Studenti

  • Investire sulla ricerca scientifica

    L’attualità legata all’arrivo improvviso di questa pandemia ha messo in luce quanto la scienza e la ricerca abbiano un ruolo fondamentale nel sistema di bilanciamento della nostra società. Senza la scienza non saremmo stati in grado in poche settimane di sequenziare il coronavirus e senza la ricerca scientifica non saremmo stati in grado di elaborare in un tempo così stretto dei vaccini efficaci nel contrastare la pandemia. Tutto ciò però ha avuto un impatto negativo, ad esclusione dell’ambito della ricerca virologica, sul comparto della ricerca: infatti da una recente indagine internazionale si evince che questa ha ridotto la sua produzione scientifica, la messa in cantiere di nuovi progetti di ricerca, e la pubblicazione di nuove ricerche è scesa così del 5%.

    Sicuramente serve ampliare di nuovo la ricerca e per far questo servono nuovi piani di investimento che il Governo deve mettere a disposizione sia per la formazione e l’offerta di nuovi posti di lavoro per la ricerca (evitando così la fuga di molti giovani che si formano nelle nostre Università di alto livello formativo a spese della nostra collettività, per poi emigrare e mettere a disposizione la propria formazione per i paesi esteri), sia per la realizzazione di strutture e poli di ricerca tecnologicamente avanzati su cui trasferire lavoro, impiego e sviluppo economico. Secondo il Centro Studi di Confindustria infatti a causa della fuga dei giovani italiani (che però confermano la loro elevata preparazione in base al fatto che le quote di pubblicazioni scientifiche a nome di italiani è il più alto della media europea attestandosi all’11% contro il 9,9% della media europea) si realizza una perdita annuale media di 14 miliardi di Pil a fronte di investimenti del solo 1,4 % del Pil rispetto al 2.1 % della media europea.

    Dobbiamo tornare a privilegiare ed investire robustamente con interventi strutturali ed economici sulla “società della conoscenza“, laddove l’istruzione e la formazione in particolare scientifica sia la base di propulsione per la ricerca prima e lo sviluppo tecnologico ed economico poi.

  • Erasmus+: quasi 3,9 miliardi di € nel 2022 per la mobilità e la cooperazione nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport

    La Commissione ha pubblicato gli inviti a presentare proposte nell’ambito del bando Erasmus+ 2022, a seguito dell’adozione del relativo programma di lavoro annuale per il 2022. Con un bilancio rafforzato pari a quasi 3,9 miliardi di € per il prossimo anno, Erasmus+ continuerà a offrire opportunità relative a periodi di studio all’estero, tirocini, apprendistati e scambi di personale nonché a progetti di cooperazione transfrontaliera in diversi ambiti dell’istruzione e della formazione, della gioventù e dello sport. Oltre all’invito generale, il programma di lavoro annuale comprende anche altre azioni da avviare separatamente, come l’iniziativa delle università europee.

    Il programma continuerà a sostenere i giovani e a incoraggiarne la partecipazione alla vita democratica, contribuendo in modo significativo agli obiettivi dell’Anno europeo dei giovani 2022, annunciato nel discorso sullo stato dell’Unione del settembre 2021. Nel 2022 saranno potenziate anche le principali attività di mobilità e cooperazione.

    Queste le principali novità introdotte negli inviti pubblicati oggi:

    • Progetti lungimiranti: nuovi progetti su vasta scala sosterranno un’istruzione digitale inclusiva e di elevata qualità e l’adeguamento dei sistemi di istruzione e formazione alla transizione verde. Tali progetti ambiziosi, che potranno contare su un bilancio cospicuo e avranno una durata di almeno 3 anni, mirano a coinvolgere una combinazione di organizzazioni pubbliche e private. L’obiettivo generale è di ottenere risultati innovativi in grado di incidere sull’istruzione a livello europeo.
    • Più scambi con i paesi terzi: grazie ai finanziamenti provenienti dagli strumenti esterni dell’UE, i paesi terzi avranno la possibilità di partecipare a progetti e scambi mirati, in particolare nei settori dell’istruzione e formazione professionale e dello sport.
    • Iniziativa DiscoverEU più inclusivaDiscoverEU offre ai diciottenni la possibilità di viaggiare in Europa. Ogni anno si svolgono 2 tornate di candidature per la distribuzione di pass di viaggio gratuiti. A partire dal 2022 saranno dedicate tornate specifiche alle organizzazioni per facilitare la partecipazione a DiscoverEU di ancora più giovani con minori opportunità, i quali beneficeranno di sostegno e finanziamenti più mirati.
    • Avvicinare l’UE alle scuole: la conoscenza degli obiettivi e del funzionamento dell’Unione europea è una parte importante della promozione della cittadinanza attiva e dei valori comuni di libertà, tolleranza e non discriminazione. Le azioni Jean Monnet, intese a promuovere la formazione sull’UE, saranno attuate per le scuole e agli alunni di tutte le età, nell’istruzione sia generale che professionale, con varie attività, comprese visite di studio.
    • Finanziamento dei progetti di cooperazione semplificato: Erasmus+ introduce la possibilità per i beneficiari in partenariati di cooperazione di chiedere un importo forfettario per l’attuazione dei loro progetti. In tal modo si riduce notevolmente l’onere amministrativo associato alla presentazione della domanda, alla gestione del progetto e ai compiti di rendicontazione.

