Terrorismo

  • Al-Shabab denies plan to attack Somali leaders

    The al-Qaeda-allied al-Shabab militant group has dismissed reports that it was planning an attack against the Somali president and prime minister.

    Pro-al-Shabab Somali Memo website quoted an unnamed senior al-Shabab commander who termed the claim by the Somali National Intelligence and Security Agency (Nisa) “laughable”.

    The Shabab commander said Nisa was “not capable” of unearthing the group’s operations.

    The militants claimed the statement from the spy agency “indicates an imminent threat” against some officials because of political disputes.

    “Although the leaders and the officials of the apostate (Somali government) are always our target, we will not allow them to involve us in their disputes,” the jihadist commander was quoted as saying.

    The group also denied the existence of a senior al-Shabab operative named Mohamed Mahir, who Nisa said was leading the alleged attack plot.

    Somalia’s security situation continues to be be jeopardised by political wrangles over its delayed election.

  • US sanctions alleged IS financiers based in South Africa

    The US has warned that Islamic State (IS) members in South Africa are playing a key role in transferring money to the group’s branches across the continent.

    This comes after the US imposed sanctions against four alleged Islamic State of Iraq and Syria (Isis) and Isis-Mozambique (Isis-M) facilitators based in South Africa.

    Among the four men is alleged Durban Isis cell leader, Farhad Hoomer. He was arrested in 2018, but later released along with his associates, for their alleged involvement in a plan to deploy improvised explosive devices near a mosque and commercial and retail buildings in the region.

    The case against them was thrown out of court because of delays by the prosecution in submitting evidence. Mr Hoomer was never asked to plead in court and has threatened to sue the state for damages.

    On Tuesday, the US Office of Foreign Assets Control (OFAC) also listed three others, aside from Mr Hoomer, as being sanctioned including one Ethiopian and one Tanzanian national.

    They are allegedly linked to recruitment, robberies, kidnapping and extortion. They have not commented on the accusations.

    The OFAC has said that IS members and associates in South Africa are “playing an increasingly central role in facilitating the transfer of funds from the top of the ISIS hierarchy to branches across Africa”.

    They say IS has recently attempted to “expand its influence in Africa through large-scale operations in areas where government control is limited”.

    The sanctions mean the four men are effectively blocked from doing business with the United States.

    In response to the sanctions, South Africa’s main opposition party, the Democratic Alliance (DA), has urged the country’s finance minister to act against terrorism financing.

    It said in a statement that “South Africa’s robust financial system should not be a safe haven for terrorism, nor should it be subject to abuse by terrorists who harm innocent people on our continent and abroad”.

  • Myanmar charges US journalist with terrorism

    Military-ruled Myanmar has charged an American journalist with sedition and terrorism, which carry a maximum sentence of life imprisonment, his lawyer says.

    Danny Fenster, 37, who was managing editor of Frontier Myanmar, was detained at Yangon international airport in May.

    Dozens of local journalists have been detained since a coup in February.

    Mr Fenster’s trial on these charges is scheduled to begin on 16 November.

    He is already on trial for allegedly encouraging dissent against the military, unlawful association and breaching immigration law.

    But the new charges are the most serious, carrying a maximum sentence of life imprisonment. It is not clear what Mr Fenster is accused of doing.

    “He has become quite thin,” his lawyer, Than Zaw Aung, told the AFP news agency.

    Thousands of people were detained during bloody demonstrations earlier this year after military leaders seized power.

    At least 1,178 people were killed and 7,355 arrested, charged or sentenced during a crackdown on dissent that followed Aung San Suu Kyi being ousted from power, according to the Assistance Association for Political Prisoners.

    The military has since clamped down on the country’s independent media, arresting dozens of journalists.

    The military government released hundreds of political prisoners last month but Mr Fenster was not among them.

    The United States has urged Myanmar’s junta to free Mr Fenster immediately.

    “The profoundly unjust nature of Danny’s detention is plain for all the world to see,” a State Department spokesperson told AFP.

    “The regime should take the prudent step of releasing him now… His continued detention is unacceptable. Journalism is not a crime.”

    His brother Bryan Fenster said in a message to Reuters: “We are as heartbroken about these charges as we have been about the other charges brought against Danny.”

