizioni milanesi del Forum i giovani si sono confrontati con gli ex Premier italiani Matteo Renzi, Silvio Berlusconi e Romano Prodi, John Kerry, 68° Segretario degli Stati Uniti d’America, Howard Schultz, Executive Chairman di Starbucks e decine di altri leader.

    “Essere tra i Millennials Ambassadors è una grande soddisfazione e un grande onore” – dichiara Marco Gualtieri, Presidente e Fondatore di ‘Seeds&Chips’. “Poter contribuire anche in questa occasione, attraverso il Give Me 5!, ad aiutare i giovani a creare le giuste connessioni con i top leader di successo, ci dà una nuova e concreta opportunità di guardare seriamente al loro futuro. Con il supporto delle Istituzioni e del mondo dell’imprenditoria possiamo fare il bene dell’Italia e guardare con ottimismo al futuro del nostro Paese. Diamo ai nostri giovani le opportunità che meritano, sono certo che un giorno, spero non troppo lontano, anche l’Italia vedrà la sua prima Unicorn. Abbiamo talento, non dobbiamo dimenticarlo, e da tradizione arriviamo sempre a certi traguardi, ma dobbiamo imparare a farlo prima degli altri”.

    A Gualtieri fa eco Giordano Fatali, Fondatore e Presidente di ‘HRC GROUP’, società organizzatrice del Forum, che afferma: “Abbiamo sentito l’esigenza di assecondare i venti di cambiamento in atto nella nostra società e costruire un piano di intervento volto a gettare un’idea sul futuro delle nuove generazioni.  Un evento che si distacca dalle canoniche job fair tradizionali. Qui verranno coinvolti gli Amministratori Delegati e i Top Manager di realtà aziendali nazionali e internazionali che, insieme a centinaia di giovani potranno allenarsi a sviluppare idee progettuali per le aziende partner dell’evento.

    I Millennials che vorranno essere protagonisti del Give Me 5! possono iscriversi al link https://seedsandchips.com/our-actions

  • Pensando ad Africa e Cina ‘Seeds&Chips’ annuncia l’edizione australiana del Summit

    Ancora una partnership internazionale per Seeds&Chips, The Global Food International Summit, che dopo aver annunciato la nuova sede a San Francisco, guarda ancora più lontano, e più precisamente all’Australia siglando un accordo con il Governo dello Stato di Victoria e Food + Wine Victoria, organizzazione no-profit che promuove il progresso dell’industria agroalimentare e vinicola dello Stato australiano attraverso iniziative e campagne annuali, tra queste, l’acclamato Melbourne Food & Wine Festival (MFWF).

    Nasce così Global Table, nuovo fulcro di idee, tavole rotonde, speech, dibattiti ed esposizioni in collaborazione con Seeds&Chips. L’evento, che si terrà a Melbourne a settembre 2019, rientrerà infatti nell’iniziativa Taste Victoria voluta dalle Autorità governative dello Stato di Victoria per supportare e promuovere a livello globale ricerca, sviluppo e innovazione nei settori Agriculture, Food e Beverage e favorire nuove opportunità di incontro e di business.

    Una partnership strategica quella tra Seeds&Chips e Food + Wine Victoria perché non solo mira alla realizzazione di un evento internazionale al cui centro ci sarà l’innovazione nell’agrifood ma sarà un punto di riferimento cruciale per l’Australia e tutto il sud est asiatico attraverso conferenze, dibattiti, forum, workshop, business meeting e premiazioni per parlare di cibo e innovazione a 360°. La scelta dell’Australia non è casuale perché, alla stregua degli Stati Uniti, è un partner fondamentale per il progresso del settore agroalimentare verso un food system globale sempre più sostenibile. Seeds& Chips può così permettere all’Italia di giocare un ruolo da protagonista nel mondo portando avanti l’eredità del messaggio di Expo2015 e offrire l’esperienza accumulata in quattro edizioni in cui non solo hanno portato la loro testimonianza personaggi di fama mondiale, quali l’ex Presidente Usa Barack Obama, il fondatore di Starbucks, Howard Schultz e John Kerry, 68° segretario di Stato americano, ma molti startupper della food innovation hanno fatto conoscere quanto la tecnologia e la ricerca nell’alimentazione e in tutto ciò che ruota attorno ad essa possa essere foriera di sostenibilità e capace di creare nuovi posti di lavoro. Ed è per questo che all’annuncio della nuova partnership potrebbero presto seguirne altri, di medesimo tenore internazionale, riguardanti Paesi strategici come Cina e Africa.