    Qualsiasi organismo pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può presentare domanda di finanziamento, avvalendosi dell’aiuto delle agenzie nazionali Erasmus+ che sono presenti in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi terzi associati al programma e dell’Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura.

    Fonte: Commissione europea

  • L’Europa ancora da scrivere

    In occasione della Conferenza sul Futuro dell’Europa, l’Ufficio del Parlamento europeo in Italia e il Salone Internazionale del Libro hanno celebrato gli ottant’anni del Manifesto di Ventotene con una chiamata aperta alle scuole per immaginare in dieci punti il futuro dell’Europa, dieci sfide scelte dagli studenti e dalle studentesse per dare un nuovo volto alla nostra casa comune.

    Tantissime scuole hanno partecipato e proprio oggi si apre la votazione dei due decaloghi (uno per le scuole primarie e uno per le scuole secondarie). I dieci punti che otterranno più voti entreranno a far parte di un nuovo decalogo per l’Europa redatto in maniera condivisa e che verrà pubblicato sul sito della Conferenza!

    Il decalogo L’Europa ancora da scrivere – I decaloghi per l’Europa redatti dai giovani verrà presentato al Salone del Libro di Torino, venerdì 15 ottobre, dalle ore 10:30 alle ore 11:30, durante un incontro con Paola Caridi, Javier Cercas, Maurizio Molinari e gli studenti coinvolti. 

    Sono disponibili tutte e tre le lezioni del progetto L’Europa ancora da Scrivere. L’Europa spiegata ai bambini da Anna Sarfatti, la storia del Manifesto di Ventotene con Carlo Greppi e Abdullahi Ahmed e una ricognizione sul presente e il futuro del continente firmata da Mario Calabresi.

    Sarà possibile seguire l’evento in video-collegamento registrandosi su SalTo+ (qui il link).

  • L’UE lancia la nuova applicazione Erasmus+ e la Carta europea dello studente

    La Commissione ha lanciato la nuova applicazione Erasmus+, che rappresenta una nuova tappa fondamentale per la digitalizzazione del programma Erasmus+. La nuova applicazione, disponibile in tutte le lingue dell’UE, permetterà a ciascuno studente di dotarsi di una Carta europea dello studente in formato digitale valida in tutta l’Unione europea. Il futuro è digitale, e con questa nuova applicazione gli studenti potranno fare a meno di un altro pezzo di carta.

    Grazie alla nuova app, che funziona con i sistemi Android e iOS, gli studenti potranno:

    • cercare e selezionare la loro destinazione tra gli istituti partner della loro università;
    • firmare il loro contratto di apprendimento online;
    • scoprire eventi e consigli utili relativi alla loro destinazione ed entrare in contatto con altri studenti; e
    • dotarsi di una propria Carta europea dello studente per accedere a servizi, musei, attività culturali e offerte speciali nell’università e nel paese di cui sono ospiti.

    Alla rete Erasmus Without Paper aderiscono attualmente oltre 4 000 università. La rete consente loro di scambiare dati in modo sicuro e di reperire più facilmente i contratti di apprendimento. Questa cooperazione digitale permette la diffusione e un ampio riconoscimento della Carta europea dello studente.