    Frontier Myanmar is an English-language news magazine and website based in Yangon, which describes itself as independent and has covered the military coup extensively.

    Mr Fenster, who worked for Frontier Myanmar for around a year, was arrested as he was about to fly out of the country to see his family in May. He has been held in Yangon’s notorious Insein prison since.

  • A volte l’Occidente sa ancora imporsi: la Francia elimina il capo dell’Isis nel Grande Sahara

    Della morte di ‘Awas’ si parlava ormai da un mese. L’ufficialità l’ha voluta annunciare direttamente Emmanuel Macron, con un tweet che ha utilizzato la parola “neutralizzato” per descrivere la fine di Adnan Abou Walid Al-Sahraoui, detto appunto Awas, capo del gruppo jihadista Stato Islamico nel Grande Sahara (EIGS). Si tratta “di un nuovo importante successo nella battaglia che conduciamo contro i gruppi terroristici nel Sahel”, ha sottolineato il presidente francese celebrando le gesta di Barkhane, la forza francese che opera nella regione.

    Mentre Joe Biden faceva la figura del nuovo Jimmy Carter in Afghanistan, facendo di Kabul la nuova Saigon, Parigi in piena estate aveva annunciato senza scendere in dettagli la morte o la cattura di diversi alti dirigenti dell’EIGS da parte di Barkhane e dei suoi alleati sul territorio. Il raid francese che ha ucciso Adnan Abou Walid al-Sahraoui risale a “metà agosto”, ha precisato oggi in un punto stampa sull’argomento la ministra della Difesa, Florence Parly, definendo l’operazione “una manovra di raccolta di informazioni di ampio respiro insieme a diverse altre operazioni di cattura di collaboratori di al-Sahraoui”. L’azione è avvenuta mentre l’emiro del terrore circolava su una moto, al posto del passeggero. Il veicolo è stato colpito da un drone in una regione a sud di Indelimane, nel Mali, nella cosiddetta zona delle 3 frontiere, secondo quanto precisato dal capo di stato maggiore francese Thierry Burkhard.

    Era stato lo stesso Awas, ex membro del Fronte Polisario, il movimento indipendentista sahraoui, e poi di AQMI (Al Qaida del Maghreb islamico), a creare l’EIGS nel 2015 prima di essere designato come “nemico pubblico numero 1” nella regione. Il vero nome del capo di EIGS eliminato sarebbe stato Lahbib Abdi Said, nato negli anni Settanta nel Sahara occidentale nella grande tribù nomade dei Reguibat. Nel nord del Mali apparve attorno al 2010, un paio d’anni dopo era fra i più attivi nell’organizzare la mobilitazione bellica di gruppi armati jihadisti nella regione. Dal 2016 si sono registrati i primi attacchi del suo movimento, EIGS: da allora Awas era diventato il comandante delle operazioni nella zona delle tre frontiere.

    La ministra Parly ha ricordato che l’EIGS è stato protagonista di attacchi sanguinosi contro militari ma anche civili, nel Mali, in Niger e in Burkina Faso. Viene considerato responsabile della morte di “2.000-3.000 civili dal 2013”. Il successo militare è particolarmente benvenuto in questo momento a Parigi, dopo l’annuncio da parte di Macron del progetto di ridurre la presenza francese nel Sahel di qui alle elezioni presidenziali del prossimo aprile.