    “Siamo molto soddisfatti di annunciare la nostra presenza in Australia il prossimo anno – ha dichiarato Marco Gualtieri, presidente e fondatore Seeds&Chips. “Cibo, tecnologia, innovazione, giovani, sostenibilità, sicurezza alimentare, sono alcuni dei temi che declineremo nel corso del Summit e di cui saremo portavoce anche in questo Continente, ricco di opportunità, con una coscienza ambientale molto evoluta e una forte matrice di innovazione alle spalle. Sono quindi particolarmente grato al Governo dello Stato di Victoria, a Food + Wine Victoria, alla città di Melbourne e all’Australia per aver saputo e voluto raccogliere quanto da noi seminato in questi anni, riconoscendo l’importanza dei temi che portiamo avanti e l’enorme opportunità di sviluppo economico”.

    Secondo il Ministro dell’Agricoltura australiano, Jaala Pulford, l’attenzione che Seeds&Chips mostra per temi come cibo, tecnologia e innovazione  può essere fondamentale per permettere all’Australia di raggiungere l’ambizioso obiettivo di far crescere le proprie esportazioni agroalimentari a 20 miliardi di dollari entro il 2030.

  • E’ tempo di “Great Eggspectations!”

    Si chiama “Great Eggspectations!” la call for ideas lanciata lo scorso 8 maggio da Seeds&Chips, in collaborazione con Coop e IBM, per cercare nuove soluzioni nella filiera delle uova grazie all’utilizzo della blockchain. Dopo l’acqua, che è stata il tema portante dell’edizione 2018 del Summit, focus su un altro elemento fondamentale, e particolarmente vulnerabile, per la filiera alimentare globale. Le recenti minacce in tutta Europa hanno infatti sollevato, sia per le imprese che per i consumatori, la necessità di individuare nuovi principi di responsabilità e trasparenza lungo tutta la catena di produzione e distribuzione. La blockchain, in questo senso, sta realmente aprendo un mondo di opportunità che offriranno un enorme vantaggio competitivo sostenibile, in ogni settore e filiera di appartenenza. Lo scopo della Call è perciò quello di individuare le migliori soluzioni con tecnologia blockchain per il monitoraggio della catena di distribuzione; l’agricoltura; la tracciabilità; retail innovation; big data e monitoraggio di precisione. I progetti presentati dovranno appartenere alle categorie retail su larga scala; mercati locali; sistemi integrati.

    Non è un caso perciò che la partnership sia nata tra Seeds&Chips, IBM e Coop, ovvero l’ecosistema sul FoodTech per eccellenza, il più grande retail su larga scala e il leader delle innovazioni per il mondo del business per tracciare una strada comune da percorrere verso una filiera delle uova più trasparente e autentica, per avere accesso informazioni sicure su ciò che acquistano e mettono in tavola. Fino al 15 luglio Great Eggspectations! lancia la sfida: coinvolgere il maggior numero di progetti, startup, università e centri di ricerca, per selezionare le migliori soluzioni e ridisegnare la filiera delle uova. In premio, la possibilità di sviluppare il progetto con la filiera Coop utilizzando la totalità di servizi Cloud IBM (inclusi Watson IoT, Blockchain e Cognitive Computing) con un credito di utilizzo gratuito pari fino a 120.000 euro. Il vincitore sarà proclamato il prossimo 30 settembre. “Stiamo assistendo ad una fase di enorme trasformazione e nuove opportunità del modo di fare impresa, ma anche di come essere consumatori consapevoli e attori protagonisti delle nostre scelte alimentari” – afferma Marco Gualtieri, fondatore di Seeds&Chips. “Food e Tecnologia sono oggi strettamente legati, soprattutto grazie ad alcuni strumenti disponibili come la blockchain, che permettono di controllare la sicurezza degli alimenti, di tracciarli, di intervenire sulle modalità in cui vengono prodotti, trasformati, distribuiti e consumati. Seeds&Chips continua a collaborare con i migliori attori del settore del cibo e della tecnologia, come Coop e IBM, affinché in sinergia si trovino soluzioni sempre più innovative, sicure e sostenibili. L’utilizzo della blockchain per il food è solo uno degli esempi delle enormi opportunità di sviluppo economico che sono all’orizzonte per il settore che noi rappresentiamo”.

