premio

  • All’insegna della sostenibilità e dei nuovi materiali l’edizione 2019 del Premio ‘Tecnovisionarie’

    Rispondere ai bisogni del presente proteggendo il futuro. E’ questo il principio al quale si ispira la XIII Edizione del Premio Internazionale Tecnovisionarie®, promosso da Women&Technologies® – Associazione Donne e Tecnologie -, che quest’anno ha come tema portante “Sostenibilità e Nuovi Materiali” e si svolgerà martedì 3 luglio, alle ore 18,30 a Palazzo Pirelli a Milano.  

    Genialità, creatività, intraprendenza, spirito di iniziativa, lungimiranza, solidarietà, capacità di sapere guardare oltre le convenzioni: tutto questo alla base di un premio che ogni anno è attribuito a donne che, nella loro attività professionale, hanno testimoniato di possedere visione, privilegiando l’impatto sociale, la trasparenza nei comportamenti e l’etica. L’edizione 2019 focalizza l’attenzione sul valore che la tecnologia e la chimica ha dato alla lavorazione del materiale, trasformandolo e perfezionando sempre più quella straordinaria capacità che l’uomo ha avuto, sin dai tempi più antichi, di riuscire a plasmarlo. I materiali di domani saranno perciò “intelligenti”, in grado di svolgere più di una funzione e di prendere il posto di congegni e dispositivi oggi in uso. Fil rouge migliore non potrebbe esserci con l’obiettivo del riconoscimento. “Il Premio Tecnovisionarie vuole rappresentare un importante tassello di cambiamento culturale: premiando il merito femminile si premiano quelle donne il cui contributo al progresso economico, scientifico e sociale è fondamentale per la crescita del Paese. Sono le ‘Tecnovisionarie’ nel settore della ricerca, dell’innovazione, dell’impresa, dei media e della cultura” –  afferma Gianna Martinengo, ideatrice del Premio. “Abbiamo da sempre creduto fortemente – prosegue – nell’importanza di investire nelle donne e nelle loro capacità in un mondo alla ricerca di affidabilità, di crescita e di equità. Obiettivi che ci poniamo ogni giorno con l’Associazione, una realtà consolidata, ma soprattutto un qualificato network che consente di condividere conoscenze ed esperienze basate sui principi in cui ci riconosciamo“.

    Scelte da una giuria di qualità, le nove Tecnovisionarie 2019 insignite del Premio sono:

    Daniela Trabattoni, Director of Women’s Heart Center Interventional Cardiology Unit 3, Centro Cardiologico Monzino (Categoria Salute), Marinella Levi, Professore Ordinario, CMIC Politecnico Milano (Categoria Ricerca Scientifica), Emilia Rio, Direttore Risorse Umane, HSE, Organizzazione e Change Management, A2A, Presidente AMSA S.p.A. (Categoria Energia Rinnovabile e Ambiente), Marina Gandini, Junior Research Scientist presso Glass to Power, spin off dell’Università di Milano Bicocca (Categoria Energia Rinnovabile e Ambiente), Jayshree Seth, Corporate Scientist and Chief Science Advocate, 3M US (Categoria Ricerca applicata), Silvia Bencivelli, Medico, giornalista scientifica e conduttrice radiofonica e televisiva (Categoria Divulgazione scientifica); Premio Speciale Arte e Scienza Sonia Bergamasco, attrice e regista; Premio Speciale Pubblica Amministrazione Monica Parrella, Direttrice Generale del Personale del Ministero dell’Economia e delle Finanze;  Premio Speciale Europa: Jill Morris, Ambasciatore britannico in Italia e San Marino.

    L’evento 2019 sarà caratterizzato anche da un’esperienza raffinata di gusti, tra tradizione e innovazione, a cura della società di catering T’a Milano di Tancredi e Alberto Alemagna; la tela d’arte della collezione ANITÀ, che le premiate riceveranno è stata creata appositamente per il Premio e dedicata alle donne che hanno saputo coniugare “cuore e invenzione” raggiungendo traguardi al servizio degli altri”.

    Media partner di questa edizione è il magazine ELLE, diretto da Maria Elena Viola, il brand internazionale (45 edizioni nel mondo) nato in Francia nel 1945, che da sempre segue e sostiene l’evoluzione del mondo femminile perché ELLE considera le donne le protagoniste del cambiamento, la vera energia alla base della società.

  • In Val Tidone la 29a edizione del Premio Solidarietà per la Vita S. Maria del Monte

    Domenica 30 giugno, alle ore 18, presso il Santuario di Santa Maria del Monte (Nibbiano-Alta Val Tidone) si svolgerà la 29a edizione del Premio Solidarietà per la Vita S. Maria del Monte in cui il Prefetto di Piacenza, dott. Maurizio Falco, consegnerà l’onorificenza al notaio Giovanna Covati. Il Premio, promosso dalla Banca di Piacenza, verrà consegnato al termine della messa presieduta da S.E. Mons. Antonio Napolioni Vescovo di Cremona.

