AttualitàIn Evidenza

Un imprenditore, un esempio

Sabato 30 gennaio il Presidente dell’Upiveb, Sergio Pirovano, è mancato all’affetto della sua famiglia, dei suoi amici, dell’associazione che da più di 13 anni lo ha visto difendere con intelligenza, dedizione e lungimiranza un comparto strategico per l’Italia contrastando la contraffazione ed il dumping. Puntualmente il Presidente Pirovano è stato protagonista in Europa intervenendo, anche come membro del board della Eifi – European Industrial Fasteners Istitute, sui vari problemi connessi alle importazioni illegali di acciaio ed alle discrasie del mercato con i conseguenti danni non solo per i lavoratori e le imprese ma anche per la salute e sicurezza dei consumatori.

Imprenditore avveduto, che fin dalla giovane età si era occupato dell’azienda di famiglia, dopo la morte del padre, è stato un uomo giusto nei rapporti di lavoro e generoso verso gli altri, fermamente convinto che chi ha di più debba essere capace di aiutare coloro che sono in difficoltà ed essere pronto ad occuparsi anche di quelle situazioni sanitarie che hanno bisogno del contributo dei privati. Rimarranno nella memoria dei presenti i suoi interventi, alle riunioni conviviali di Natale organizzate da Upiveb, sia per la semplicità, serenità ed incisività che per le proposte e la profondità dei sentimenti.

In tanti anni di attività parlamentare in Europa molte sono le persone e i rappresentanti di impresa e di categoria che ho incontrato e con i quali mi sono confrontata sulle reali esigenze e gli obiettivi diritti da difendere, in una visione del commercio internazionale che non dovrebbe mai prescindere dalla capacità di coniugare gli interessi europei e dei paesi terzi con quelli della propria nazione. Molte di queste persone, come è ovvio, sono state conoscenze passeggere, così come spesso avviene anche con i colleghi parlamentari, sembra difficile che la politica regali qualche vera amicizia scevra da interessi. Sergio Pirovano è stato, è restato e resterà un amico, al di là delle più rare occasioni di incontro degli ultimi anni e del rimpianto che in molti avremo per non potere più confrontarci con lui sui tanti problemi che ancora si dovranno affrontare, specie per tutto il manifatturiero, dalla sicurezza dei prodotti alla corretta concorrenza.

Ci mancherà ma il suo esempio, la sua pacatezza, mai disgiunta dalla passione per le cose nelle quali credeva, e la sua determinazione nel lavoro e nella vita ci aiuteranno a sentirlo ancora presente. Nella confusa situazione, non solo del nostro Paese, possiamo solo sperare che vi siano sempre più imprenditori ed uomini come lui.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button