    Per partecipare a “Great Eggspectation!”, application su:

    https://www.seedsandchips.com/greateggspectations

    Tutte le informazioni e il regolamento:

    https://drive.google.com/file/d/1uzLNQ259sspd0_DbwZJqqrztuTusC_bF/view

  • Seeds&Chips e la food innovation che piace anche a Papa Francesco

    Oltre 300 speaker internazionali, più di 40 sessioni di conferenze, più di 250 startup partecipanti e 300 media accreditati da tutto il mondo: questi i numeri dell’edizione 2018 di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit che si è svolto al MiCo di Milano dal 7 al 10 maggio. In una settimana in cui con Milano Food City il capoluogo meneghino racconta, con eventi e degustazioni, il valore del cibo in tutte le sue molteplici sfaccettare, il Summit, anche quest’anno è stato la principale vetrina dedicata al modo in cui il cibo è prodotto, trasformato, distribuito, consumato e raccontato grazie alla tecnologia  e all’innovazione. Se nelle prime due giornate molta è stata l’attenzione per Howard Schultz, Executive Chairman di Starbucks, e John Kerry, 68° Segretario di Stato americano, grande impatto e successo hanno avuto le numerose start up presenti al Summit come dimostrano Seeds&Chips Awards e call WaterFirst!, quest’ultima dedicata al tema dell’edizione 2018, ovvero l’importanza dell’acqua.

    Per la call  hanno partecipato 65 progetti di 23 Paesi che hanno mostrato quali possono essere le migliori soluzioni sul tema dell’acqua. Dei 30 progetti più meritevoli, i 5 finalisti sono stati Utilis Corp dell’israeliana Dora Gondor; Folia Water di Jonathan Levine; Desolenator di Madeleine Bell; FinappTech di Cristiano Lino Fontana e Nano Sensor Systems di Veronica Sberveglieri. La giuria di valutazione, composta dagli advisor scientifici del Summit come IIT, CNR, e UNIDO ITPO Italy, ha assegnato il premio speciale di 10.000 Euro a Dora Gondor per Utilis Corp per il  suo sistema innovativo, efficiente ed economico che rileva le perdite di acqua potabile dalle tubature utilizzando la tecnologia satellitare. E di acqua, intesa come sicurezza alimentare e di vero petrolio per il futuro, si è discusso anche con Romano Prodi, Presidente della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, che ha sottolineato quanto sia importante portare a Milano un’Autorità internazionale dell’Acqua.

    I 15 premi di Seeds&Chips Awards, assegnati per categoria da una giuria scientifica composta da IIT, CNR e ENEA, sono andati alle più innovative startup del comparto food e ag tech: Premio Let’s Emerge Award 2018 a Nutracentis e Beyond Meat – Sponsor: Emerge e Carrefour, Premio Best Disruptive Startup a DewGood – Sponsor: DVN-GL, Premio Building a Sustainable Future Award a Seads – Sponsor: Bolton, Premio Best Solution for a better world a Packtin Sponsor: Intesa Sanpaolo, Premio Incredible Growth- Fastest Growing Startup a Foorban – Sponsor: KPMG, Premio Farming of Tomorrow – Best Innovation in farming a Farm from a Box – Sponsor: Bayer, Premio Best Food Experience a Fresco by Revoilution – Sponsor: Regione Trentino Alto Adige, Premio Best Smart City Vision a Areea Limited – Sponsor: IGP Decaux, Premio Science Applied to Life a TIPA e Finapp –  Sponsor: Daniela 3M, Premio Best Morning Solution a Live Better  – Sponsor: Délifrance, Premio Best Health and Diet Solution a Abby’s Better – Sponsor: CAMST, Premio Young Innovators Award a Wasteless – Sponsor: CONAD, Premio Seeds&Chips Visionary Award a Cambridge Crops – Sponsor: Carlsberg, Premio “Ready to Scale” Award a xFarm – Sponsor: Siamo Soci, Premio Future Food Award a Tosla – Sponsor: METRO.