  • Al presidente della Banca di Piacenza Sforza Fogliani il Premio ‘Cuore d’Oro’ 2019

    L’edizione 2019 del Premio ‘Cuore d’Oro’, istituito nel 2001 dall’associazione La Mietitrebbia guidata dal cav. Antonio Marchini, farà tappa a Niviano (PC) il prossimo 10 maggio quando, durante una serata conviviale, il prestigioso riconoscimento verrà assegnato al Presidente della Banca di Piacenza, Corrado Sforza Fogliani. L’istituto piacentino, infatti, da tempo si sta distinguendo per la sua particolare vicinanza alle esigenze dei cittadini del territorio e per l’organizzazione di attività e iniziative legate anche al mondo della culturale e del sociale.

  • La Banca di Piacenza indice il Premio Battaglia per gli studenti universitari

    La Banca di Piacenza, per onorare la memoria dell’avv. FRANCESCO BATTAGLIA, già tra i fondatori e presidente della Banca, ha istituito – al fine di approfondire e valorizzare gli studi svolti localmente – un premio annuale di € 3.000.
    Il Premio verrà assegnato il 6 settembre 2019, trentatreesimo anniversario della scomparsa dell’avv. Francesco Battaglia, ad uno studente universitario che per la profondità e l’acutezza del suo lavoro di ricerca originale, compiuta al fine della partecipazione al Premio, abbia portato un valido contributo all’illustrazione e/o all’approfondimento del seguente argomento:
    “Salita al Pordenone, un evento promosso dalla banca locale che non ha goduto di contributi né pubblici né della comunità”.
    Possono partecipare al concorso tutti gli studenti iscritti presso una delle sedi universitarie dell’Emilia Romagna, della Liguria o della Lombardia che, entro giovedì 31 maggio 2019, faranno pervenire con plico raccomandato o consegneranno personalmente il proprio elaborato sull’argomento come sopra stabilito alla Banca di Piacenza – Ufficio Segreteria – Via Mazzini n. 20 – 29121 Piacenza – Telefono 0523.542.152 – 542.251.
    Il Premio potrà essere assegnato o meno a giudizio inappellabile del Consiglio di Amministrazione della Banca.
    Ai concorrenti che, pur non risultando assegnatari del Premio “F. Battaglia”, si siano distinti – a parere insindacabile del Consiglio di Amministrazione – per la qualità e l’impegno del loro elaborato, verrà riconosciuto un premio di partecipazione a titolo di rimborso delle spese sostenute per documentarsi in materia.
    Sia l’assegnatario del Premio “F. Battaglia” che i beneficiari dei premi di partecipazione riceveranno comunicazione scritta del riconoscimento dei premi conseguiti. Gli elaborati premiati resteranno di proprietà della Banca di Piacenza, cui è riconosciuto il diritto da parte degli assegnatari – col fatto stesso di partecipare al concorso – dell’esclusivo utilizzo degli stessi.

  • Eccellenze pugliesi premiate a Milano

    Cosa hanno in comune un famoso dj e volto televisivo, un generale dell’esercito italiano e un’azienda agricola di frutti benefici? L’origine pugliese! E così il prossimo 24 novembre, alle ore 17, nella Sala conferenze di Palazzo Reale a Milano (piazza Duomo, 14), Pasquale di Molfetta, meglio noto come Linus, dj e conduttore radiofonico e televisivo, il Generale e attuale Capo di Stato Maggiore dell’Esercito italiano, Salvatore Farina, e l’azienda agricola Masseria Fruttirossi di Castellaneta Marina (Taranto), specializzata nella coltivazione di piante da frutti dalle proprietà benefiche e salutari, quali il melograno, l’aronia e le bacche di Goji, riceveranno il Premio ‘Ambasciatori di Terre di Puglia’. Giunto alla 13esima edizione l’evento, organizzato dall’Associazione regionale pugliesi di Milano, presieduta dal generale Camillo de Milato, premia le eccellenze pugliesi, cioè tutti coloro che, in vari campi, hanno contribuito alla valorizzazione del patrimonio umano, culturale e sociale della Puglia facendola conoscere in Italia e nel mondo. Nel corso degli anni sono state premiate illustri personalità, istituzioni del mondo scientifico, culturale e caritativo, quali il Carnevale di Putignano, l’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo, e personaggi del calibro di Lino Banfi e Checco Zalone, cantanti come Ron, Al Bano Carrisi, Renzo Arbore, i Negramaro, gli stilisti Ennio Capasa e Angelo Inglese, Teo Teocoli, i registi Sergio Rubini ed Edoardo Winspeare, lo scrittore Marcello Veneziani, il fisico Orazio Svelto.

