Usa

  • L’Iran si conferma un posto insicuro per le feluche: diplomatica svizzera precipita dal balcone

    È giallo in Iran sulla morte di una diplomatica svizzera, trovata senza vita in un’area verde nei pressi del palazzo in cui abitava a Teheran. Secondo una prima ricostruzione, la 52enne sarebbe precipitata dal 18esimo piano di un edificio nel quartiere di Kamranieh, nella zona nord della città che nel ’79 ospitò l’aggressione e il sequestro degli americani in servizio presso l’ambasciata Usa. Una tragedia su cui le unità specializzate della polizia iraniana hanno aperto un’inchiesta, escludendo al momento l’ipotesi di un suicidio. Quando è stato rinvenuto il cadavere, ha riferito il portavoce del Dipartimento per le emergenze di Teheran, Mojtaba Khaledi, la donna era già “morta da un po’ di tempo”.

    La funzionaria lavorava presso l’ambasciata di Berna, spesso al centro dell’attenzione perché incaricata di curare gli interessi degli Stati Uniti nel Paese dalla rottura delle relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica nel 1980. “Stamani, la cameriera della diplomatica è andata a casa sua. Non avendola trovata, ha chiamato la polizia. Successivamente, un addetto alla manutenzione in un giardino vicino all’edificio ha trovato il corpo, che è stato riconosciuto dal portiere del palazzo”, ha riferito Khaledi.

    Le indagini non escludono l’incidente né l’omicidio. Il corpo presentava fratture alla testa e a un braccio. Sarà l’autopsia a stabilire se siano effettivamente compatibili con la caduta da un balcone o una finestra, e se siano riscontrabili segni di violenza o colluttazioni. Il corpo è già stato messo a disposizione del medico legale. A Berna, il ministro degli Esteri Ignazio Cassis si è detto “scioccato dalla tragica morte” e ha espresso le sue “più profonde condoglianze alla famiglia”. Le autorità svizzere, che seguono la vicenda in coordinamento con quelle iraniane, non hanno fornito al momento dettagli sulle circostanze del decesso, né il nome della diplomatica per tutelarne la privacy. Dal canto suo, il ministero degli Esteri di Teheran ha inviato le sue condoglianze e promesso una rapida conclusione delle indagini.

    Il drammatico episodio giunge in un momento molto delicato per l’Iran, impegnato a Vienna con i partner dell’accordo nucleare nei negoziati sul ritorno degli Usa e la rimozione delle sanzioni. Trattative che secondo la Russia continuano a far segnare “progressi”. Ma la fase è tesa anche sul piano interno, dove a un mese e mezzo dalle presidenziali è scontro tra i fondamentalisti e i moderati dell’uscente Hassan Rohani sull’audio rubato in cui il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif criticava il generale dei Pasdaran Qassem Soleimani, ucciso dagli Usa nel 2020. Un clima di accuse e sospetti che rischia di avvelenarsi ancora.

  • More guns than people: Why tighter U.S. firearms laws are unlikely

    WASHINGTON (Reuters) – President Joe Biden announced limited measures to tackle gun violence in the United States last week, but more ambitious steps will be harder to enact despite widespread public support.

    Here are some facts about gun violence in the United States:

    HOW MANY AMERICANS OWN GUNS?

    With about 121 firearms in circulation for every 100 residents, the United States is by far the most heavily armed society in the world, according to the Geneva-based Small Arms Survey, a research group.

    However, gun ownership is becoming less common across the country. One in three U.S. households owned firearms in 2016, down from nearly half in 1990, according to the RAND Corp think tank. Ownership varies significantly by state: 66% of Montana households owned firearms, compared with just 8% in New Jersey.

    WHAT SORT OF LAWS GOVERN FIREARMS?

    The Second Amendment of the U.S. Constitution enshrines the “right to bear arms,” which the Supreme Court has interpreted to allow individuals to keep handguns at home for self-defense. The conservative-leaning court may soon decide whether gun owners can carry guns outside the home.

    The federal government requires most gun buyers to clear a criminal background check and tightly regulates ownership of machine guns, which are fully automatic, and silencers.

    Most other gun laws are set at the state level, where policies vary widely here.

    Many Democratic-dominated states have tightened their laws in recent years.

    California, for example, has banned military-style semi-automatic “assault weapons” and large-capacity magazines and has the most robust “red flag” system, which allows authorities to take firearms away from people determined to be dangerous.

    The state also prohibits people from carrying loaded firearms in public — a practice known as “open carry” — and gun owners must get a permit before carrying a concealed loaded weapon.

    Gun laws are much more permissive in rural states, including Idaho, Kentucky and Wyoming.

    Mississippi has the most permissive U.S. laws, according to the Giffords Law Center, a gun-control group. Residents of that state do not need a permit to carry loaded weapons, whether openly or concealed, and sales of “assault weapons” and large-capacity magazines are legal. Buyers do not face waiting periods and the state does not have a red-flag law.

    Mississippi and 28 other states also have enacted “Stand Your Ground” laws that allow people to use deadly force when they feel threatened.

    WHAT IMPACT DOES THIS HAVE?

    Americans aren’t necessarily more violent than other cultures – but their disputes are more likely to turn deadly, expert say.

    University of Iowa criminology professor Mark Berg found the rates of assault in the United States are similar to other countries, but homicide rates are higher due to the prevalence of guns.

    Firearms were a factor in 39,740 U.S. deaths in 2018, according to the Centers for Disease Control and Prevention (CDC), similar to the number caused by motor-vehicle accidents. Suicides account for six out of 10 gun deaths.

    WILL GUN LAWS CHANGE?

    Gun rights are one of the most divisive issues in American politics. Supporters see firearms as an important tool for self-defense, target shooting and hunting, as well as a powerful symbol of individual rights. Critics say America’s permissive approach leads to tens of thousands of deaths each year.

    High-profile mass shootings have increased public pressure to tighten regulations. Most Americans support here tougher gun laws, according to Reuters/Ipsos polling, but Washington has done little to address the problem in recent years.

    One reason: Small, rural states where gun ownership is widespread have disproportionate influence in the U.S. Senate, where a supermajority of 60 votes is needed to advance most legislation in the 100-seat chamber.

    The Democratic-controlled House of Representatives passed legislation expanding background checks last month, but it faces long odds in the Senate, which is split 50-50 between the two parties.

    With Congress deadlocked, presidents have acted on their own.

    After a 2018 mass shooting in Las Vegas that killed 58 people, then-President Donald Trump banned “bump stocks” that allow semi-automatic rifles to fire at a rate similar to automatic ones.

    But Trump, a Republican, also made it easier for people with mental illness to buy guns.

    Biden, a Democrat, aims to tighten regulations on self-assembled “ghost guns” that currently can be sold without serial numbers or background checks and to make it easier for states to adopt red-flag laws.

    CHANGING POLITICS?

    The political landscape may be changing. The National Rifle Association (NRA) has been one of the most influential gun rights lobbying groups in Washington for decades, but has been hobbled in recent years by infighting. The group recently filed for bankruptcy in an attempt to stave off a legal challenge in New York.

    The NRA gave $30 million to candidates in the 2020 presidential and congressional elections, down from $55 million in 2016, according to the Center for Responsive Politics.

    Meanwhile, advocacy groups like Moms Demand Action that back stronger restrictions have stepped up lobbying expenses over the past decade, though they still trail gun-rights groups as a whole.

    Reporting by Andy Sullivan; Additional reporting by Lawrence Hurley; Editing by Scott Malone and Jonathan Oatis

  • Corporate Tax by Yellen & Biden

    Si potrebbe persino essere d’accordo con la proposta del Presidente degli Stati Uniti Biden e del segretario al tesoro Yellen su una tassazione minima delle multinazionali applicabile in tutto il mondo, intesa sia come risposta all’emergenza finanziaria legata alla pandemia che alla lotta ai paradisi fiscali i quali sottraggono risorse finanziarie con una tassazione degli utili di impresa infinitesimale.

    Resta da comprendere per quale motivo i principi della concorrenza applicati all’interno del mercato globale e che rappresentano il pilastro fondamentale tra i diversi sistemi economici nell’economia privata non possano viceversa essere applicati ai sistemi fiscali e politici per attrarre investimenti e creare benessere ed occupazione.

    A parte questo trattamento particolare riservato appunto alle pubbliche amministrazioni statali contemporaneamente all’introduzione di una tassazione minima, venendo meno il principio della concorrenza, dovrebbe essere indicata anche una tassazione massima (cioè un aliquota massima) oltre la quale uno stato non possa spingersi per finanziarie la propria spesa pubblica.

    Solo in questo contesto di reciprocity fiscale potrebbe essere adottabile una tassazione minima per le multinazionali e per le imprese in generale. Nel caso contrario sarebbe solo ed esclusivamente l’ennesimo artificio fiscale espressione di una manovra politica per assicurare maggiori risorse a disposizione della classe politica.

    (*) Il problema italiano invece è quello della scarsa produttività della stessa spesa pubblica alla quale delle risorse aggiuntive non modificherebbero gli già scarsi effetti.

  • Boom di occupati, l’America di Biden torna a correre

    L’America torna a correre e spera di tornare presto ad essere la locomotiva dell’economia mondiale. Certo, la pandemia è tutt’altro che superata, come lo stesso presidente Joe Biden ammonisce ogni giorno, ma gli esperti sono convinti che si sia arrivati a punto di svolta, anche sul fronte della ripresa. La dimostrazione arriva dai dati sul mercato del lavoro di marzo: quasi un milione di posti creati in un solo mese. Un boom legato agli enormi progressi nella campagna di vaccinazione che sta portando ad una accelerazione nella riapertura di tutte le attività. Ma a giocare un ruolo determinante è anche l’American Rescue Plan da 1,9 miliardi di dollari con cui la Casa Bianca di Biden ha elargito aiuti diretti a famiglie ed imprese.

    “Help is here”, l’aiuto è arrivato come promesso a tutti gli americani, ha esultato il presidente, sottolineando come in termini di occupazione nessuna amministrazione nella storia ha mai fatto come la sua in appena due mesi. E anche Wall Street sembra crederci, visto che la sessione di contrattazioni prima della pausa pasquale si è chiusa con un nuovo record, con l’indice S&P500 (quello delle società a maggior capitalizzazione) ha chiuso per la prima volta sopra i 4mila punti.

    I nuovi posti creati a marzo in Usa sono stati 916 mila, nettamente al di sopra delle previsioni e del dato di febbraio che era di 375 mila. Il tasso di disoccupazione è quindi sceso al 6% dal 6,2%. E’ il miglior risultato degli ultimi 7 mesi, anche se la Casa Bianca sa che è troppo presto per cantare vittoria. Ci sono ancora 8,4 milioni di americani che hanno perso il lavoro a causa della crisi senza precedenti scatenata dalla pandemia: basti pensare che nel marzo di un anno fa l’economia Usa perdeva d’un colpo 1,7 milioni di posti che diventarono oltre 20 milioni ad aprile, con una disoccupazione schizzata al 15%. Un’ecatombe che ha caratterizzato l’ultima fase dell’amministrazione Trump, e che in definitiva è stata determinante nella sconfitta elettorale dell’ex presidente.

    Ora la situazione sta cambiando, anche se fortissima resta la preoccupazione per una quarta ondata di contagi legata alle varianti del Covid. “Non è il momento di abbassare la guardia, la strada da percorrere è ancora lunga”, ha ripetuto Biden: “Troppi americani si stanno comportando come se questa battaglia fosse finita, ma non è così. Non vanifichiamo i progressi fatti, bisogna ancora combattere per vincere. Dobbiamo finire il lavoro”, è tornato a spronare il presidente, invitando tutti i cittadini a fare il proprio dovere, e lanciando ancora un monito agli stati Usa che stanno revocando tutte le misure anti-Covid, a partire dall’obbligo di indossare le mascherine e del distanziamento sociale”.

    La partita vera, ha spiegato il presidente americano, si gioca ora col Congresso. Perchè se gli aiuti dati a famiglie e imprese assicurano un miglioramento temporaneo all’economia, quello che serve è un cambiamento strutturale, perchè l’economia americana torni davvero ad essere competitiva e vinca la corsa con la Cina. Di qui l’importanza di approvare l’American Jobs Plan, la cui prima gamba da oltre 2 mila miliardi di dollari per ammodernare le infrastrutture del Paese è stata annunciata da Biden nei giorni scorsi. Seguirà un secondo pacchetto di spesa da altrettanti 2 mila miliardi per i settori della sanità, dell’assistenza e dell’istruzione: “Possiamo discutere di tutto, ma non agire non è un’opzione”

    Ma non sarà facile per Biden accontentare tutti, con i repubblicani che hanno già detto a chiare lettere di essere contrari a una spesa così enorme come quella proposta dalla Casa Bianca. Mentre per la sinistra dei democratici quanto proposto non è affatto sufficiente.

  • A New York adesso c’è anche la marijuana legale

    New York dice addio al proibizionismo. Per anni capitale mondiale degli arresti per il possesso e l’uso di marijuana, la Grande Mela ha approvato una delle leggi più progressiste per la legalizzazione della cannabis a uso ricreativo. “Questo è un giorno storico”, ha esultato il governatore Andrew Cuomo dopo aver firmato il provvedimento tramutandolo in legge.

    New York diventa così il 16esimo Stato d’America a legalizzare la marijuana. I primi negozi di cannabis potrebbero aprire già nel 2022, subito dopo l’erogazione delle prime licenze che consentiranno fra l’altro la consegna a domicilio. Agli adulti di New York sopra i 21 anni sarà anche consentito di allevare in casa alcune piante di marijuana per uso personale. Le previsioni indicano possibili vendite record di cannabis: circa 4,2 miliardi di dollari l’anno, dietro solo alla California. Un boom che aiuterà le casse dello Stato: oltre a creare fra i 30.000 e i 60.000 posti di lavoro, l’industria genererà per l’erario statale circa 350 milioni di dollari l’anno grazie a un’imposta del 13% sulle vendite. Il 40% delle entrate sarà destinato all’istruzione, il 40% sarà investito nelle comunità più colpite dal ‘proibizionismo della marijuana’, ovvero quelle con più arresti, mentre il restante 20% andrà al trattamento della tossicodipendenza. “Per troppo tempo il divieto della cannabis ha colpito in modo sproporzionato le comunità di colore con dure sentenze di carcere. Questa legge offre loro giustizia oltre ad abbracciare una nuova industria che aiuterà l’economia a crescere”, ha spiegato Cuomo.

    I precedenti tentativi di legalizzazione della cannabis che si sono succeduti nel corso degli anni sono nella maggior parte dei casi falliti sulla ripartizione delle entrate fiscali. Ma questa è stata la volta buona e per Cuomo è una boccata d’ossigeno, per quanto momentanea. Gli scandali delle accuse di molestie e dei numeri truccati sui morti per Covid nelle case di cura continuano a non dare tregua al governatore, sempre più sotto pressione fra le richieste di dimissioni e le grandi manovre avviate per un suo possibile impeachment. La marijuana consente a Cuomo di distrarre l’attenzione dai suoi guai, anche se il compromesso raggiunto gli è costato molte concessioni. Passi indietro che hanno colpito i deputati e i senatori dello Stato abituati a un Cuomo decisamente più combattivo ma ora costretto a fare marcia indietro per ottenere un’importante vittoria politica da spendere di fronte agli occhi dei suoi elettori e di tutti coloro che lo accusano.

  • US sanctions powerful Ukrainian oligarch Kolomoisky

    The US has imposed sanctions on one of Ukraine’s most powerful oligarchs, Igor Kolomoisky over corruption allegations, the US Secretary of state, Antony Blinken said in a statement on Friday.

    Blinken stated that Kolomoisky, in his capacity as a Governor of Ukraine’s Dnipropetrovsk Oblast from 2014 to 2015, was “involved in corrupt acts that undermined rule of law and the Ukrainian public’s faith in their government’s democratic institutions and public processes,” by using his political influence and official power for his personal benefit.

    While the restrictive measures refer to Kolomoisky’s acts during his time in office, the US Secretary of state also warned against Kolomoisky’s current efforts “to undermine Ukraine’s democratic processes and institutions”, citing that his acts pose “a serious threat” to the country’s future.

    Along with Kolomoisky, the State Department decided to also sanction his wife, daughter and son, owing to the oligarch’s “involvement in significant corruption”, rendering them ineligible for entry into the US. The Ukrainian tycoon is believed to have stolen billions of dollars from a Ukrainian bank, namely the PrivatBank he once owned.

    “This designation reaffirms the U.S. commitment to supporting political, economic, and justice sector reforms that are key to Ukraine’s Euro-Atlantic path,” Blinken’s statement further reads.

    Without mentioning Kolomoisky, the office of the Ukrainian President Volodymyr Zelensky issued a statement saying that the country needs to overcome has to fight against its oligarchs.

    “The battle with the oligarchs lies not only in the realm of criminal responsibility. It is also about creating the conditions in Ukraine, in which business can grow in a transparent and competitive environment, and large financial groups will not be able to dominate the market or influence the media and political decisions.”

  • Biden ricuce con l’Ue sospendendo i dazi per il caso Boeing-Airbus

    Joe Biden tende la mano a Bruxelles per il rilancio della partnership e avvia il disgelo nella guerra dei dazi con la Ue, rottamando un’altra eredità di Donald Trump e dando una nuova boccata d’ossigeno ai mercati drammaticamente depressi dalla pandemia, compreso il Made in Italy. Usa e Ue hanno infatti concordato una tregua, sospendendo per quattro mesi le reciproche tariffe legate alla disputa sui rispettivi sussidi statali ai due maggiori costruttori mondiali di aerei, Boeing e Airbus.

    E’ stata la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a dare l’annuncio per prima, dopo una telefonata con il presidente americano: “Come nuovo inizio per la nostra partnership, abbiamo deciso di sospendere tutte le tariffe relative alle controversie Airbus-Boeing su aeromobili e prodotti non aerei per un periodo iniziale di 4 mesi. Ci siamo anche impegnati a risolvere queste controversie”, ha detto, riferendo di aver proposto inoltre un “Consiglio per il commercio e la tecnologia a livello ministeriale per affrontare le sfide dell’innovazione” e di aver invitato Biden al vertice mondiale sulla salute a Roma il 21 maggio.

    L’intesa è stata ufficializzata poco dopo anche dalla Casa Bianca, secondo cui il presidente americano ha ribadito il suo impegno ha “riparare e rivitalizzare la partnership Usa-Ue” e a “coordinarsi su questioni di comune interesse, compresa Cina, Russia, Bielorussia, Ucraina e i Balcani occidentali”. Biden ha anche sottolineato l’importanza di una stretta cooperazione Usa-Ue per contenere la pandemia di Covid-19 e potenziare la sicurezza sanitaria globale, perseguire una ripresa economica globale sostenibile, affrontare la crisi climatica e rafforzare la democrazia”. Insomma, piena e ritrovata sintonia tra Washington e Bruxelles.

    La tregua è finalizzata a negoziare un accordo finale che metta fine a una disputa lunga 17 anni, durante i quali non sono mancati momenti di tensione e scontro. Soprattutto durante la presidenza Trump, che aveva ignorato le richieste europee per arrivare ad una intesa, preferendo cavalcare la sua guerra commerciale anche con gli alleati europei. Il braccio di ferro aveva portato all’imposizione di dazi, autorizzati dal Wto, per un valore complessivo di 11,5 miliardi di dollari: 7,5 miliardi di dollari da parte americana nell’ottobre 2019 e 4 miliardi di dollari da parte di Bruxelles l’anno successivo, come misura ritorsiva dopo i falliti tentativi di negoziati. Le tariffe si erano abbattute su settori strategici, dall’industria ai beni di consumo. L’Italia aveva pagato il prezzo più alto nel comparto food, anche se Trump non aveva infierito più di tanto sul Made in Italy. Secondo le ultime stime della Coldiretti, i dazi Usa colpivano le esportazioni agroalimentari italiane per un valore di circa mezzo miliardo di euro su prodotti come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Gorgonzola, Asiago, Fontina, Provolone ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi, agrumi, succhi, cordiali e liquori come amari e limoncello. Graziato invece il vino tricolore, a differenza di quelli francesi e tedeschi. Ma non c’è dubbio che la tregua ora rilancerà export e consumi per tutti. A partire dall’Italia: gli Stati Uniti sono il primo mercato di sbocco extra-Ue per i nostri prodotti agroalimentari, con un fatturato record di quasi 5 miliardi di euro l’anno nel 2020.

    La mossa segue quella analoga annunciata giovedì nei confronti di Londra, con cui Washington ha una ‘special relationship’: 4 mesi di sospensione dei dazi, che in Gran Bretagna avevano colpito beni come il whisky scozzese, alcuni formaggi tipici, biscotti. Un passo importante nell’agenda britannica post Brexit, dove il premier Boris Johnson punta ora ad un nuovo accordo commerciale con gli Stati Uniti. Ma ora anche per la Ue si apre un nuovo terreno di collaborazione commerciale, dopo che Biden si è impegnato a rilanciare l’alleanza tra le 2 sponde dell’Atlantico su tutti i fronti.

  • Il braccio di ferro tra Cina e Usa si estende alle Olimpiadi invernali del 2022

    A meno di un anno dall’accensione del tripode olimpico, gli Stati Uniti non hanno ancora deciso se partecipare ai Giochi invernali di Pechino 2022. Uno scenario che, oltre a scontare la variabile del Covid-19, contribuisce ad agitare gli spettri del nuovo braccio di ferro tra le due super potenze mondiali e del boicottaggio. Alimentato anche dalla chiamata internazionale in crescita per le accuse alla Cina sulla violazione dei diritti umani tra Xinjiang e Tibet, e la stretta su Hong Kong.

    “La politicizzazione dello sport internazionale va contro lo spirito olimpico e danneggia gli interessi degli atleti di tutti i Paesi”, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, commentando le parole espresse giovedì sul tema dalla portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, secondo cui manca una “decisione finale” sulla partecipazione e gli Usa seguiranno le direttive della commissione olimpica.

    “Tutti nella comunità internazionale, compreso il Comitato olimpico Usa, si oppongono a questo tipo di boicottaggio o alla chiamata di cambio della sede dei Giochi”, ha proseguito Wang, per il quale “i fatti sconfiggeranno le menzogne. Crediamo con forza che attraverso gli sforzi congiunti di tutte le parti, le Olimpiadi invernali di Pechino 2022 diventeranno sicuramente uno straordinario evento olimpico”.

    Ai siti di Yanqing, alle porte di Pechino, i lavori vanno avanti: ospiteranno le gare di sci alpino, mentre la pista di bob e slittino, la prima mai realizzata in Cina, è la più lunga al mondo con i suoi quasi 2 km di tracciato ed è coperta da un tetto in legno in stile tradizionale. Xu Zhijun, vicesegretario generale del comitato organizzatore, aveva promesso Olimpiadi sicure dicendo che la costruzione dei luoghi delle competizioni è stata di fatto completata entro il 2020. E a dispetto della pandemia, aveva aggiunto Xu, incontrando i media internazionali in visita ai siti a inizio mese.

    All’inizio della settimana, tuttavia, la Camera dei Comuni canadese ha approvato la mozione che definisce “genocidio” le politiche di Pechino nello Xinjiang a danno della minoranza uigura di fede musulmana, insieme alla richiesta di ritiro dei Giochi olimpici invernali a Pechino 2022, in linea con la richiesta lanciata da una coalizione di 180 gruppi che si battono per i diritti. E voci simili si sono sollevate altrove, come al Congresso Usa e al parlamento britannico.

    La Cina risponderà al boicottaggio “con pesanti sanzioni verso i Paesi che vi aderiranno”, ha assicurato Hu Xijin, direttore del Global Times, il tabloid del Quotidiano del Popolo che di solito tradisce l’umore della leadership comunista. “Boicottare i giochi invernali è un’idea impopolare che non avrà un ampio supporto”, ha scritto Hu su Twitter.

    Il Cio ha in gran parte ignorato gli appelli e il suo presidente Thomas Bach ha definito i preparativi per i Giochi “quasi un miracolo”, malgrado le sfide della pandemia. La posizione finale della Casa Bianca potrebbe però generare clamorosi scossoni. I media statali cinesi, non a caso, hanno intensificano i segnali di irritazione sulle prospettive di ripristino delle relazioni tra Pechino e Washington, notando che la politica messa in campo dal presidente Joe Biden “sa di trumpismo”. L’approccio iniziale, ha scritto il China Daily in un editoriale, “offre poco ottimismo”.