  • Afghanistan: la beffa dei terroristi e dei talebani all’Occidente

    In Afghanistan diventano sempre più violenti e potenti i talebani mentre a Herat da giorni è in atto un vero conflitto a fuoco tra i sodati regolari e gli estremisti che continuano ad attaccarli e ad uccidere tutti coloro che, in qualche modo, hanno collaborato con gli occidentali. Era tutto prevedibile e previsto, come per altro avevamo detto appena fu annunciato il cosiddetto piano di pace voluto dagli Stati Uniti. L’accordo con le forze  militari e religiose eredi del mullah Omar era e resta impossibile, come impossibile era pensare di riportare in Afghanistan un minimo di democrazia e pace senza che prima  sul territorio rinascesse una forza simile a quella che era il comandante Massud. Il 9 settembre, pochi ricorderanno la sua uccisione per mano di terroristi provenienti, come in altri attacchi terroristici, da Bruxelles, pochi ricorderanno quanto inutilmente il comandante avesse richiesto l’aiuto dei paesi occidentali per impedire che l’Afghanistan precipitasse definitivamente nel terrore e nella barbarie riportando nuovamente indietro la storia. Molti ricorderanno invece l’11 settembre dello stesso anno, l’attacco agli Stati Uniti, la strage di innocenti cittadini ignari dell’ escalation di violenza e terrore che dal giorno della loro morte sarebbe cominciata in tutto il mondo. Sono passati 20 anni, sono state distrutte molte, moltissime vite e siamo punto e a capo, incapaci anche di salvare la vita a coloro che in Afghanistan hanno creduto in noi. Questa pace falsa, inesistente, è la nuova beffa che i terroristi ed i talebani hanno fatto all’Occidente e la nostra, purtroppo, consolidata ignavia condannerà di fatto a morte, ancora, coloro che avremmo dovuto salvare.

  • Terrorista islamico arrestato a Salerno

    Era stato in Siria nel 2012 e si era arruolato nelle file di al-Nusra, braccio armato di al-Qaeda, poi quando il Califfato aveva preso terreno sotto la guida di Abu Bakr al-Baghdadi, aveva deciso di continuare a combattere per lo Stato islamico, di cui era diventato uno dei capi militari. Afia Abderrahman, più noto tra i foreign fighter con il nome di battaglia di Abu al-Bara, 29 anni, marocchino, è stato catturato dalla polizia a Lago, in provincia di Salerno. Su di lui, fanno sapere le autorità, pendono le accuse di associazione a delinquere finalizzata alla preparazione e alla commissione di atti di terrorismo, detenzione illegale di armi da fuoco, attività collettiva avente fine di attentare all’ordine pubblico e raccogliere fondi per il finanziamento di atti di terrorismo. A firmare il mandato d’arresto è stato il procuratore generale presso la Corte di appello di Rabat, in Marocco, il 28 giugno scorso. La misura è poi stata estesa a livello internazionale l’8 luglio.

    La cattura dell’ex foreign fighter è avvenuta grazie alla collaborazione tra l’intelligence italiana, marocchina e l’Interpol, che attraverso una minuziosa attività di osservazione, controllo e pedinamento, grazie anche all’uso di tecnologie all’avanguardia, sono riusciti a localizzare l’uomo vicino a un bar in Campania, mentre si trovava lì con altri cittadini extracomunitari. A quel punto è scattata l’operazione che ha portato all’arresto del 29enne, a carico del quale risultano segnalazioni nella banca dati Schengen inserite da Spagna e Francia. L’uomo era inoltre già emerso all’attenzione del Comparto sicurezza nel 2018, in quanto segnalato dall’intelligence come combattente jihadista. Adesso è detenuto nel carcere di Salerno, a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa del perfezionamento della procedura per l’estradizione.

  • Italia e Usa preoccupati per l’Isis in Africa

    C’è sintonia, “un allineamento di valori”, quasi hanno parlato all’unisono Luigi Di Maio e Antony Blinken, che il 28 giugno insieme hanno presieduto la ministeriale della Coalizione anti-Daesh alla nuova Fiera di Roma, la prima dopo due anni di pausa, con le delegazioni di 80 Paesi. La seconda giornata della visita del segretario di Stato Usa in Italia è stata dedicata soprattutto alla lotta all’Isis. Ed è stata anche l’occasione anche per ribadire la visione atlantista dell’Italia – nonostante gli accordi commerciali con la Cina – come fedele alleato degli Stati Uniti, in guerra (politica) col nemico cinese, sulla scia del faccia a faccia tra Joe Biden e Draghi al G7 in Cornovaglia.