    Numerose le ricerche presentate come l’Altagamma Top Wines Study,  il primo studio approfondito sul consumo mondiale e sulle dinamiche di crescita dei vini di fascia alta, realizzato da Altagamma in collaborazione con EY, dal quale è emerso quanto stia crescendo l’interesse per i vini italiani, lo storytelling che vi è attorno e il consumo, nei ristoranti stellati, dei top wines. Lo studio di Coldiretti “La New Canapa Economy”, ha evidenziato l’aumento di 10 volte i terreni coltivati a canapa in Italia, con 4.000 ettari stimati nel 2018. Sono centinaia le nuove aziende agricole, costituite perlopiù da giovani, che hanno avviato nell’anno in corso la coltivazione di canapa adoperata per produrre biscotti, taralli, pane, farine le cui proprietà benefiche sono state riconosciute dal Ministero della Salute, dall’Oms e da numerose ricerche.

    L’agricoltura, se da un lato è ancora fortemente ancorata alle tradizioni (sacrosante), è tuttavia il settore che più di altri si sta cimentando nell’uso delle nuove tecnologie ed è il comparto che produce l’80% del cibo mondiale con i suoi 500 milioni di addetti ai lavori. Ma ancora poca è la sua visibilità… E non è un caso forse che proprio una delegazione di small holder farmers che hanno preso parte a Seeds&Chips, guidata da SAR Viktoria de Bourbon de Parme, sia stata ricevuta mercoledì da Papa Francesco, che già nella sua enciclica Laudato Si’ del 2015 tanta attenzione ha rivolto all’ambiente, portando il messaggio ereditato dal Summit: il sostegno ad un’alleanza umana per la salvaguardia dell’intero pianeta, anche e soprattutto attraverso il progresso nell’agricoltura.

    Significativo anche l’incontro tra Paolo Palumbo (#iostoconPaolo), giovane oristanese malato di SLA, e l’ex Segretario John Kerry che ha ricevuto un certificato di adozione di una pecorella sarda in cambio del suo impegno concreto a sostegno della ricerca sulla SLA. Altrettante pecorelle sono state adottate simbolicamente da Kerry Kennedy, figlia di Robert Kennedy, da Howard Schultz.

    Grande la soddisfazione del Fondatore e Presidente di Seed&Chips, Marco Gualtieri (anche lui ha adottato un pecorella), che ancora una volta è riuscito a portare a Milano, e in Italia, grandi nomi e a far accendere i riflettori su molti temi ereditati da Expo 2015. “Abbiamo avuto importanti segnali, in modo trasversale, che ci danno ottimi segnali per il futuro e ci fanno capire che il messaggio è arrivato. Proviamo grande entusiasmo per i riscontri avuti, a livello nazionale e internazionale e per le sinergie che abbiamo sviluppato e messo in campo. Già dalla prossima edizione – sottolinea Gualtieri – siamo convinti che proseguiremo il cammino intrapreso. So che Howard Schultz ha direttamente espresso al Presidente Obama quanto sia stato onorato della sua presenza a  Seeds&Chips dopo di lui. A sua volta il Presidente Obama ha mandato i saluti a Seeds&Chips attraverso le parole del Segretario Kerry. Questo per noi è grande motivo di orgoglio e stimolo a migliorarci, continuando a fare network con le Istituzioni, le aziende, le startup e i decision makers e tutti coloro che possono ‘fare sistema’ per uno sviluppo sempre più sostenibile e in grado di coinvolgere tutti i Paesi del Mondo”.

    L’appuntamento per la prossima edizione di Seed&Chips è dal 6 al 9 maggio 2019 con tante novità e grandi speaker internazionali. Per saperne di più non resta che aspettare e, come si dice in questi casi, stay tuned!

  • L’insetto a tavola è realtà

    Il cibo del futuro? Gli insetti. lo dice anche una ricerca realizzata da Meticulous Research secondo la quale il mercato degli insetti commestibili, grazie alle loro proteine sane e sostenibili, varrà quasi un miliardo di euro nel 2023, cioè fra soli cinque anni. Dopo tutto però, per quanto faccia storcere il naso ancora a molti, la notizia non dovrebbe stupire più di tanto visto che il 1 gennaio 2018 è entrato in vigore il Regolamento europeo che considera gli insetti ‘nuovo cibo’, permettendo perciò di adoperare le loro proteine negli alimenti. Stati Uniti e Canada già da tempo hanno dato il via libera all’uso di insetti negli alimenti confezionati. Sebbene non sarà facile, almeno per noi italiani, adeguarsi a questo nuovo mercato alimentare, c’è chi invece ha colto tutte le potenzialità e cerca di farle conoscere, come Massimo Reverberi di Bugsolutely che, in occasione di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit (7-10 maggio 2018 MiCo Milano Congressi), racconterà questo nuovo mercato proprio lunedì 7 maggio a partire dalle 16,30.