    In linea con il piano d’azione per l’istruzione digitale, il nuovo programma Erasmus+ per il periodo 2021-2027 sostiene lo sviluppo delle competenze digitali e contribuisce alla transizione digitale dei sistemi di istruzione europei. Con un bilancio aumentato fino a oltre 28 miliardi di EUR per il settennio, il programma Erasmus+ sosterrà anche la resilienza dei sistemi di istruzione e formazione di fronte alla pandemia.

    Dal 1987, anno di nascita del primo programma Erasmus, 10 milioni di persone hanno fatto un’esperienza di scambio all’estero. Il nuovo programma Erasmus+ offre opportunità per periodi di studio all’estero, tirocini, apprendistati e scambi di personale in tutti i settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport e per tutte le età.

    Lo studio sugli effetti di Erasmus+ sull’istruzione superiore, pubblicato nel 2019, ha dimostrato che il programma ha ricadute positive sullo sviluppo professionale, sociale, educativo e personale dei partecipanti. In oltre il 70% dei casi, al ritorno dalla mobilità all’estero gli studenti hanno le idee più chiare su ciò che vogliono fare nella loro carriera futura, e riorientano i loro studi in funzione delle loro ambizioni professionali. Più del 90% degli studenti Erasmus+ migliora anche la capacità di lavorare e collaborare con persone di culture diverse e sente di avere un’identità europea.

    Nell’anno accademico in corso (2021-2022) dovrebbero potersi recare all’estero grazie al programma Erasmus+ 600 000 studenti dell’istruzione superiore.

    Nel discorso sullo Stato dell’Unione 2021 la Presidente von der Leyen ha proposto che il 2022 sia l’anno europeo dei giovani.  I giovani devono poter plasmare il futuro dell’Europa.  La nostra Unione deve avere un’anima e una visione in cui i giovani possano credere.

    Fonte: Commissione europea

  • Al via il concorso per giovani traduttori dell’UE!

    Le scuole secondarie di tutti i paesi dell’UE possono ora iniziare a iscriversi a Juvenes Translatores, il concorso annuale di traduzione della Commissione europea. Dalle ore 12.00 del 2 settembre, le scuole potranno iscriversi online per consentire ai propri studenti di competere con i coetanei degli altri paesi dell’Unione. Il tema dei testi che i ragazzi tradurranno quest’anno è “In partenza… verso un futuro più verde”.

    I partecipanti potranno scegliere da quale a quale delle 24 lingue ufficiali dell’UE desiderano tradurre (le combinazioni linguistiche possibili sono 552). Nell’edizione dello scorso anno gli studenti hanno scelto ben 150 combinazioni linguistiche diverse.

    L’iscrizione delle scuole – che costituisce la prima parte della procedura in due fasi – è aperta fino alle ore 12.00 del 20 ottobre 2021. Per iscrivere la scuola, gli insegnanti possono usare una delle 24 lingue ufficiali dell’UE.

    La Commissione europea inviterà 705 scuole a partecipare alla fase successiva. Il numero delle scuole partecipanti di ciascun paese corrisponde al numero di seggi del paese al Parlamento europeo. La procedura di selezione delle scuole è automatizzata e casuale.

    Le scuole selezionate sceglieranno un massimo di 5 studenti che parteciperanno al concorso. Gli studenti possono essere di qualsiasi nazionalità, ma devono essere nati nel 2004.

    Il concorso si svolgerà online il 25 novembre 2021 in tutte le scuole partecipanti.

    I vincitori, uno per paese, saranno annunciati all’inizio di febbraio 2022.

    Se la situazione lo consentirà, la premiazione avverrà nella primavera del 2022 nel corso di una cerimonia che si terrà a Bruxelles, dove i vincitori avranno anche la possibilità di incontrare i traduttori della Commissione europea e di saperne di più sul lavoro dei linguisti.

    Ogni anno dal 2007 la direzione generale della Traduzione della Commissione europea organizza il concorso Juvenes Translatores (giovani traduttori) con l’obiettivo di promuovere l’apprendimento delle lingue nelle scuole e di consentire ai giovani di provare che cosa significa fare il traduttore. Il concorso, aperto agli studenti diciassettenni delle scuole secondarie superiori, si svolge contemporaneamente in tutti gli istituti dell’UE selezionati.

    Juvenes Translatores ha ispirato e incoraggiato alcuni dei partecipanti a proseguire gli studi linguistici a livello universitario e a diventare traduttori professionisti e consente di mettere in evidenza il ricco patrimonio linguistico dell’UE.