    Lo Stato Islamico è scomparso dai media e dal terreno, perlomeno in Siria e Iraq, nonostante restino ancora sacche di resistenza dove l’applicazione estremistica e ideologica della sharia torna a rialzare la testa. “Daesh è stato sconfitto nella sua dimensione territoriale, ma non è stato sradicato – ha avvertito Di Maio -. Per questo l’Italia, con oltre 800 unità dislocate tra Iraq e Kuwait, continuerà a mantenere in Iraq, nel rispetto della sovranità irachena e in pieno accordo con Baghdad, un significativo contingente militare”. Parole, anche queste, in linea con la visione americana nel giorno in cui Washington ha lanciato nuovi raid contro milizie filoiraniane al confine tra l’Iraq e la Siria. Attacchi che hanno fatto infuriare il premier iracheno, Mustafa Al Khadimi, per la “flagrante violazione” della sovranità territoriale del suo Paese. Secca la replica di Blinken dalla conferenza stampa alla Fiera di Roma: “Con quelle azioni abbiamo dimostrato che il presidente Biden è pronto ad agire e a difendere gli interessi nazionali. Speriamo che il messaggio sia chiaro”.

    Ma a preoccupare adesso è soprattutto il tentativo dell’Isis di allargarsi in Africa, attraverso le sue ramificazioni locali, destabilizzando Paesi cruciali per l’Europa, soprattutto nel Sahel, da dove partono la maggior parte dei migranti che sperano di attraversare il Mediterraneo e dove è già schierato un contingente internazionale, di cui l’Italia fa parte, per sostenere in particolare il Mali a combattere i jihadisti, ora che la Francia ha deciso di ridimensionare la propria presenza militare nella regione. “L’Italia farà la propria parte, impegnandosi per la pace, la stabilità e lo sviluppo sostenibile anche in quest’area, prioritaria per la nostra politica estera”, ha detto Di Maio proponendo la creazione di un Gruppo di lavoro che si concentri sul contrasto allo Stato islamico nel continente africano. Proposta accolta con “forte sostegno” dagli Stati Uniti che riconoscono all’Italia “una leadership” nell’affrontare “le sfide comuni al centro dell’agenda globale”. “Un allineamento di valori” tra Italia e Usa “per i diritti umani e la democrazia”, ha sottolineato Blinken.

    Quei diritti umani che la Cina viola nello Xinjiang, ai danni della minoranza musulmana degli uiguri, costringendo Stati Uniti e Unione europea ad imporre sanzioni contro Pechino, ricambiate in egual misura. “L’Italia è un forte partner commerciale della Cina, abbiamo relazioni storiche, ma non vanno a interferire con le relazioni che abbiamo con Usa e Nato”, ha assicurato però Di Maio rispondendo a una domanda in conferenza stampa, garantendo che “la nostra democrazia è in grado di affrontare questioni come i diritti umani” quando si trova in prima linea con un partner scomodo. Del resto, è stata invece la risposta conciliante di Blinken, con la Cina “gli Usa e gli alleati europei trovano le stesse difficoltà: un rapporto che ha dei contrasti, degli aspetti di concorrenza, ma anche di cooperazione”.

    Sulla Libia ci si è soffermati negli incontri che il segretario di Stato Usa ha avuto con Draghi a Palazzo Chigi e con Mattarella al Quirinale, con quest’ultimo che ha definito “centrale per gli equilibri del Mediterraneo e per la politica estera e di sicurezza dell’Italia” il dossier. Il capo dello Stato ha poi espresso all’ospite tutta la sua “soddisfazione” per la fase di rilancio della collaborazione transatlantica e la ripresa della piena sintonia tra agenda Ue e agenda Usa.

  • Pakistan says 4 soldiers killed in ambush by Afghan militants along border

    Four Pakistani soldiers were killed and six others were wounded along the Pakistan-Afghanistan border on Wednesday in an ambush by militants from Afghanistan, Pakistan’s military said, as the soldiers were doing controversial border fencing work.

    The soldiers were working on fencing along the border in Zhob district, an area of Pakistan’s Balochistan province, the military said in a statement. Zhob sits across from Afghanistan’s eastern Paktika province.

    Officials in Afghanistan did not immediately reply to a request for comment.

    Pakistan has said it is constructing a fence along its 2,500 km (1,500 mile) frontier with Afghanistan to secure the area, despite Kabul’s protests that the barrier would divide families and friends along the Pashtun tribal belt straddling the colonial-era Durand Line drawn up by the British in 1893.

    Security forces from the two countries occasionally exchange fire along the disputed border. In July 2020, at least 22 people were killed as crowds waited to enter Afghanistan from Pakistan at a border crossing, with both Pakistani and Afghan soldiers exchanging fire.

    In April a car bomb at a luxury hotel in the city of Quetta, the provincial capital of Balochistan, killed four people, in an attack later claimed by the Pakistani Taliban. China’s ambassador to Pakistan was staying at the hotel, but was not present during the attack.

  • Uccisi i tre europei sequestrati in Burkina Faso

    Sono stati uccisi i tre europei, due spagnoli e un irlandese, che erano stati sequestrati da un gruppo di uomini armati che aveva attaccato una pattuglia anti-bracconaggio nell’Est del Burkina Faso. Lo ha comunicato una fonte della sicurezza burkinabe’, secondo la quale i tre uomini sono stati “giustiziati dai terroristi”. L’identità delle vittime spagnole è stata comunicata dal capo del governo di Madrid, Pedro Sanchez: si tratta del giornalista David Beriain, 44 anni, e del cameraman Roberto Fraile, 47 anni.

    I due reporter spagnoli si erano uniti alla pattuglia, composta sia da elementi militari che civili, per effettuare un servizio sulla caccia illegale. Non è ancora nota l’identità della vittima irlandese, un dipendente di una Ong conservazionista. Non si hanno notizie della quarta persona che era stata data per dispersa, un soldato burkinabe’. Il convoglio era caduto in un’imboscata sulla strada tra Fada N’Gourma e Pama, un’area ricca di foreste dove vive una popolazione di elefanti minacciata dai bracconieri, che li uccidono per impossessarsi delle zanne e venderle sul mercato nero dell’avorio. Almeno tre persone sono rimaste ferite nell’assalto. L’attacco non è stato per ora attribuito in modo specifico a nessuna delle varie formazioni jihadiste attive nel Paese africano.

    “Si conferma la peggiore delle notizie. Tutto l’affetto ai familiari e ai congiunti”, ha scritto Sanchez su Twitter, esprimendo “riconoscimento a chi, come costoro, realizzava ogni giorno un giornalismo coraggioso ed essenziale dalle aree di conflitto”. Entrambi i giornalisti uccisi avevano esperienza in aree di crisi. Fraile, nato a Salamanca e padre di due figli, aveva lavorato in Siria, dove era stato ferito mentre era al seguito della Free Syrian Army. Originario della Navarra, Beriain aveva realizzato servizi in numerosi scenari di conflitto, tra cui Colombia, Pakistan e Sudan. Beriain è inoltre autore di un documentario sulla ‘ndrangheta, ‘Clandestino’, che gli era costato un’inchiesta della Procura di Milano per truffa in concorso insieme ad altri tre indagati. Secondo le accuse il documentario, che era stato trasmesso nel novembre 2019 dal canale televisivo ‘Nove’, conteneva sequenze ricostruite con attori in studio che erano state presentate come riprese di vere attività criminali effettuate da giornalisti sotto copertura.

    Il Burkina Faso dal 2015 è entrato nell’orbita dell’offensiva jihadista in Sahel. All’aprile di quell’anno risale il primo sequestro di un cittadino europeo, una guardia di sicurezza rumena rapita in una miniera di manganese a Tambao della quale non si hanno più notizie da allora. Con il passare degli anni la violenza islamista si è estesa dall’area settentrionale del Sahel, confinante con Mali e Niger, al resto del Paese, in particolare l’Est, dove nel 2018 è cresciuta la presenza delle milizie, che hanno inoltre aizzato le tensioni intercomunitarie. Tra i gruppi terroristi più attivi figurano Ansarul Islam, la filiale di Al Qaeda nel Sahel, il Gruppo per il sostegno dell’Islam e dei musulmani (Gsim), e lo Stato Islamico nel Grande Sahara (Isgs). Solo nel 2020 le vittime delle attività terroristiche sono state 2.200. Il grave deterioramento delle condizioni della sicurezza ha provocato inoltre oltre un milione di sfollati, ovvero un abitante su 20.

  • Quelle strade di polvere rossa

    Riceviamo e pubblichiamo un articolo dell’On. Marco Zacchera tratto da ‘Il Punto’ n. 804 del 26 febbraio 2021

    E’ con commozione che va un ricordo all’ambasciatore Luca Attanasio e a Vittorio Iacovacci, il suo carabiniere di scorta.

    Vedendo l’immagine di Attanasio riverso – pallido e morente – su un fuoristrada mentre lo portavano in un ospedale lungo quelle strade di polvere rossa (dove ben difficilmente l’avrebbero comunque salvato) non potevo che ricordare viaggi vicini e lontani nel tempo tra quella stessa polvere rossa dell’altipiano, quella che si infila ovunque e – appena piove – diventa subito un fango spesso, pesante, che ti si attacca alle suole e resta incollato ai piedi di chi le scarpe neppure le ha.

    Il “mio” Burundi, le cannonate in Rwanda, i tanti profughi che camminano verso il Congo nell’eterna lotta tra hutu e tutsi con le distruzioni e i massacri, le case di mattoni crudi abbandonate con i tetti bruciati e che così si sbriciolano presto.

    Capanne buie, colline terrazzate dove si piantano fagioli in ogni punto possibile pur di avere qualcosa da mangiare, galline che piluccano tra le corsie ospedaliere (dove i pazienti devono farsi da mangiare da soli) in edifici cadenti dove la cosa che ti colpisce di più è l’odore di marcio e di urina.

    E intorno hai sempre tanti, tanti bambini.

    Missionari e volontari eroici, gente di poche parole e da prima linea, quelli che spesso devono fuggire per le minacce di politici corrotti perché sono testimoni pericolosi. Insicurezza totale, campi profughi sterminati, giovani fumati e donne con i figli sulle spalle e una fascina o la tanica d’acqua in testa, perché le fontane sono sempre lontane da casa e ogni volta devi risalire a piedi tutta la collina con il solito fango che ti fa scivolare, eppure le taniche restano sempre diritte…

    Ogni tanto vedi passare i gipponi bianchi dell’ONU o delle grandi associazioni umanitarie con gli altri volontari, quelli che –  ben pagati – il “volontario” lo fanno di mestiere e di solito vivono nelle ville nei quartieri “bene” delle capitali, quasi mai tra la gente disperata.

    Intorno, uno scenario sempre uguale tra mille colline verdi, deforestate e popolate da formiche che sono una umanità povera, divisa, remissiva, paziente, che però ogni tanto si scatena in gesti di violenza inaudita e di lotte tribali.

    Come non ricordare quella mattina presto di metà aprile (avevo proprio l’età di Attanasio ed ero stato appena eletto deputato) quando nella foschia dell’alba per cinquanta metri sbagliammo direzione e finimmo in mezzo ai ribelli che controllavano la strada. Un albero di traverso per obbligarci a frenare e poi quegli occhi rossi dietro la punta del kalashnikov puntato diritto in faccia, con nemmeno il tempo di avere paura.

    La vita che va e che viene, dipende dall’umore di quegli occhi rossi che ti fissano.

    A noi andò bene e bastarono tre pacchetti di sigarette per poter tornare indietro, ma soprattutto servirono le parole tranquille e convincenti di un missionario saveriano che parlava bene il kirundo.

    A Luca e Vittorio è andata male: è la roulette della vita, un soffio che vola leggero se vai in giro per quelle strade di terra rossa, quella di un’Africa che molti non immaginano neppure.

    Loro passavano di là non per depredare ma per aiutare, ed è proprio per questo che resteranno ben vivi nel nostro ricordo.

    PS: Forse pochi sanno che una qualsiasi nostra ambasciata nel mondo (e il personale che vi lavora) è “difesa” da pochissimi carabinieri –  che anche in Africa al massimo si contano sulle dita di una mano e solo per le sedi più critiche – e un assalto, un agguato, una qualsiasi aggressione può avvenire in un attimo, sia in sede che all’esterno, quando allora conta ben poco la difesa di una pistola d’ordinanza.

    Così come nessuno difende normalmente la sede di un consolato, a volte unica presenza italiana per interi paesi quando le nostre ambasciate – ridotte all’osso – “coprono” diversi stati anche lontani tra loro. Altro che le scorte (inutili) per centinaia di politici e di VIP che scorrazzano con le auto di rappresentanza e le luci blu lampeggianti per le vie di Roma…

Back to top button