    Tra i premiati di questa edizione figura anche il Rettore dell’Università di Bari, Antonio Felice Uricchio.

    Il logo ufficiale del Premio è un’immagine del faro di Santa Maria di Leuca che si erge sull’estremo promontorio di Puglia, de finibus terrae, che guarda a Oriente. Il Premio “Ambasciatore di terre di Puglia” è organizzato dall’Associazione regionale pugliesi di Milano con il patrocinio di Comune di Milano, Regione Lombardia, Regione Puglia e Città metropolitana di Milano.

  • Ma l’Ambrogino d’oro è ancora un riconoscimento per chi dà lustro a Milano?

    Un tempo i riconoscimenti si davano in virtù di quanto si era fatto negli anni per la propria nazione, per la propria città, per la scienza, per la cultura, per la capacità imprenditoriale che aveva creato posti di lavoro, per aver difeso la giustizia contro la violenza ed i soprusi, per  la  generosità e le opere di bene, in sintesi si dava un premio a persone che avevano operato per il bene della società e non per il proprio interesse e che perciò non avevano lucrato sulla ingenuità del prossimo o sulle mode di passaggio, che avevano dato esempi per le generazioni più giovani. Leggo che tra i nomi proposti per l’Ambrogino d’oro, benemerenza un tempo molto ambita e non facile da conquistare, appaiono quello di una discoteca, che in molte occasioni è assunta alle cronache per fatti non edificanti, e una oggi nota blogger della quale solo qualche anno fa nessuno conosceva l’esistenza. Non risulta a nessun abitante di Milano e dintorni che queste candidature possano vantare i requisiti che per tanti anni hanno indirizzato l’assegnazione dell’ambito riconoscimento e si ha la sensazione che sia l’ennesima marchetta, di alcuni rappresentanti politici, in vista delle future elezioni.

    Trovo imbarazzo nell’approfondire il tema, imbarazzo per un centro destra che con queste scelte conferma l’abisso che ha contribuito a creare, quello dello scollamento tra cittadini ed istituzioni, a prescindere dai voti che oggi si raccattano e domani si possono perdere, come dimostra la parabola discendente e già discesa di Forza Italia e di Renzi. L’arroganza, la spregiudicatezza, il livellamento in basso, l’assenza di un minimo di principi etici, la corsa a seguire le mode ed il momento trascinano in una spirale nella quale arroganza, incapacità di pensiero e di visione del futuro si alimentano. I Romani dicevano parcere victis et debellare superbos, ed i superbi ancora una volta cadranno al momento giusto.

  • On line i bandi per la XXI edizione dei Premi di Laurea del Comitato Leonardo

    Tornano anche quest’anno i Premi di Laurea del Comitato Leonardo, i prestigiosi riconoscimenti che premiano i giovani e le tesi più innovative nei diversi settori dell’eccellenza Made in Italy: sport, moda, gioielleria, meccanica, innovazione tecnologica, sostenibilità, nautica, farmaceutica, internazionalizzazione. Nato nel 1993 su iniziativa comune dell’ICE, di Confindustria e di un gruppo d’imprenditori, tra i quali Gianni Agnelli e Sergio Pininfarina, il Comitato Leonardo è presieduto oggi dall’imprenditrice Luisa Todini e ha come obiettivo primario la promozione dell’Italia come Sistema Paese attraverso varie iniziative finalizzate a metterne in rilievo le doti di imprenditorialità, creatività artistica, raffinatezza e cultura che si riflettono nei suoi prodotti e nel suo stile di vita. Quella del 2018 è la XXI edizione dei Premi che da sempre ricevono sostegno e collaborazione da parte di numerose aziende Associate al Comitato Leonardo. Grazie a questo sodalizio infatti nel corso degli anni oltre 150 giovani neolaureati provenienti da istituti e Università di tutta Italia hanno beneficiato di un supporto concreto per i propri studi.

    Anche per il 2018 alcune prestigiose aziende italiane, Associate al Comitato, contribuiranno all’assegnazione dei Premi di Laurea. 12 i bandi indetti: 8 borse di studio del valore di 3.000 euro e 4 tirocini retribuiti, questi ultimi offerti da Bonfiglioli Riduttori, Damiani, Perini Navi ed SCM Group presso le loro sedi.