    Se in Svizzera e Germania le grandi catene di supermercati si stanno adeguando alla nuova tendenza, cresce intanto la gamma di prodotti a base di proteine di insetti, come le barrette energetiche, pasta e biscotti a base di farina di grilli ed altro ancora che sarà possibile vedere, nel vero senso della parola, durante Seeds&Chips.

    Distributori specializzati e rivenditori come Alma Eureka stanno aiutando a espandere il mercato degli insetti e altre aziende, come la Nordic Insect Economy (NIE), stanno lavorando per ottimizzare le tecnologie di allevamento degli insetti. Sia Alma Eureka che e NIE saranno presenti a Seeds&Chips per fornire la loro visione dell’industria degli insetti commestibili al pubblico presente al Summit, esperto del settore e non (ancora).

  • Seeds&Chips e Tetra Pak® insieme per ridurre le emissioni di carbonio

    Tetra Pak® affiancherà Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit, in programma a Milano dal 7 al 10 maggio, per promuovere insieme un utilizzo consapevole e sostenibile delle risorse del pianeta. L’evento quest’anno avrà un focus speciale sul tema dell’acqua, una delle maggiori sfide dei prossimi anni a livello globale. 

    Per l’occasione le confezioni di acqua che Seeds&Chips distribuirà durante il Summit saranno in cartoni Tetra Pak, azienda leader da oltre sessant’anni nella fornitura di soluzioni per il trattamento e il confezionamento di alimenti e bevande. I contenitori sono costituiti prevalentemente da materiali provenienti da fonti rinnovabili e per il Summit saranno anche “Carbon neutral”. Infatti le emissioni di CO2 equivalente derivanti dalla produzione delle confezioni sono state compensate attraverso la partecipazione ad un progetto di riforestazione del Parco Agricolo Sud nel comune di Gaggiano (30 km a sud ovest di Milano). Questa compensazione contribuirà alla ricreazione di un ecosistema favorevole alla nidificazione e alla nutrizione della varietà di specie di uccelli presenti nell’area e migliorerà la biodiversità oltre che a fornire un’area ricreativa per la comunità locale.

    Fonte: Comunicato stampa Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit

  • Seeds&Chips e Cariplo Factory insieme per nuove opportunità nel settore del Food

    Annunciata durante la presentazione della Milano Food Week (7-13 maggio) la collaborazione tra Seeds&Chips e Cariplo Factory, un sodalizio per offrire nuove opportunità di crescita e sviluppo al settore del Food grazie all’incontro e confronto tra start up e aziende consolidate. Cariplo Factory, progetto di Fondazione Cariplo e punto di riferimento per la realizzazione di progetti in partnership di open innovation, corporate social responsibility (CSR) e valorizzazione dei giovani talenti, stimola processi di innovazione tra grandi corporation, start up e altri soggetti innovatori. Attraverso la piattaforma growITup punta infatti a mettere in contatto – in un’ottica di collaborazione aperta – le migliori imprese italiane con le più promettenti startup digitali, accompagnando queste ultime in un processo di crescita a 360 gradi.

    growITup va ad aggiungersi e completare il Big Brother Innovation Program di Seeds&Chips, realizzato appositamente per fare incontrare piccole realtà con grandi aziende e ne completa l’offerta di servizi in ambito open innovation. “Il nostro impegno ed obiettivo è quello di accelerare il processo di innovazione e di creare in Italia un ecosistema di rilevanza internazionale, capace di portare valore aggiunto all’intero sistema agroalimentare italiano”, il commento di Marco Gualtieri, Fondatore  e Presidente di Seeds&Chips, che aggiunge “vogliamo far crescere un nuovo settore che sviluppi soluzioni per le grandi sfide globali legate ad acqua e cibo, in grado di creare migliaia di posti di lavoro ed un importante sviluppo economico. Avremo quindi la possibilità di partire subito con i lavori per le tante aziende e le giovani startup. Sono sicuro che questa partnership, riuscirà a mettere ancora più a sistema i giovani, gli innovatori con i bisogni delle piccole, medie e grandi aziende. Seeds&Chips è un format giovane, ma già consolidato, con un database di startup ed innovatori unico al mondo e che opera come piattaforma di innovazione oltre i 4 giorni dell’evento”. Entusiasmo anche da parte di Carlo Mango, CEO di Cariplo Factory: “La partnership con Seeds&Chips offre a Cariplo Factory la possibilità di portare la propria metodologia di open innovation all’interno di un ecosistema internazionale dedicato all’agri-food, settore strategico per l’economia italiana. Grazie alla nostra piattaforma growITup, sviluppata in collaborazione con Microsoft Italia, riusciamo ad accelerare la trasformazione digitale delle grandi aziende sfruttando la propulsione innovativa delle startup. growITup è un game changer che offre alle aziende accesso diretto all’innovazione in termini di know-how, tecnologia, talenti e assicura un osservatorio sui nuovi segmenti di mercato, potenziali collaborazioni, opportunità di investimento e di acquisizioni”.

    Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit si svolgerà al MiCo – Milano Congressi, dal 7 al 10 maggio.

  • L’innovazione parte dal cibo: presentata alla Farnesina la prossima edizione di Seeds&Chips

    Cibo, innovazione, strart up, sostenibilità, agricoltura di precisione, e-commerce per garantire sostentamento al pianeta. Questi i temi che caratterizzeranno la prossima edizione di Seeds&Chips The Global Food Innovation Summit, presentata a Roma alla Farnesina, che si svolgerà dal 7 al 10 maggio al MiCo di Milano. “Questa quarta edizione di Seeds&Chips rappresenta una tappa cruciale del percorso intrapreso a livello mondiale nel 2015, quando il cibo e l’ambiente sono diventati protagonisti del dibattito sul futuro: da EXPO, alla sottoscrizione degli SDGs delle Nazioni Unite fino all’accordo sul clima di Parigi, nel giro di un solo anno il mondo ha iniziato davvero a cogliere l’importanza dei temi legati all’alimentazione e all’ambiente come cruciali per il futuro del nostro Pianeta”. E’ il commento di Marco Gualtieri, Presidente e Fondatore di Seeds&Chips, in occasione della presentazione romana. Una vera ‘rivoluzione alimentare’, che ancora in pochi stanno comprendendo in pieno, necessaria per affrontare gli scenari globali futuri. E non è un caso che particolare attenzione in questa edizione sarà rivolta all’acqua, bene primario troppo sprecato in alcune zone del mondo e troppo carente in altre, al centro delle sfide del futuro. Molti gli incontri e le conferenze che si svolgeranno durante la quattro giorni e numerosi gli speaker che si alterneranno sul palco, con le start up a giocare un ruolo da protagoniste. Ospiti attesi Howard Schultz, Executive Chairman di Starbucks, e l’ex Segretario di Stato americano, John F. Kerry, che interverrà sugli impatti del sistema alimentare sul clima globale e sulle politiche sostenibili. Tra le start up la svizzera Ambrosus Technologies GmbH, un ecosistema di blockchain open source che garantisce qualità e sicurezza ai prodotti alimentari e farmaceutici; la francese Algama, che produce micro alghe, uno dei superfood del futuro; Desolenator, depuratore di acqua attraverso un processo innovativo di distillazione particolare, dai Paesi Bassi; le americane LeanPath, principale fornitore globale di soluzioni hardware e software integrate per le istituzioni culinarie, Beyond Meat, produttore del rivoluzionario burger vegetariano composto da proteine vegetali che richiamano perfettamente quelle animali e Apeel Sciences, leader tecnologico e ambientale nel settore agricolo; dall’India Dishq, che sfrutta la scienza alimentare e i dati per comprendere e prevedere le preferenze di gusto delle persone e le italiane Tannico, il più grande negozio online di vino, Taste Srl – Vinhood, dedicata al mondo dell’enologia e Robonica, produttore di serre smart con un sistema di coltura idroponica casalinga completamente automatizzata.

    Grande attenzione, anche quest’anno, per i giovani ai quali saranno dedicati format innovativi e alcuni Teenovator, ragazzi dai 13 ai 19 anni particolarmente attivi nel settore della food innovation, apriranno le conferenza del Summit. Non solo, ritorna l’appuntamento con GiveMe5! in cui giovani innovatori avranno la possibilità di incontrare grandi leader e presentare loro, in 5 minuti, il proprio progetto, fare domande, trarre ispirazione per il futuro. E il 10 maggio assegnazione dei Seeds&Chips Awards, i premi di Seeds&Chips per i progetti più innovativi.

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.