Costume e Società

Le imprese chiedono al Governo più sostenibilità

Sono 17 gli obiettivi dell’Agenda 2030 legati allo sviluppo sostenibile. Per la prima volta un documento ufficiale da parte dell’Asvis per sollecitare il cambiamento

I segnali sono sempre più forti e ormai inequivocabili. Le imprese e il mondo della finanza chiedono al Governo di dare un colpo d’acceleratore alla realizzazione dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 e di aprire un tavolo su questo tema presso Palazzo Chigi. Dieci associazioni imprenditoriali (Confindustria, Alleanza delle cooperative italiane, Confagricoltura, Confartigianato Imprese, Cia, Cna, Confcommercio, Confindustria, Febaf, Unioncamere e Utilitalia), tutte aderenti all’Asvis, hanno indicato per la prima volta in un documento congiunto le linee di azione per accelerare il passo verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, firmata dai 193 Paesi Onu nel settembre 2015.

Il documento, è stato presentato in questi giorni a Milano nell’ambito dell’evento del Festival dello sviluppo sostenibile che si è svolto nell’auditorium di Assolombarda di Milano. Le associazioni hanno anche rinnovato gli impegni assunti nel 2017 con il “Patto di Milano” e hanno chiesto al premier Giuseppe Conte di convocare quanto prima il tavolo proposto dalle associazioni.

Tra tutte le richieste, una serie di interventi necessari per creare un contesto idoneo allo sviluppo sostenibile, per accelerare il decoupling tra crescita economica e pressione ambientale, per affrontare la dimensione sociale della transizione ecologica del sistema produttivo, per favorire lo sviluppo dei territori e la loro resilienza e per promuovere un modello economico orientato allo sviluppo sostenibile.

“L’Agenda 2030 riconosce alle imprese e alla finanza un ruolo fondamentale – ha sottolineato Enrico Giovannini, portavoce Asvis – ed è evidente il cambiamento culturale che sta avvenendo, anche in Italia. Il nostro Paese è ricco di aziende virtuose rispetto allo sviluppo sostenibile ma questo non vale ancora per il sistema nel suo complesso, anche per l’assenza di politiche adeguate”.

“Le imprese italiane sono le più sostenibili d’Europa, ma questo non basta e dobbiamo lavorare insieme alle istituzioni per costruire un modello italiano di sviluppo moderno e sostenibile”, ha dichiarato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. “Il termine sostenibilità – ha aggiunto – deve essere largo e deve essere considerato in chiave di corresponsabilità, cioè non riguarda solo le imprese – che devono fare la loro parte – ma anche tutti gli altri attori della società civile”.

Il vice presidente di Assolombarda Antonio Calabró ha sottolineato che la sostenibilità “è una scelta di economia civile, di economia circolare, è una assunzione di responsabilità ma è anche contemporaneamente una scelta che ha a che fare con la competitività. Per reggere sui mercati nell’alta gamma dei prodotti e dei servizi è necessario avere un grande rispetto per l’ambiente, le persone, i diritti, l’inclusione sociale, la qualità e la sicurezza. La sostenibilità è dentro il nostro modo di fare impresa”.

Per tutti i progetti si contano quasi 200 miliardi di euro, tra risorse proprie e finanziamenti di investitori esterni, sia privati che istituzionali. É il budget finanziario che metterà in moto in tre anni il nuovo Piano industriale del Gruppo Cassa depositi e prestiti, completamente orientato verso obiettivi di sviluppo sostenibile.

“Innoveremo il nostro modello di business e operativo – ha spiegato l’ad di Cdp Fabrizio Palermo – includendo nel processo di valutazione degli investimenti, oltre all’aspetto economico, anche misure degli impatti sociali e ambientali”.

Housing sociale, efficientamento energetico, riqualificazione edilizia, imprese innovative, impatto ambientale, infrastrutture: il ventaglio di interventi è a 360 gradi. Saranno previsti green bond e tassi di finanziamento più vantaggiosi per le imprese sostenibili. “Il sistema finanziario italiano – ha dichiarato Luigi Abete, presidente di Febaf – sta promuovendo una crescita sostenibile con varie modalità: da un lato premiando le aziende che fanno prodotti o processi sostenibili con piani di finanziamento a tassi decrescenti”

 

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker