Piacenza

  • Ripensare l’economia: a Piacenza se ne parla con Stefano Zamagna

    Sabato 14 dicembre, alle ore 16, nella Basilica di Santa Maria di Campagna in Piazzale delle Crociate a Piacenza, il Presidente della Pontificia Accademia scienze sociali Stefano Zamagna interverrà all’incontro dal titolo Ripensiamo l’economia con il progetto Assisi 2020. L’accesso sarà riservato solo a chi avrà segnato la sua presenza inviando una mail a relaz.esterne@bancadipiacenza.it o avrà telefonato al numero 0523 542356.

  • Il ‘Codice degli animali da compagnia’ al Pet Festival di Piacenza

    Sabato 19 ottobre, nell’ambito del ‘Pets Festival’ a Piacenza Expo, alle ore 18, presso il  Padiglione 1 (Stand C36 e C37) del Quartiere Fieristico di Piacenza (Fraz. Le Mose, via Tirotti 11), Banca di Piacenza ed Edral – La Tribuna presenteranno il libro Codice degli animali da compagnia scritto da Corrado Sforza Fogliani ed Elena Baio. Gli autori dialogheranno con Vittorio Colombani, responsabile editoriale libri ‘La Tribuna’. Per assistere alla presentazione del volume occorre prenotare un biglietto di ingresso omaggio scrivendo a relaz.esterne@bancadipacenza.it

  • La tragedia dimenticata degli italiani di Crimea

    Lunedì 23 settembre, alle ore 18, nella sala Panini di Palazzo Galli, sede della Banca di Piacenza (via Mazzini, 14 – PC), si svolgerà il convegno Ci siamo anche noi! Gli italiani di Crimea e l’amore per la lingua. La lotta contro l’oblio. All’incontro parteciperanno Giulia Giacchetti Boico, Presidente dell’Associazione ‘Cerkio degli italiani di Crimea’, Elena Giancotto Shiriaeva (da Kerch – Crimea), Maria Ragno (da Yerevan – Armenia). Modera Stefano Mensurati, giornalista di Rai Radio 1, interviene Artemio Enzo Baldini, docente dell’Università di Torino. La partecipazione è libera ma occorre prenotarsi alla mail relaz.esterne@bancadipiacenza o al numero 0523/542356

  • In Val Tidone la 29a edizione del Premio Solidarietà per la Vita S. Maria del Monte

    Domenica 30 giugno, alle ore 18, presso il Santuario di Santa Maria del Monte (Nibbiano-Alta Val Tidone) si svolgerà la 29a edizione del Premio Solidarietà per la Vita S. Maria del Monte in cui il Prefetto di Piacenza, dott. Maurizio Falco, consegnerà l’onorificenza al notaio Giovanna Covati. Il Premio, promosso dalla Banca di Piacenza, verrà consegnato al termine della messa presieduta da S.E. Mons. Antonio Napolioni Vescovo di Cremona.

  • Al presidente della Banca di Piacenza Sforza Fogliani il Premio ‘Cuore d’Oro’ 2019

    L’edizione 2019 del Premio ‘Cuore d’Oro’, istituito nel 2001 dall’associazione La Mietitrebbia guidata dal cav. Antonio Marchini, farà tappa a Niviano (PC) il prossimo 10 maggio quando, durante una serata conviviale, il prestigioso riconoscimento verrà assegnato al Presidente della Banca di Piacenza, Corrado Sforza Fogliani. L’istituto piacentino, infatti, da tempo si sta distinguendo per la sua particolare vicinanza alle esigenze dei cittadini del territorio e per l’organizzazione di attività e iniziative legate anche al mondo della culturale e del sociale.

  • Piacenza nord o Basso lodigiano?

    Nella vita si possono affrontare molte battaglie ma combattere contro gli ignoranti, i presuntuosi, i faziosi, se poi sono anche un po’ stupidi ed hanno degli interessi personali da difendere, è un’impresa impossibile. Vale come esempio la sostituzione, sull’autostrada del Sole, all’altezza di Guardamiglio, del cartello autostradale ‘Piacenza nord’ con quello ‘Basso lodigiano’. La grande, importante, stupida iniziativa sembra aver trovato un forte sponsor nel sottosegretario Guidesi, apparente vittoria dei  leghisti del lodigiano e grande smacco per quelli piacentini. Per tutte le persone normali, che da quando esiste l’autostrada A1 hanno serenamente vissuto col precedente cartello, sconcerto e problemi per gli automobilisti ed i turisti. Una delle tante iniziative inutili, sbagliate, destinate a creare ulteriori malumori, fatte per cercare di accaparrarsi qualche consenso in più dai propri elettori più faziosi e destinata a far perdere consensi da parte di chi non è fazioso ed usa il buon senso, perché la soluzione era semplice, bastava fare aggiungere all’indicazione ‘uscita Piacenza nord’  anche la scritta ‘Basso lodigiano’, proposta saggia  da tempo presentata dall’on. Tommaso Foti e ovviamente non presa in considerazione dagli intelligenti del governo e di autostrade. Era troppo semplice per i geni che, in un modo o nell’altro, influiscono negativamente sulle nostre vite.

    Piacenza resterà l’unica città italiana a non avere un uscita a nord? Ai posteri l’ardua sentenza: chi è il più stupido del reame?

  • Arriva il piano per il Parco del Trebbia, ma le autorità sfuggono al confronto coi cittadini

    Predisposto il Piano territoriale del parco relativo al Parco del Trebbia nel piacentino, i residenti dell’area che da tempo hanno ingaggiato battaglia per dire no al bitumificio in via di realizzazione nel parco stesso (pende ricorso davanti al Consiglio di Stato, che non ha ancora calendarizzato l’esame della questione) chiedono di essere coinvolti nelle decisioni in merito alla sorte del polmone verde della Valtrebbia. “Perché non fare denunciare o fare un esposto contro chi, in questi anni e a tutti i livelli, non ha fatto il suo dovere nella gestione della zona fluviale di Gossolengo? E’ giusto che chi ha sbagliato paghi”, ha proposto l’On. Cristiana Muscardini (promotrice di una petizione sulla vicenda davanti alla Commissione Petizioni del Parlamento europeo e al Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella), per rendere più cogente la voce dei cittadini radunati nel ‘Comitato No al bitume – Sì al parco del Trebbia’. Questi ultimi, come mette a fuoco Giuseppe Castelnuovo di Legambiente, chiedono “un percorso partecipato con la popolazione” per l’implementazione del Piano territoriale del parco, e hanno chiesto un confronto con Agostino Maggiali, presidente del parco, e Paolo Gazzolo, assessore della Regione Emilia-Romagna.

    I tentativi di trovare un’interlocuzione non sono finora andati a segno, anche nella serata in cui i cittadini si sono ritrovati per chiedere di essere coinvolti nel piano del parco sindaco di Gossolengo e presidente del parco non si sono fatti vedere, facendosi implicitamente scudo di una sentenza del TAR di Parma che ha rigettato le istanze del comitato ed è in attesa di revisione da parte del Consiglio di Stato. Costretti dalla latitanza delle istituzioni che hanno autorizzato il bitumificio ad ipotizzare di portare le stesse istituzioni davanti alla autorità giudiziaria perché finalmente siano fornite le motivazioni della scelta a favore dell’impianto, i cittadini sottolineano in parallelo, nella loro perorazione alla Commissione Petizioni del Parlamento europeo, che l’insediamento dello stabilimento all’interno del parco ha già portato “un considerevole incremento del traffico di mezzi pesanti, con il conseguente sensibile aumento dell’inquinamento atmosferico in una realtà territoriale già pesantemente inquinata e per la quale la stessa Commissione europea ha attivato apposita procedura di infrazione, per gli inadeguati provvedimenti assunti dall’Italia al fine di ridurre le fonti inquinanti”.

  • La Banca di Piacenza indice il Premio Battaglia per gli studenti universitari

    La Banca di Piacenza, per onorare la memoria dell’avv. FRANCESCO BATTAGLIA, già tra i fondatori e presidente della Banca, ha istituito – al fine di approfondire e valorizzare gli studi svolti localmente – un premio annuale di € 3.000.
    Il Premio verrà assegnato il 6 settembre 2019, trentatreesimo anniversario della scomparsa dell’avv. Francesco Battaglia, ad uno studente universitario che per la profondità e l’acutezza del suo lavoro di ricerca originale, compiuta al fine della partecipazione al Premio, abbia portato un valido contributo all’illustrazione e/o all’approfondimento del seguente argomento:
    “Salita al Pordenone, un evento promosso dalla banca locale che non ha goduto di contributi né pubblici né della comunità”.
    Possono partecipare al concorso tutti gli studenti iscritti presso una delle sedi universitarie dell’Emilia Romagna, della Liguria o della Lombardia che, entro giovedì 31 maggio 2019, faranno pervenire con plico raccomandato o consegneranno personalmente il proprio elaborato sull’argomento come sopra stabilito alla Banca di Piacenza – Ufficio Segreteria – Via Mazzini n. 20 – 29121 Piacenza – Telefono 0523.542.152 – 542.251.
    Il Premio potrà essere assegnato o meno a giudizio inappellabile del Consiglio di Amministrazione della Banca.
    Ai concorrenti che, pur non risultando assegnatari del Premio “F. Battaglia”, si siano distinti – a parere insindacabile del Consiglio di Amministrazione – per la qualità e l’impegno del loro elaborato, verrà riconosciuto un premio di partecipazione a titolo di rimborso delle spese sostenute per documentarsi in materia.
    Sia l’assegnatario del Premio “F. Battaglia” che i beneficiari dei premi di partecipazione riceveranno comunicazione scritta del riconoscimento dei premi conseguiti. Gli elaborati premiati resteranno di proprietà della Banca di Piacenza, cui è riconosciuto il diritto da parte degli assegnatari – col fatto stesso di partecipare al concorso – dell’esclusivo utilizzo degli stessi.

  • Gesù l’Alieno, il nuovo libro di Angelo Andrea Sangalli presentato alla Banca di Piacenza

    Venerdì 8 febbraio, alle ore 18, nella Sala Panini di Palazzo Galli, sede della Banca di Piacenza (via Mazzini, 14) sarà presentato il libro Gesù l’Alieno – L’uomo venuto dal futuro e dall’eternità di Angelo Andrea Sangalli, docente di IRC. L’autore dialogherà con Mons. Celso Dosi, Rettore del seminario vescovile di Piacenza. L’attore Giorgio Ginex leggerà alcuni brani tratti dal libro.  La partecipazione è libera con prenotazione alla mail relaz.esterne@bancadipiacenza.it o telefonando al numero 0523/542137

  • L’Arpae rileva aria pesante a Piacenza ma non risponde ai cittadini, il ministro Costa sollecitato a prendere posizione sul bitumificio

    I piacentini lamentano un’aria sempre più mefitica nella loro città, vedendo nel rinnovo del parco pullman circolante la prima misura per ridurre la cappa di smog (che rende arduo optare per la mobilità sostenibile rappresentata dalla bicicletta), ma intanto quella stessa Arpae (Agenzia regionale di protezione dell’ambiente dell’Emilia), le cui centraline rilevano la presenza di agenti inquinanti nell’aria sopra i livelli di guardia, evita di rispondere alle obiezioni che ormai da aprile i cittadini di Gossolengo, alle porte del capoluogo, le pongono in merito all’impatto ambientale che avrà la costruzione di un bitumificio nel parco del Trebbia. L’inerzia dell’ente è stata di recente sottoposta dall’on. Cristiana Muscardini al ministro dell’Ambiente Sergio Costa, i piacentini osservano intanto – sia a livello di uomo delle strada sia a livello di organizzazioni rappresentative (Legambiente, Associazione internazionale dei medici per l’ambiente) che il peggioramento della qualità dell’aria è frutto di quei flussi di traffico che sono destinati a crescere laddove si realizzino ulteriori impianti produttivi (nel piacentino ci sono progetti di insediamenti logistici, oltre al bitumificio già in via di realizzazione). L’idea del blocco del traffico, la più scontata delle proposte che emerge in questi casi, rischia di essere solo un pannicello caldo, ma probabilmente un vero e proprio non-sense, laddove impianti come il bitumificio – come rileva il comitato che ha sollecitato l’Arpae a fare le opportune verifiche sull’impatto di quell’insediamento – non possono che generare un maggior traffico di veicoli pesanti da/per il bitumificio stesso.

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.