    I bandi di questa edizione sono: Premio “Clementino Bonfiglioli” Bonfiglioli Riduttori SpA “Digitalizzazione di sistemi in ambito industriale”,  Premio “Alfredo Canessa” Centro di Firenze per la Moda Italiana “La Moda e il Made in Italy”, Premio CONI “Sport ed economia: il turismo sportivo opportunità di sviluppo dei territori e di crescita del Paese. dati, analisi e trend del turismo sportivo in Italia e nel mondo”, Premio Damiani SpA “Gioielleria Made in Italy di marca ieri, oggi e domani: evoluzione nelle modalità di consumo della gioielleria di marca dagli anni ’60 ad oggi e prospettive future”, Premio Dompé Farmaceutici “Effetti dell’assunzione di Amminoacidi Ramificati (BCAA) durante l’esercizio fisico di resistenza sulla percezione della fatica, danno muscolare e metabolismo energetico”, Premio G.S.E. – Gestore Servizi Energetici “Sviluppo di sistemi energetici in ambito agro-alimentare per promuovere nuovi modelli di bio-economia circolare”, Premio Leonardo SpA “Soluzioni e tecnologie innovative nel campo della autonomia dei sistemi”, Premio Gruppo Pelliconi, “L’impatto di industria 4.0 sugli aspetti organizzativi aziendali”, Premio Perini Navi S.p.A, “Come far convivere l’anima Perini Navi in due progetti di stile MotorYacht e SailingYacht con stesse dimensioni tra i 50 e i 70 mt”, Premio SCM Group “Sensoristica MEMS per macchine utensili: tipologia, utilizzo, integrazione e bus di campo”, Premio SIMEST S.p.A. “Le imprese italiane e i mercati internazionali. La finanza del “Sistema Italia” per lo sviluppo della competitività”, Premio Vetrya “Applicazioni di intelligenza artificiale e machine learning”.

    “La cultura fa sempre la differenza: per chi si appresta ad entrare nel mondo del lavoro ma anche per chi ha già un’occupazione e magari è a capo di una grande azienda. Il Rapporto Istat sulla Conoscenza, pubblicato per la prima volta quest’anno, lo dimostra. Una buona scolarizzazione è quindi garanzia di migliori performance lavorative in ogni settore e ad ogni grado” – è il commento di Luisa Todini, Presidente del Comitato Leonardo. “Con l’iniziativa dei Premi di Laurea, il Comitato Leonardo e le aziende Associate, si impegnano da 21 anni a spronare le nuove generazioni, offrendo un aiuto concreto alla realizzazione di progetti brillanti ma anche un’occasione di confronto diretto con prestigiose realtà aziendali. Un impegno che si traduce in un investimento per il futuro, in quanto i giovani laureati di oggi saranno i manager preparati di domani.”

    I bandi integrali ed i moduli di partecipazione sono disponibili nella sezione “Premi di Laurea” del sito: http://www.comitatoleonardo.it/it/categoria-premi/premi-di-laurea-comitato-leonardo/

    E’ inoltre possibile partecipare ad uno o più bandi inviando la documentazione richiesta alla Segreteria Generale del Comitato Leonardo (c/o ICE, via Liszt 21, 00144 Roma, tel. 06 59927990-7991) entro e non oltre il 6 novembre 2018.

    La premiazione si svolgerà alla presenza del Presidente della Repubblica nel corso della prossima cerimonia di conferimento dei Premi Leonardo.

  • Kuciak and Halet awarded prize for ‘Journalists and Whistleblowers’

    The murdered Slovak journalist Ján Kuciak and LuxLeaks whistleblower Raphaël Halet have been named the first recipients of the inaugural award for ‘Journalists, Whistleblowers and Defenders of the Right to Information’, by the European United Left/Nordic Green Left (GUE/NGL) in the EU Parliament.

    Named in honour of the late Maltese journalist, Daphne Caruana Galizia, the two have been jointly awarded for their work and their courage in exposing corruption and wrongdoing by the powerful.

    Kuciak has been posthumously recognised for his investigative work into tax fraud amongst businessmen with links to top Slovak politicians. His murder in February 2018 led to the toppling of the Fico government.

    Halet, meanwhile, is the former PwC employee behind LuxLeaks alongside Antoine Deltour. Halet helped to leak the documents that exposed multinatioals’ tax evasion in Luxembourg. He remains on trial for the exposé.

    This year’s award is named in honour of the late Maltese journalist, Daphne Caruana Galizia, and her sisters and son, Matthew, joined MEPs and invited guests to mark the occasion. The winners will receive 5000 euros for their work.

    The other nominees were:

    – Gjorgji Lazarevski and Zvonko Kostovski
    Two intelligence officers whose revelations about wiretapping of over 20,000 political opponents by ex-FYROM PM Nikola Gruevski’s government led to the cabinet’s resignation.

    – Julian Assange
    Founder of WikiLeaks who has been holed up inside the Ecuadorian embassy in London since 2012 to avoid probable extradition to the US.

    – Maria Efimova
    Former Pilatus Bank employee-turned-whistleblower exposed corruption relating to the Azeri and Maltese leaderships. Currently in Greece but wanted by Cypriot and Maltese authorities.

Close

Adblock Rilevato

Ti preghiamo di supportarci disabilitando il tuo ad Block su questo dominio.