    Fonte: Commissione europea

  • 136 studenti rapiti nello stato del Niger

    Una banda armata in motocicletta ha attaccato domenica scorsa la città di Tegina, nello stato del Niger, nel centro-nord della Nigeria, rapendo 136 studenti da una scuola islamica. La conferma è arrivata da un funzionario statale. Il presidente della Nigeria, in una dichiarazione rilasciata lunedì in tarda serata, ha affermato che gli agenti di sicurezza stavano cercando circa 200 studenti. Le bande criminali che effettuano rapimenti a scopo di riscatto sono accusate di una serie di raid contro scuole e università nel nord della Nigeria negli ultimi mesi, in cui da dicembre sono stati rapiti più di 800 studenti. Il vicegovernatore dello Stato del Niger Ketso ha detto ai giornalisti che lo stato del Niger non avrebbe pagato alcuna forma di riscatto.

  • Giornata dell’Europa 2021: il Parlamento europeo incontra 15.000 studenti nell’assemblea ScuolaZoo

    Il 9 maggio si celebra la Giornata dell’Europa, 71 anni dopo la dichiarazione di Schuman considerata l’atto di nascita dell’Unione Europea. Per l’occasione, l’Ufficio del Parlamento Europeo a Milano e ScuolaZoo, il media brand di riferimento degli studenti, organizzano l’Assemblea d’Istituto in cui saranno presenti 15.000 ragazze e ragazzi di 15 istituti lombardi. L’evento si terrà il 7 maggio alle 11 in diretta sul profilo ufficiale Twitch di ScuolaZoo e sarà l’occasione per avvicinare i giovani ai temi legati alla democrazia, alla Conferenza sul futuro dell’Europa, ai valori fondanti dell’UE e alle opportunità lavorative europee. Gli studenti incontreranno gli eurodeputati dei vari gruppi politici eletti nella circoscrizione nord-ovest, e i volontari della community insieme-per.eu. Ospite d’onore il comico Luca Ravenna, tra i protagonisti del programma di successo LOL. Aprirà l’evento, con un videomessaggio, il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

    L’incontro online sarà seguito da 15 scuole di tutte le province lombarde, scelte all’interno del Progetto Rappresentanti d’Istituto ScuolaZoo, per un totale di oltre 15.000 studenti. Quest’anno, in occasione del 9 maggio, viene lanciata la Conferenza sul futuro dell’Europa, un momento di ascolto che, per un anno, darà voce a 417 milioni di cittadini europei. Attraverso una piattaforma online “anche gli studenti potranno far sentire la loro voce. L’Europa del futuro non nasce solo dalle idee e dai contributi delle vecchie generazioni, ma ha bisogno dell’input creativo che parte proprio dai giovani”, commenta Maurizio Molinari, responsabile dell’Ufficio a Milano del Parlamento europeo e responsabile media del Parlamento europeo in Italia.

    Tra giochi e quiz, seguendo il classico format delle Assemblee d’Istituto ScuolaZoo, diversi ospiti incontreranno gli studenti e ognuno di loro racconterà la propria visione d’Europa. Dopo un video saluto del sindaco Milano Beppe Sala, a prendere la parola saranno gli eurodeputati eletti nella circoscrizione nord-ovest: Brando Benifei – S&D, PD; Silvia Sardone – ID, Lega; Eleonora Evi – Verdi; Carlo Fidanza – ECR, FdI; Tiziana Beghin – NI, M5S.

    Interverranno anche i volontari della piattaforma insieme-per.eu Chaima Akroum e Pietro Valetto, il capo della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Massimo Gaudina e la referente Europe Direct Lombardia Paola Ravelli. L’evento si concluderà con un monologo del comico Luca Ravenna.

  • Erasmus+: oltre 28 miliardi di euro a sostegno della mobilità e dell’apprendimento per tutti, in tutta l’Unione europea e oltre

    La Commissione ha adottato lo scorso 25 marzo il primo programma di lavoro annuale di Erasmus+ per il periodo 2021-2027. Con una dotazione di 26,2 miliardi di euro (rispetto ai 14,7 miliardi di euro del periodo 2014-2020), integrati da circa 2,2 miliardi di euro provenienti dagli strumenti esterni dell’UE, il programma, nuovo e riveduto, finanzierà progetti di mobilità per l’apprendimento e di cooperazione transfrontaliera per 10 milioni di cittadini europei di tutte le età e di ogni estrazione. Il programma punta a essere ancora più inclusivo e a sostenere le transizioni verde e digitale, come stabilito nello spazio europeo dell’istruzione. Erasmus+ sosterrà inoltre la resilienza dei sistemi di istruzione e formazione di fronte alla pandemia.

    Qualsiasi organismo pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può presentare domanda di finanziamento, avvalendosi dell’aiuto delle agenzie nazionali Erasmus+ che sono presenti in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi terzi associati al programma.

    Il nuovo programma Erasmus+ offre opportunità relative a periodi di studio all’estero, tirocini, apprendistati e scambi di personale in tutti gli ambiti dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. È aperto agli alunni delle scuole e agli studenti dell’istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale, ai discenti adulti, ai giovani che partecipano a uno scambio, agli animatori giovanili e agli allenatori sportivi.

    Oltre che nella mobilità, che assorbe il 70% del bilancio, il nuovo programma Erasmus+ investe anche in progetti di cooperazione transfrontaliera che possono coinvolgere istituti di istruzione superiore (ad esempio l’iniziativa delle università europee); scuole; istituti di istruzione e formazione degli insegnanti (ad esempio le accademie degli insegnanti Erasmus+); centri per l’apprendimento degli adulti; organizzazioni giovanili e sportive; erogatori di istruzione e formazione professionale (ad esempio centri di eccellenza professionale); altri operatori nel settore dell’apprendimento.

    Le principali caratteristiche del programma Erasmus+ 2021-2027 sono le seguenti:

    Erasmus+ inclusivo: per offrire maggiori opportunità a coloro che ne hanno meno, comprese le persone provenienti da contesti culturali, sociali ed economici diversi e le persone che vivono in zone rurali e remote. Tra le novità figurano gli scambi individuali e di classi per gli alunni delle scuole e la mobilità per i discenti adulti. Per le organizzazioni più piccole, come le scuole, le associazioni giovanili e i club sportivi, sarà più facile fare domanda grazie a partenariati su scala ridotta e all’uso di sovvenzioni semplificate. Il programma sarà inoltre più internazionale, per cooperare con i paesi terzi, basandosi sui successi del precedente programma, mediante scambi e progetti di cooperazione in tutto il mondo, che ora si estendono anche allo sport e ai settori dell’istruzione e formazione professionale;

    Erasmus+ digitale: la pandemia ha evidenziato la necessità di accelerare la transizione digitale dei sistemi di istruzione e formazione. Erasmus+ sosterrà lo sviluppo delle competenze digitali, in linea con il piano d’azione per l’istruzione digitale. Renderà possibili scambi e formazione in ambito digitale di elevata qualità, mediante piattaforme quali eTwinningSchool Education Gateway e il portale europeo per i giovani e incoraggerà i tirocini nel settore digitale. Nuovi formati, come quelli dei programmi “Blended Intensive”, consentiranno di integrare brevi soggiorni all’estero con l’apprendimento e il lavoro di squadra online. L’attuazione del programma sarà ulteriormente digitalizzata e semplificata con la piena introduzione della carta europea dello studente;

    Erasmus+ verde: in linea con il Green Deal europeo, il programma offrirà incentivi finanziari ai partecipanti che utilizzano modi di trasporto sostenibili. Investirà inoltre in progetti di sensibilizzazione alle tematiche ambientali e agevolerà gli scambi relativi alla mitigazione della crisi climatica;

    Erasmus+ per i giovaniDiscoverEU diventa ora parte integrante di Erasmus+ e offre ai giovani di 18 anni la possibilità di ottenere un biglietto ferroviario per viaggiare in tutta Europa, imparare da altre culture e incontrare altri giovani europei. Erasmus+ sosterrà inoltre opportunità di scambio e cooperazione attraverso nuove attività di partecipazione giovanile, per aiutare i giovani a imparare a partecipare alla vita democratica e a impegnarsi nella stessa, sensibilizzandoli ai valori europei condivisi e ai diritti fondamentali, e riunendo i giovani e i responsabili politici a livello locale, nazionale ed europeo.

    Lo sforzo di resilienza di Erasmus+ nel contesto della pandemia mobiliterà centinaia di migliaia di scuole, istituti di istruzione superiore, istituti di formazione professionale, insegnanti, giovani, organizzazioni giovanili e sportive, la società civile e altri portatori di interessi. Il programma contribuirà ad accelerare l’adozione di nuove pratiche che migliorino la qualità e la pertinenza dei sistemi per l’istruzione, la formazione e la gioventù in tutta Europa, a livello nazionale, regionale e locale.

    Fonte: Commissione europea

  • Import export: il saldo finale

    All’interno di un mercato globale i flussi commerciali rappresentano l’hardwear del sistema stesso. Tuttavia un’analisi qualitativa degli stessi dovrebbe suggerire che la semplice apertura del mercato non rappresenti una garanzia assoluta. In altre parole, all’interno di un’economia digitale la parte software assume la medesima importanza e rilevanza del sistema stesso.

    Una parte degli autisti o dei facchini della Bartolini risultati positivi al Covid 19 vivono nei centri di accoglienza. Quindi per anni il mondo accademico in complicità con la politica ha giustificato sic et simpliciter l’apertura dei mercati applicando (qualora conosciuto) il principio di Samuelson, di fatto superato dai trasferimenti tecnologici in tempo reale dell’era digitale. In più, molto spesso, ignorando le inevitabili conseguenze di speculazioni all’interno in un mondo globale sottoposto sostanzialmente ad una deregulation normativa (https://www.ilpattosociale.it/2020/01/07/il-ritardo-culturale-accademico/). Contemporaneamente, delocalizzando le nostre produzioni, viene trasferito il primato di know how, frutto di decenni di innovazione e ricerca finanziata con investimenti non solo economici ma anche professionali ed in risorse umane.

    Viceversa importiamo persone con basse qualifiche professionali le quali venendo da situazioni di disperazione accettano contratti capestro da parte delle multinazionali, in questo caso dei servizi. Anche per questo secondo aspetto tanto il mondo accademico quanto quello politico hanno, in assoluta complicità e correità, sempre giustificato questa tendenza come la negativa disponibilità dei lavoratori italiani ad accettare lavori a bassa qualifica, molto spesso regolati da contratti che definire capestro risulta un eufemismo.

    La sintesi di questa disastrosa gestione di un mondo inevitabilmente globale ma, se privo nello specifico di ogni normativa, comune si trasforma in una giungla all’interno della quale il vantaggio tanto indicato dell’abbassamento dei prezzi, vantaggio sbandierato da questa ideologia politica economica, si manifesta persino falso (https://www.ilpattosociale.it/attualita/riso-nellunione-europea-finalmente-i-dazi/).

    In altre parole, la sintesi di questi flussi commerciali privi di un minimo comune denominatore normativo si definisce sostanzialmente in una esportazione di cultura industriale alla quale si contrappone l’importazione di disperazione umana.

    Questi risultano gli effetti devastanti dell’adozione del modello speculativo della finanza applicato al settore servizi ed industriale del quale dovrebbe essere chiamata a risponderne l’intera classe politica, economica ed accademica italiana ma anche confindustriale per questo terribile fallimento strategico ed economico.

     

  • Coronavirus e mobilità Erasmus+: è possibile chiedere l’applicazione del principio di “causa di forza maggiore”

    La Commissione europea informa che per le mobilità degli alunni, degli studenti e dello staff che operano negli ambiti dell’istruzione scolastica, dell’istruzione superiore e dell’educazione degli adulti nell’ambito del programma Erasmus+ potrà applicarsi il principio di “causa di forza maggiore”.

    Il modello della convenzione di sovvenzione tra le Agenzie nazionali e i beneficiari, la guida al programma e altri documenti contrattuali prevedono la possibilità di cancellare, sospendere o posporre le attività appellandosi alla causa di forza maggiore. E’ quindi possibile richiedere all’Agenzia Nazionale di applicare tale clausola, relativamente alle attività e ai costi per tutte quelle mobilità che vengano annullate in ragione della situazione di emergenza e dei provvedimenti delle competenti autorità.

    Gli istituti e le organizzazioni interessati sono invitate a rivedere la pianificazione e la calendarizzazione delle attività, posticipando le mobilità – anche in entrata – in accordo con i partner di progetto e nell’ambito delle rispettive relazioni bilaterali. Le indicazioni recepiscono quanto disposto dai riferimenti normativi nazionali e dalle note della Commissione europea: Nota della Commissione europea del 25 febbraio 2020 “Coronavirus – exceptional measures with regard to Erasmus+ and European Solidarity Corps projects”

Back to top button