  • Rinnovato il bando per le borse di studio speciali Covid-19 assegnate dalla Fondazione Italia USA

    In considerazione del prolungarsi dell’emergenza sanitaria è stato rinnovato il bando per le borse di studio speciali Covid-19 a copertura parziale che saranno assegnate dalla Fondazione Italia USA, oltre alle 1000 già erogate ogni anno, per il master online “Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy” promosso insieme al Centro Studi Comunicare l’Impresa.
    Sono state bandite ulteriori 100 borse di studio. La scadenza per le domande è il 31 marzo 2021.
    Le borse di studio saranno dirette a giovani laureati meritevoli, allo scopo di favorire l’internazionalizzazione con gli Stati Uniti e fornire loro un sostegno concreto in questo momento di particolare difficoltà economica.
    Saranno valutate anche domande di imprenditori e professionisti che desiderano espandere la propria attività sui mercati internazionali, privilegiando start-up e imprese che hanno come mercato principale gli USA, nonché quadri aziendali referenziati da aziende.
    Il Master, che ha l’adesione di numerose personalità istituzionali ed è diretto dalla prof. Stefania Giannini, garantisce l’accesso a un prodotto formativo di respiro internazionale. La Fondazione Italia USA, per l’impegno dei suoi programmi formativi quali il master, e i valori da questi trasmessi, fa parte ufficialmente del programma UNAI – United Nations Academic Impact lanciato dal segretario generale dell’ONU nel 2010.

  • US, Russia extend New START nuke arms treaty

    Washington and Moscow to move ahead with strategic stability talks and new phase of arms control

    The United States and Russia officially extended the New START nuclear arms-control treaty for five years on February 3.

    US Secretary of State Antony Blinken said the extension is a first step on making good on US President Joe Biden’s pledge to keep the American people safe from nuclear threats by restoring US leadership on arms control and nonproliferation.

    Russian lawmakers quickly approved the extension of the New START treaty on January 27, a day after a phone call between Biden and Russian President Vladimir Putin during which they agreed to complete the necessary extension procedures in the next few days.

    Extending the New START Treaty ensures the US has verifiable limits on Russian intercontinental ballistic missiles (ICBMs) and submarine-launched ballistic missiles (SLBMs), and heavy bombers until February 5, 2026, Blinken said on February 3. “The New START Treaty’s verification regime enables us to monitor Russian compliance with the treaty and provides us with greater insight into Russia’s nuclear posture, including through data exchanges and onsite inspections that allow US inspectors to have eyes on Russian nuclear forces and facilities,” he said, adding that the US has assessed Russia to be in compliance with its New START Treaty obligations every year since the treaty entered into force in 2011.

    “Especially during times of tension, verifiable limits on Russia’s intercontinental-range nuclear weapons are vitally important. Extending the New START Treaty makes the United States, US allies and partners, and the world safer. An unconstrained nuclear competition would endanger us all,” the new US Secretary of State said.

    He noted that Biden has made clear that the New START Treaty extension is only the beginning of the US Administration’s efforts to address 21st century security challenges. Blinken said Washington will use the time provided by a five-year extension of the New START Treaty to pursue with Moscow, in consultation with Congress and US allies and partners, arms control that addresses all of its nuclear weapons. “We will also pursue arms control to reduce the dangers from China’s modern and growing nuclear arsenal. The United States is committed to effective arms control that enhances stability, transparency and predictability while reducing the risks of costly, dangerous arms races,” he said.

    He stressed, however, that the decision to extend the nuke treaty does not mean that the US is not concerned about Russia. “Just as we engage the Russian Federation in ways that advance American interests, like seeking a five-year extension of New START and broader discussions to reduce the likelihood of crisis and conflict, we remain clear eyed about the challenges that Russia poses to the United States and the world. Even as we work with Russia to advance US interests, so too will we work to hold Russia to account for adversarial actions as well as its human rights abuses, in close coordination with our allies and partners,” Blinken said.

    Dmitri Trenin, director of the Carnegie Centre in Moscow, said with the New START having won a five-year extension, US and Russia need to move ahead with strategic stability talks and new phase of arms control. “These issues being existential, they must be protected from extraneous irritants, such as domestic politics in both countries,” Trenin wrote in a tweet, adding, “There’re other battlefields for that”.

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker